Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Bollette luce e gas: ancora rincari per le famiglie dal 1° ottobre

Attualmente, i consumatori tutelati pagano per la corrente elettrica 25 centesimi circa a chilowattora. A ottobre potrà esserci un rincaro tra il 60% e il 100%!
- Burocrazia e utenze
Barra Preventivi Online

880 euro a megawattora il prezzo dell’elettricità a fine anno


Con cadenza trimestrale, l’autorità dell’energia Arera, adegua ai costi le tariffe dei consumatori a maggior tutela.

Per questo, il prossimo 1° ottobre, il costo di luce e gas aumenterà in maniera spropositata per le famiglie e le piccole imprese.
Per molti, infatti, a fine settembre andranno a scadere i contratti annuali. E già si sa che per l'eventuale rinnovo c’è una forte riduzione delle offerte.

Si prospetta un periodo davvero molto duro!

Dal 1° ottobre, ancora rincari sulle bollette di luce e gas
Da mesi, i consumatori che vengono riforniti dal mercato libero con contratti a prezzo variabile hanno risentito dei notevoli rincari dell’energia.

A inizio luglio, Arera aveva fatto sapere di essere riuscita a rinviare di 3 mesi i rincari per i consumatori appartenenti al segmento tutelato. Questo, però, ora non è più possibile in quanto le tariffe non riescono più a far fronte a mesi di mercato carissimo.

A quanto ammonterà l’aumento per i consumatori regolati dalla tutela è difficile stabilirlo oggi con precisione.
Mesi fa, il presidente dell’autorità dell’energia, Stefano Besseghini, aveva ipotizzato un raddoppio. Tuttavia, molto dipenderà anche dalle decisioni del nuovo Governo.

Le attuali tariffe dei consumatori tutelati per l'elettricità sia aggirano attorno ai 25 centesimi a chilowattora.

Sulla base degli andamenti di mercato e i recuperi causati dagli aumenti dei mesi scorsi non ancora entrati in bolletta, è molto facile che per l'ultimo trimestre dell'anno la tariffa della corrente elettrica sarà tra i 40 e i 50 centesimi a chilowattora.
In pratica, la voce energia elettrica subirà un aumento compreso tra il 60% e il 100%. Le altre voci in bolletta dovrebbero invece restare stabili.

Analisti esperti del settore collocano il prezzo dell’elettricità a fine anno a circa 880 euro a megawattora.

Per quanto invece riguarda il gas, la situazione è differente in quanto l’autorità dell’energia ha modificato il meccanismo per calcolare la tariffa per i consumatori del segmento tutelato. Per questi, infatti, dal 1° ottobre, la tariffa verrà aggiornata ogni mese sulla base dei valori effettivamente rilevati sul mercato.

Dalla rilevazione effettuata in data 5 settembre, il gas a prezzo fisso è aumentato oltre 300 euro medi l’anno.

Per quanto infine riguarda il mercato libero, sono ben poche ormai le società energetiche che offrono contratti a prezzo fisso (e quelle che lo fanno propongono prezzi assurdi!).

È importante ricordare che, a partire dal 1° gennaio, per quanto riguarda l’elettricità, le imprese saranno obbligate a rivolgersi solamente ai contratti liberi perché verrà chiuso il segmento delle tariffe tutelate. Le famiglie, invece, dovranno lasciare le tariffe regolate del segmento tutelato nel gennaio 2023.

riproduzione riservata
Bollette luce e gas, dal 1 ottobre stangata alle famiglie
Valutazione: 5.80 / 6 basato su 5 voti.

Bollette luce e gas, dal 1 ottobre stangata alle famiglie: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Francesco S
    Francesco S
    Martedì 27 Settembre 2022, alle ore 08:30
    Mercato libero o meno, ormai mi pare ben chiaro che non ci siano vie di scampo e tutti dovremo soccombere sotto il peso di bollette di luce e gas pesanti come macigni.
    Dove vivo io, ho già visto parecchie attività - soprattutto piccole aziende artigianali - essere costrette a chiudere.
    Addirittura, so di una importante acciaieria della zona che da sempre è attiva 24 ore su 24 per 365 giorni l'anno, che ha chiuso per l'intero mese di agosto perché le spese stanno superando di gran lunga i guadagni.
    Di questo passo, con questo caro energia non so proprio dove andremo a finire.
    Speriamo che con il nuovo Governo cambi qualcosa
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto