Acquisti nei locali commerciali

NEWS DI Normative19 Maggio 2010 ore 10:24
Le principali regole a tutela degli acquisti effettuati nei locali commerciali. La compravendita di beni e oggetti di consumo.

AcquistiLa compravendita di beni e oggetti di consumo è sottoposta ad una disciplina differenziata in relazione al luogo in cui si perfeziona l'accordo commerciale.


Nel caso di vendite effettuate a distanza (si pensi alle vendite on-line) o fuori dai locali in cui il commerciante esercita la propria attività (l'esempio classico è quello delle così dette vendite porta a porta), le legge riconosce al consumatore una serie di diritti supplementari rispetto a quelli attribuitigli dalla disciplina ordinaria.


Tra tutti si pensi al diritto a ricevere tutte le informazioni utili per formarsi coscientemente un convincimento sul prodotto oggetto dell'acquisto o ancora al diritto di recesso.


La ratio di quella che è stata definita una tutela rafforzata va rintracciata, fondamentalmente, in due motivi:


a)la cronica posizione di debolezza contrattuale del singolo consumatore rispetto al venditore;


b)l'avventatezza che può caratterizzare certi acquisti fatti in modo inconsueto rispetto al classico acquisto nel negozio e di conseguenza la possibilità di esercitare una sorta di diritto di pentimento relativamente al contratto stipulato.


Chiarito ciò è utile valutare quali siano i diritti che il consumatore può vantare nel caso, decisamente più ricorrente nella prassi quotidiana, di contratto concluso all'interno dei locali commerciali.


http://www.altalex.com/index.php?idnot=34457Una precisazione: con la locuzione contratti conclusi all'interno dei locali commerciali si vuol far riferimento a quegli accordi definiti presso il domicilio del venditore.


Ciò vuol dire che se, come può capitare, l'esposizione della merce è fatta sulla pubblica via prospiciente al negozio e lì si decide di acquistare un prodotto, il contratto dovrà ritenersi concluso all'interno del locale commerciale.


Diritto di recesso


In questo tipo di accordo il diritto di recesso è quello disciplinato dal codice civile.


In sostanza, pertanto, l'esercizio di un simile diritto è rimesso interamente alla libera contrattazione tra le parti (artt. 1372 e ss. c.c.), salvo il caso, di cui si dirà più avanti di clausole vessatorie che limitino nei fatti, un diritto riconosciuto sulla carta.


Diritto di cambio merce


Non esiste, nell'ordinamento giuridico, una norma che riconosca al consumatore il diritto di poter cambiare la merce, salvi i casi, che si vedranno appresso di merce difettosa ed in garanzia.


Si pensi, l'esempio è classico, all'acquisto di un indumento dalla taglia sbagliata o al pezzo d'arredamento fuori misura o, nel caso di regali, alle cose che non incontrano il gusto di chi le riceve.


In queste circostanze, come per il diritto di recesso, quindi, dovranno essere le parti al momento della vendita a concordare la possibilità e le modalità del così detto cambio merce.


Garanzia


Se il bene acquistato rientra tra quelli indicati dall'art. 128 del Codice del consumo (d.lgs n. 206/05), il consumatore avrà diritto alla riparazione od alla sostituzione per un periodo di due anni dal momento dell'acquisto del bene.


http://www.altalex.com/index.php?idnot=34457Modalità di pagamento


Quella classica è il pagamento tramite contanti.


Tutte le altre modalità (carte di credito, bancomat, assegni, cambiali, ecc.) sono da ritenersi valide solamente se accettati dal commerciante.


Clausole vessatorie


Devono considerarsi vessatorie le clausole che, nell'ambito di un rapporto contrattuale consumatore – professionista comportino per il primo un significativo squilibrio tra diritti e doveri.


Si pensi, per citare il caso del recesso, all'ipotesi in cui pur riconoscendosi il diritto di recesso lo si sottopone al pagamento di una penale sproporzionata per quello che è il valore del contratto.


In questi casi, come in altri individuati dagli artt. 33 e ss. dal d.lgs n. 206/05, il consumatore potrà far valere la vessatorietà delle clausole ai fini di un compiuto esercizio dei diritti riconosciutigli.


avv. Alessandro Gallucci

riproduzione riservata
Articolo: Acquisti nei locali commerciali
Valutazione: 4.25 / 6 basato su 8 voti.

Acquisti nei locali commerciali: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Acquisti nei locali commerciali che potrebbero interessarti
Acquisti on-line

Acquisti on-line

Normative - La disciplina degli acquisti on-line: profili statistici e giuridici. Informazioni che l'acquirente ha diritto di ricevere.
Recesso e recesso fuori dai locali commerciali

Recesso e recesso fuori dai locali commerciali

Normative - L'acquisto di un bene o di un servizio in un locale commerciale oppure fuori da esso, ad esempio tramite Internet, influisce e non poco sul diritto di recesso.
E-commerce di arredo e design

E-commerce di arredo e design

Arredamento - Una piccola selezione di alcuni shops online ed e-commerce focalizzati sulla vendita di prodotti per la casa di design, da acquistare facilmente via web.

Detrazioni IVA su case A e B, cosa sapere

Comprare casa - Anche quest'anno si potrà usufruire delle detrazioni dell'IVA per l'acquisto di abitazioni di classe A e B. La proroga è arrivata con il DL Milleproroghe 2017.

Bonus prima casa in comunione dei beni: viene meno se mancano requisiti a un coniuge

Detrazioni e agevolazioni fiscali - In caso di acquisto prima casa in comunione di beni non si potrà fruire del bonus se uno dei coniugi non effettua le dichiarazioni previste dalla legge in materia

Cessione con obbligo di mantenimento

Comprare casa - Un'alternativa alla donazione indiretta che tutela maggiormente il donatore in caso di necessità future di assistenza è la cessione con obbligo di mantenimento.

Concorsi legati al design: premi e bandi

Arredamento - I concorsi legati all?arredamento e al design sono molti e i premi disparati: l?obiettivo è quello di valorizzare talento e creatività.

Acquisto della casa nel matrimonio e comunione legale dei beni

Comprare casa - Se i coniugi optano per la comunione legale, la casa, acquistata insieme o no dopo il matrimonio, rientra nella comunione, a meno che non si tratti di un bene personale.

Acquistare arredi on line

Arredamento - Shopping on line, che passione! Se siete curiosi di saperne di più, eccovi alcune dritte sull'e-commerce e qualche sito che merita almeno una vostra visita.
REGISTRATI COME UTENTE
295.774 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Ricarica primafila sky
    Ricarica primafila sky...
    15.00
  • Dittaposapiù fare casa
    Dittaposapiù fare casa...
    20.00
  • Ricambio cartuccia miscelatore ZUCCHETTI
    Ricambio cartuccia miscelatore...
    26.00
  • Offerta fai da te autocostruzione a Roma
    Offerta fai da te autocostruzione...
    150.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Faidacasa.com
  • Mansarda.it
  • Officine Locati
  • Weber
  • Kone
  • Faidatebook
  • Black & Decker
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.