Quali regole devono rispettare in condominio i proprietari di cani

NEWS DI Condominio05 Marzo 2012 ore 10:19
Tenere un cane in condominio può rappresentare un problema se il regolamento contrattuale lo vieta. Il Tribunale di Lecco spiega come agire.
cane , regole condominio , animali in condominio

CaneI cani, per la loro naturale vivacità o per l'incuria dei loro padroni, possono recare disturbo.
Quest'affermazione, per quanto possa urtare la sensibilità di noi amanti degli animali, non può essere messa in discussione.

Certo è che il disturbo può provenire oltre che da un cane anche dagli esseri umani; la differenza, però, sta nella reazione consentita dall'ordinamento giuridico.


Così per il cane, a differenza dell'essere umano, può essere chiesto l'allontanamento dalla casa del padrone. Il disagio provocato da un cane che abbaia in continuazione può essere enfatizzato in condominio; ebbene, in questi casi, come in altri, il giudice, nel caso di molestie, non deve per forza ordinare l'allontanamento di fido ma può limitarsi a prescrivere che venga tenuto in modo diverso.
Ci offre lo spunto di approfondire quest'ultima affermazione una recente ordinanza emessa dal Tribunale di Lecco. Nel caso di specie una signora teneva il suo cane nel giardino e la vicina del piano superiore si lamentava perché l'animale stava spesso sotto la finestra della sua abitazione e abbaiava ad ogn'ora del giorno e della notte con il risultato di toglierle il sonno.

Il regolamento, diceva questa signora, impone di tenere cani di piccola taglia e comunque di tenerli nelle unità immobiliari: il giardino non può essere considerato tale. In ragione di ciò la ricorrente chiedeva provvedimenti utili alla cessazione del disturbo.

La proprietaria del cane si difendeva sostanzialmente negando le accuse rivoltegli. Il giudice, nell'accogliere il ricorso, prima d'ogni cosa, s'è soffermato sulla natura del regolamento in relazione alla clausola riguardante gli animali in condominio.

Il suo pensiero è conforme a quello espresso dall'unanime dottrina e giurisprudenza. Cane2Secondo il magistrato lombardo quanto all'efficacia delle prescrizioni del regolamento condominiale in materia di divieti, dottrina e giurisprudenza concordano nel ritenere che occorre distinguere i comuni regolamenti condominiali, volti a regolare la disciplina delle cose e dei servizi comuni a noma dell'art. 1138 c.c. dai cosiddetti regolamenti contrattuali (o di natura pattizia), aventi efficacia reale (Trib. Lecco 9 febbraio 2012).

Così, continua il giudice adito, mentre le clausole dei comuni regolamenti condominiali (di formazione interna) non possono imporre divieti, che limitino il diritto di proprietà dei condomini, cioè la facoltà dei proprietari di godere e disporre dei loro appartamenti in modo pieno ed esclusivo, invece i regolamenti condominiali, cosiddetti di origine esterna, aventi natura contrattuale, possono imporre limiti o oneri reali o vere e proprie servita e, quindi, anche il divieto assoluto di detenere determinati animali nelle proprietà esclusive.

In definitiva, la clausola d'un comune regolamento condominiale, che vieta di tenere cani o altri i mimali nei singoli appartamenti non ha valore assoluto, non può limitare la facoltà dei condomini di tenere tali animali, a meno che questi arrechino in concreto disturbo o molestia, ovvero si verifichi una immissio in alienum, che superi i limiti della normale tollerabilità (art. 844 c.c.).

Invece, nel caso di regolamenti contrattuali non si richiede il disturbo effettivo, la molestia, l'immissione intollerabile, poiché il divieto di tenere animali ha valore assoluto, anche quando non si verifichi e non venga in concreto provato un disturbo effettivo ai condomini, perche tale divieto, siccome inserito in un atto avente natura contrattuale, diventa una limitazione reale, una servitù, con la quale il condomino accetta espressamente una limitazione della sua proprietà nei confronti di determinate altre persone (Trib. Lecco 9 febbraio 2012).

Nel caso di specie, si legge nel testo dell'ordinanza, esiste il così detto fumus boni iuris: il regolamento vieta di tenere animali in modo difforme da quanto prescritto; non solo, dice il giudice, ciò comporta anche il pericolo di danno in quanto il cane della resistente è di grossa taglia ed è notorio che questo tipo di cani possa recare maggior disturbo.

