Bonus prima casa in comunione dei beni: viene meno se mancano requisiti a un coniuge

Flash News DI Detrazioni e agevolazioni fiscali17 Giugno 2018 ore 09:34
In caso di acquisto prima casa in comunione di beni non si potrà fruire del bonus se uno dei coniugi non effettua le dichiarazioni previste dalla legge in materia

Prima casa in comunione di beni


Per beneficiare del bonus prima casa sono necessarie le dichiarazioni di entrambi i coniugi.
I requisiti richiesti dalla legge per poter fruire delle agevolazioni devono essere posseduti da marito e moglie e devono essere provati mediante attestazione di entrambi, anche qualora solo uno dei coniugi abbia preso parte all’atto di trasferimento.

Ricordiamo che per il godimento delle agevolazioni fiscali prima casa è necessario che:

  • l’acquirente nell’atto di acquisto dichiari di non essere titolare esclusivo o in comunione con il coniuge, dei diritti di proprietà, usufrutto, uso e abitazione su altra abitazione, nel comune in cui ha sede l’immobile che si intende acquistare;

  • l’acquirente dichiari di non aver in precedenza fruito, in tutto il territorio nazionale, di acquisti con agevolazioni prima casa, neppure pro quota;

  • l’acquirente dichiari di voler fissare la residenza nel comune ove si trova l’immobile da acquistare entro il termine di 18 mesi dalla stipula del contratto, a pena di decadenza dal beneficio.


Si rammenta che da un punto di vista civile, in base all’articolo 177 comma 1 lettera a) Codice Civile, l’acquisto di un bene effettuato in comunione legale dei beni con il coniuge, si può perfezionare senza il consenso o l’intervento dell’altro coniuge.
L’acquisto della prima casa in comunione non richiede dunque per la sua validità la presenza dell’altro coniuge. Diverso è il discorso dal punto di vista fiscale.

Prima casa e comunione dei beni

In contrasto con un precedente orientamento giurisprudenziale, per il quale era sufficiente per i benefici fiscali la sussistenza dei requisiti in capo allo stipulante, l’Agenzia delle Entrate e la Cassazione si sono espressi di recente in senso contrario.
In assenza delle dichiarazioni da parte del coniuge in regime di comunione, non intervenuto nell’atto di acquisto, l’agevolazione si potrà applicare solo al 50% del bene agevolato.

In base alla risoluzione dell’Agenzia delle Entrate 86/2010 si potrà accedere comunque al beneficio integrale, solo ove l’acquisto venga fatto a titolo personale da parte del coniuge in possesso dei requisiti, ai sensi dell’articolo 179 codice civile.

Ciò premesso, in riferimento al caso esaminato, la Corte di Cassazione, con ordinanza 14326 del 5 giugno 2018, sulla scorta dei rilievi effettuati dal Fisco, ha ritenuto che le regole per la prima casa non cambiano se l’acquisto è in comunione dei beni. Ai fini fiscali per ottenere l’agevolazione sull’intero immobile occorre che entrambi i coniugi rendano le dichiarazioni previste.

riproduzione riservata
Articolo: Bonus prima casa: salta se uno dei coniugi non ha i requisiti
Valutazione: 6.00 / 6 basato su 1 voti.

Bonus prima casa: salta se uno dei coniugi non ha i requisiti: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Bonus prima casa: salta se uno dei coniugi non ha i requisiti che potrebbero interessarti
Acquisto della casa nel matrimonio e comunione legale dei beni

Acquisto della casa nel matrimonio e comunione legale dei beni

Comprare casa - Se i coniugi optano per la comunione legale, la casa, acquistata insieme o no dopo il matrimonio, rientra nella comunione, a meno che non si tratti di un bene personale.
Spese per la casa familiare di proprietà esclusiva e scioglimento della comunione

Spese per la casa familiare di proprietà esclusiva e scioglimento della comunione

Proprietà - Le somme spese durante il matrimonio per le migliorie della casa di proprietà esclusiva dell'altro coniuge, vanno restituite in sede di scioglimento della comunione?
Casa in comunione, separazione e divorzio

Casa in comunione, separazione e divorzio

Proprietà - Qual è la situazione giuridica della casa acquistata dai coniugi in regime legale di comunione, dopo lo scioglimento della comunione con separazione o divorzio?

Appartamento in comunione ed uso esclusivo

Normative - In tema di beni in comunione, è illegittimo l'uso esclusivo da parte di uno dei due comproprietari se l'altro non è d'accordo perché così si limita quel diritto.

Il condominio può trasformarsi in comunione?

Condominio - La comunione,il condominio negli edifici e la possibilità che un bene in condominio divenga bene in comunione: i riflessi sulla sua cessione.

L'amministratore della comunione

Condominio - Nella prassi quotidiana, non fosse altro per le maggiori difficoltà pratiche dovute alla gestione, si è soliti affrontare e analizzare le problematiche

Comunione legale tra coniugi e preliminare di vendita senza una firma

Comprare casa - Se il preliminare di vendita menziona i coniugi in comunione, ma non è firmato da uno dei due, è nullo o è annullabile? Sul caso si è espressa la Cassazione.

Comunione, condominio e ripartizione delle spese

Condominio - Il codice civile disciplina due forme di comproprietà su beni immobili: la comunione (che può applicarsi anche a cose mobili) ed il condominio che, invece,

Requisiti di accesso al bonus mobili per giovani coppie che acquistano casa

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Dal 1 gennaio fino al 31 dicembre 2016 le giovani coppie che acquista un immobile da adibire ad abitazione principale possono usufruire del nuovo bonus arredi.
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.