Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Cassazione: bollette molto basse, la casa non è abitazione principale

NEWS Fisco casa22 Ottobre 2019 ore 09:58
Per la Corte di Cassazione la presenza di consumi bassi è un indice del fatto che l'abitazione non è quella principale: scatta così l'imposta sulla plusvalenza.

Consumi bassi in bolletta non sono sempre positivi


Bolletta luce, bolletta acqua, etc. troppo bassa? Non sempre è un bene.
Per la Corte di Cassazione la presenza di consumi bassi per le utenze è indice del fatto che l’abitazione non è quella principale e ciò comporta l'applicazione dell'imposta sulla plusvalenza.

Il principio ed è stato affermato dalla Corte di Cassazione nell’ordinanza n. 18963/2019 ma non è una vera e propria novità: nel giudizio che si conclude la sentenza della Corte di Cassazione n. 14270/2016, per quanto la sentenza non sia incentrata sul tema, l’elemento dei consumi bassi è valutato allo stesso modo; non sembra ci siano altri precedenti.

Abitazione principale e consumi
Entrambi i giudizi riguardano l’impugnazione di un avviso di accertamento per l’irrogazione delle imposte date dalla plusvalenza derivante dalla vendita di un immobile acquistato come casa principale e poi rivenduto.

L’Agenzia delle Entrate, dal canto suo, fa da tempo riferimento ai dati dei consumi onde valutare se effettivamente si è in presenza di un’abitazione principale (v. Ris. n. 218/2008) in assenza di cambio di residenza ai fini dell’applicazione dell’imposta sulla plusvalenza.

Ed infatti, anche nel giudizio di cui all’ordinanza di cui parliamo oggi, la n. 18963/2019, secondo le Entrate, la presenza di consumi molto bassi attesta che quella non è l’abitazione principale del contribuente e dunque che egli non può usufruire dell’agevolazione prevista dalla legge in caso di cessione entro i cinque anni dell’abitazione principale.


Cessione di abitazione principale e imposte sulla plusvalenza, le norme


Cosa prevedono le norme, in particolare?

A norma degli artt. 67, co.1 lett.b) e 68, D.P.R. n. 917/1986 (il T.U.I.R., cioè il Testo Unico Imposte sui Redditi) il contribuente è tenuto a pagare le imposte sulla plusvalenza nel caso (per quel che qui interessa) in cui ceda a titolo oneroso (quindi che ad es., ma non solo, venda) un’abitazione acquistata o costruita da non più di cinque anni, salvo che si tratti – sempre per quel che qui interessa – di un immobile adibito, per la maggior parte del tempo trascorso tra l'acquisto o la costruzione e la cessione, ad abitazione principale del cedente o dei suoi familiari.

Dati utenze
Quali sono i familiari ammessi all’utilizzo della abitazione ai fini delle norme in parola?

L’elenco è quello contenuto nell’art. 5 ult. co. del TUIR, secondo il quale ai fini delle imposte sui redditi si intendono per familiari: il coniuge, i parenti entro il terzo grado e gli affini entro il secondo grado.

Dunque, perché si possa fruire dell’esenzione dall’imposta, due devono essere le condizioni: l’una temporale – il bene deve essere stato utilizzato come abitazione principale per un certo periodo di tempo - l’altra, la destinazione ad uso personale (del contribuente o dei suoi familiari) da individuarsi secondo criteri oggettivi (v. Cass. n. 18963/2019 e 14270/2016 e, quanto alla prima condizione, Cass. n. 18846/2003).


Consumi bassi e abitazione principale


Ebbene, la presenza di consumi troppo bassi è ritenuta un indice del fatto che non si tratta di un’abitazione principale; nel giudizio in commento i dati delle utenze sono stati valutati al fine di trarre quelle che tecnicamente si chiamano presunzioni.

Dimora abituale
Le presunzioni sono le conseguenze che la legge o il giudice trae da un fatto noto per risalire ad un fatto ignorato (v. artt. 2727 e ss. c.c.).

Ci sono quindi le presunzioni legali e quelle semplici: le prime dispensano da qualunque prova coloro a favore dei quali sono stabilite; le seconde, come nel caso de quo, non sono stabilite dalla legge e sono affidate al prudente apprezzamento del giudice: esse devono essere gravi, precise e concordanti.

Il concetto di abitazione principale è diverso da quello di prima casa, anche se in gergo spesso i due termini vengono utilizzati come sinonimi.