L'abbaiare continuo, anche di notte, del cane della resistente, dice il giudice, era da ritenersi accertato. Tutte queste considerazioni, tuttavia, non possono fare concludere per la necessità di allontanare fido.
Cane3Il magistrato del Tribunale di Lecco, infatti, ha poi concluso che s'è vero che il regolamento citato dal ricorrente è di natura contrattuale, è altrettanto vero che esso non vieta in assoluto di tenere animali ma impone di tenerli di piccola o media taglia e nelle unità immobiliari in modo tale che non diano fastidio.

Visto che la resistente aveva un cane di grossa taglia e soprattutto nel giardino, il giudice ha finito pur condividendo le lamentele circa la rumorosità del cane non ha concluso per il suo allontanamento: che il cane sia tenuto nell'appartamento, ha ordinato il Tribunale adito!

riproduzione riservata
Articolo: Cani in condominio, istruzioni per l'uso
Valutazione: 2.50 / 6 basato su 2 voti.

Cani in condominio, istruzioni per l'uso: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Cani in condominio, istruzioni per l'uso che potrebbero interessarti
Animali in condominio, quando è lecito tenerli?

Animali in condominio, quando è lecito tenerli?

Condominio - Quella degli animali in condominio è faccenda che crea spesso tensioni nell'ambito dei così detti rapporti di buon vicinato.
Bonus ristrutturazioni per il condominio minimo: i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate

Bonus ristrutturazioni per il condominio minimo: i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Possibile per i condomini di un condominio minimo portare in detrazione le spese per lavori di ristrutturazione su parti comuni. Cosa dice l'Agenzia delle Entrate
Condominio 4.0: un convegno sulle nuove opportunità relative al mondo condominiale

Condominio 4.0: un convegno sulle nuove opportunità relative al mondo condominiale

Leggi e Normative Tecniche - Condominio 4.0: un convegno organizzato da Harley&Dikkinson a Roma per fare una analisi su tutte le opportunità lavorative relative alla gestione condominiale.

730 precompilato: comunicazione delle spese di ristrutturazione del condominio

Fisco casa - L'Agenzia delle Entrate pubblica le istruzioni per inviare al Fisco i dati relativi alle spese effettuate per lavori di ristrutturazione nell'ambito condominiale

Attenti al cane: basta il cartello per liberare il padrone da responsabilità?

Proprietà - Il cartello di Attenti al cane è solo un avviso della presenza del cane e non libera il proprietario dalla responsabilità per i danni che l'animale può causare?

Regolamento di condominio e animali, cosa dice la Cassazione

Regolamento condominiale - È usuale che nei regolamenti condominiali ci si imbatta nella clausola che recita: vietata la detenzione di animali domestici. Un'indubbia limitazione del diritto d'uso della propria unità immobiliare.

Cosa si intende per condominio pet friendly?

Regolamento condominiale - Il regolamento di condominio pet friendly è quello favorevole agli animali domestici. Possono dunque esistere anche regolamenti non pet friendly? Lo vediamo qui

Responsabilità penale per le aggressioni di animali a terzi vicino la propria abitazione

Leggi e Normative Tecniche - Chi ha in custodia l'animale risponde penalmente delle lesioni da questo causate a terzi, anche nei pressi dell'abitazione, se non prova la presenza del caso fortuito.

Riforma del condominio, molti amministratori rischiano il posto

Condominio - La così detta riforma del condominio, dal 18 giugno 2013 i condomini con meno di dieci partecipanti potranno decidere di revocare l'amministratore, così molti amministratori rischiano di restare disoccupati.
REGISTRATI COME UTENTE
295.630 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Viasol copyr disabituante per cani e gatti
    Viasol copyr disabituante per cani...
    11.41
  • Progettazione di interni
    Progettazione di interni...
    300.00
  • Facciate condominio
    Facciate condominio...
    50.00
  • Scultura spagnola in legno raffigurante cane
    Scultura spagnola in legno...
    1500.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Mansarda.it
  • Inferriate.it
  • Officine Locati
  • Black & Decker
  • Weber
  • Kone
  • Faidatebook
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.