Per abitazione principale ai fini delle norme in argomento si intende quella nella quale il contribuente o i suoi familiari dimorano abitualmente; la risposta è stata data dall’Agenzia delle Entrate (v. Ris. n. 136E del 2008, che richiama gli artt. 10 e 15 del TUIR) e il concetto è ribadito nelle Istruzioni per la compilazione del modello sulla dichiarazione dei redditi.

Non deve dunque trattarsi necessariamente di un’abitazione dove il contribuente abbia la residenza (v. Ris. 218/2018).

Ed invero, nel caso di specie, il contribuente aveva conservato la residenza a Roma, ma l’abitazione in questione è situata a Milano, suo luogo di lavoro; ebbene, i consumi di Milano erano bassi, nel senso che erano inferiori a quelli di Roma.

Trattavasi di un indice importante, che però non era il solo: ad esso si aggiungeva proprio il fatto che il contribuente aveva mantenuto la residenza a Roma, nonostante lavorasse a Milano.

Infine, osserva ancora la Corte, il contribuente avrebbe potuto, ma non l’ha fatto, offrire una prova contraria (sempre ammessa in relazione alle presunzioni semplici).

riproduzione riservata
Articolo: Bollette troppo basse provano che a casa non è abitazione principale
Valutazione: 5.33 / 6 basato su 3 voti.

Bollette troppo basse provano che a casa non è abitazione principale: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
308.529 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Cancelletto estensibile 1510
    Cancelletto estensibile 1510...
    556.00
  • Cancelletto estensibile classico
    Cancelletto estensibile classico...
    329.00
  • Quadrotti legafloor mandorlato
    Quadrotti legafloor mandorlato...
    162.00
  • Tubo collettore per irrigazione 15 mt claber
    Tubo collettore per irrigazione 15...
    7.75
  • Scrivania per computer
    Scrivania per computer...
    43.51
  • Amperometro multimetro tester pinza digitale
    Amperometro multimetro tester...
    28.99
Notizie che trattano Bollette troppo basse provano che a casa non è abitazione principale che potrebbero interessarti


Plusvalenza sui beni immobiliari

Normative - Prima di procedere alla vendita di un bene immobiliare, è opportuno valutare una ulteriore tassazione rispetto al regime ordinario.

Possesso immobili: la disciplina fiscale ai fini IRPEF

Fisco casa - Gli immobili, sia adibiti ad abitazione principale che in locazione, producono reddito rilevante ai fini IRPEF. Ecco un manuale fiscale per possesso di immobili

Scadenza pagamento saldo ICI

Fisco casa - C'è tempo fino al 16 dicembre per pagare il saldo ICI, dovuto per seconde case e per immobili con destinazione diversa da quella abitativa.

Tasse vendita casa: le novità della manovra 2020

Fisco casa - Brutte notizie per chi vende casa entro 5 anni: aumentano del 6% le imposte sulle plusvalenze immobiliari. Ecco cosa prevede la Legge di Bilancio sull'argomento

Credito d'imposta per chi vende e riacquista casa

Comprare casa - Chi vende un immobile per il quale ha usufruito dei benefici fiscali prima casa e ne riacquista un altro entro un anno può usufruire di un credito d'imposta.

Tasi 2017: scadenza e modalità di pagamento della seconda rata

Fisco casa - Si avvicina l'appuntamento annuale con le imposte sulla casa: fissata al 18 dicembre la scadenza della seconda rata della Tasi, la tassa su servizi indivisibili

Agevolazioni fiscali: la deduzione per l'abitazione principale

Fisco casa - Per l'abitazione principale è prevista la deduzione dal reddito complessivo di un importo fino all'ammontare della rendita catastale dell'immobile e delle pertinenze.

Stop a Imu di giugno

Normative - Approvato dal Consiglio dei Ministri il decreto legge che sospende il pagamento della rata Imu di giugno. Entro agosto la riforma che deciderà l'eventuale abolizione.

IMU: compilazione modello F24

Fisco casa - Anche per il 2015 il pagamento dell'IMU si divide in due tranche (16 giugno e 16 dicembre): ecco le istruzioni e i codici tributo per pagare l'imposta con il mod.F24.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img daniloeolo
Salve,vivo nella casa A dove risiedo che è abitazione principale,ma il 15.05.13 ho comprato con annesso mutuo con le agevolazioni previste una casa B come prima casa, nello...
daniloeolo 21 Aprile 2014 ore 08:44 1