Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Abusi edilizi: è possibile decadere dall'agevolazione prima casa?

Abusi edilizi: nel caso non si trasferisca la residenza nel termine di 18 giorni per mancata concessione della sanatoria si decade dalle agevolazioni prima casa
- NEWS Detrazioni e agevolazioni fiscali

Abuso edilizio e agevolazioni prima casa


In caso di acquisto di un immobile con agevolazione prima casa è lecito chiedersi cosa succeda qualora emerga un abuso edilizio.

Supponiamo che dopo l'acquisto dell'immobile non si riesca a trasferire la residenza entro i termini richiesti dalla legge perché, ad esempio, si è in attesa del rilascio del permesso in sanatoria da parte del Comune.

Sorge il dubbio che tale ritardo possa comportare la decadenza dal beneficio fiscale.

Agevolazioni prima casa
Al quesito dà risposta la Corte di Cassazione mediante sentenza n. 20355 del 16 luglio 2021 con la quale viene accolto un ricorso dell'Agenzia delle Entrate contro il provvedimento della Commissione Tributaria Regionale che, negando la decadenza, aveva dato ragione al contribuente.

Ma andiamo con ordine e vediamo in primo luogo in quali casi si può decadere dal beneficio prima casa.


Quando si decade dalle agevolazioni prima casa


Prima di entrare nel merito della vicenda esaminata dalla Corte di Cassazione riepiloghiamo brevemente quelle che sono le situazioni che possono comportare la perdita delle agevolazioni prima casa fruite in caso di acquisto di un immobile:

  • qualora siano state rese dichiarazioni false e mendaci al momento della registrazione dell'atto di compravendita;

  • nel caso in cui l'immobile acquistato avvalendosi delle agevolazioni fiscali sia stato venduto o donato prima che siano trascorsi 5 anni dalla data del rogito;

  • qualora l'immobile che si possedeva già in precedenza, acquistato fruendo dei benefici fiscali non sia stato venduto entro 1 anno dalla data di acquisto del nuovo immobile;
  • nel caso in cui non si trasferisca la residenza nello stesso Comune in cui è situato l'immobile acquistato usufruendo dei benefici fiscali, entro il termine di 18 mesi dall'atto di acquisto.


Poniamo ora particolare attenzione all'ultimo punto considerato e ci domandiamo quali siano le conseguenze in caso di impossibilità di trasferimento della residenza dovuta alla scoperta di un abuso edilizio che, per motivi burocratici, non può essere sanato entro il termine richiesto.


Abuso edilizio e agevolazioni prima casa: il caso concreto


Ipotizziamo che nell'atto di compravendita il contribuente si era impegnato a trasferire la residenza nel Comune dove è situata l'abitazione acquistata nel termine di 18 mesi.

È quanto accaduto al protagonista della vicenda che, una volta scoperta l'esistenza sull'immobile di un abuso edilizio, aveva provveduto immediatamente a presentare domanda di sanatoria dell'abuso.

Abuso edilizio
In mancanza di sanatoria e di conseguente impossibilità ad effettuare il trasferimento della residenza presso l'immobile, è possibile far valere la circostanza di forza maggiore e mantenere così le agevolazioni prima casa?

Il parere dell'Agenzia delle Entrate


L'Agenzia delle Entrate nega questa possibilità e propone ricorso avverso la sentenza con cui la Commissione Tributaria Regionale aveva invece accolto l'appello del contribuente.

L'Amministrazione finanziaria censurava proprio il fatto che i giudici della CTR, nella fattispecie, avessero riconosciuto la sussistenza di causa di forza maggiore, in relazione agli abusi edilizi commessi dal precedente proprietario.

Benefici prima casa
La vicenda giunge così dinnanzi alla Corte di Cassazione che accoglie il ricorso e revoca il beneficio fiscale al contribuente che, per mancanza della concessione in sanatoria da parte del Comune nei tempi necessari, non era riuscito a trasferire la residenza entro i termini previsti.


Abusi edilizi e agevolazioni prima casa: quando si decade


Prima di entrare nel merito delle conclusioni cui è giunta la Corte di Cassazione specifichiamo che nel caso considerato, dopo l'avvenuto acquisto, viene scoperta la presenza di un abuso edilizio di lieve entità e come tale sanabile.
In caso di concessione in sanatoria da parte del Comune le agevolazioni prima casa non sono precluse.

Nella fattispecie considerata, tuttavia, la sanatoria dell'abuso non è stata concessa entro i termini necessari a impedire la decadenza.

Affinché la revoca dal beneficio non avvenga è necessario che si verifichi un evento imprevedibile che non sia imputabile al contribuente. Sono tali le lungaggini degli uffici pubblici che, per motivi burocratici, non riescono in tempo a evadere le istanze dei contribuenti?

Le conclusioni della Corte di Cassazione


Secondo i Giudici di legittimità le lungaggini burocratiche devono essere messe in conto dal contribuente e dunque non servono a giustificare il mancato trasferimento della residenza nel termine di 18 mesi dall'acquisto.

In sostanza, il ritardo del Comune nell'accogliere la richiesta del contribuente non costituisce un'oggettiva situazione di fatto ostativa all'utilizzo dell'immobile come abitazione.

Questo sta a significare che il compratore dell'immobile sul quale è stato commesso un abuso edilizio (dal precedente proprietario) deve aver accettato il rischio del diniego della concessione, o di eventuale ritardo nel rilascio della stessa.

Nella fattispecie, tra l'altro l'acquirente era ignaro dell'abuso commesso e ne è venuto a conoscenza solo qualora sono stati bloccati dal Comune i lavori di ristrutturazione da lui intrapresi sull'immobile acquistato. Neanche tale circostanza è valsa a impedire la revoca del beneficio fiscale.

Tra l'altro la legge non impone il trasferimento nell'immobile acquistato bensì, più genericamente, nel Comune dove lo stesso è situato.

Sono del tutto evidenti le conseguenze significative delle affermazioni della Corte di Cassazione poiché il ritardo del Comune non rappresenta una causa esterna imprevedibile e inevitabile e, posta a carico del contribuente, comporta la decadenza dalle agevolazioni fiscali in precedenza fruite.

riproduzione riservata
Articolo: Abusi edilizi: quando decade l'agevolazione prima casa
Valutazione: 5.67 / 6 basato su 3 voti.

Abusi edilizi: quando decade l'agevolazione prima casa: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
332.243 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Abusi edilizi: quando decade l'agevolazione prima casa che potrebbero interessarti


Abuso edilizio: secondo la Cassazione è responsabile anche il progettista

Leggi e Normative Tecniche - In caso di abuso edilizio per l'opera realizzata senza permesso di costruire è responsabile anche il progettista dei lavori. È quanto affermato dalla Cassazione

Abuso edilizio e ordine di demolizione

Leggi e Normative Tecniche - In tema di abuso edilizio, al fine di emettere un ordine di demolizione di un immobile, occorre una visione complessiva del pregiudizio arrecato dall'intervento

Prima casa: agevolazione prevista per i proprietari di studi professionali

Detrazioni e agevolazioni fiscali - La Cassazione con recente ordinanza afferma che il possessore di uno studio professionale può ottenere benefici prima casa in caso di acquisto di nuovo immobile

Agevolazioni prima casa possibili anche nella compravendita a favore di terzo

Detrazioni e agevolazioni fiscali - La Commissione tributaria provinciale di Rimini riconosce in caso di stipula di un contratto di compravendita a favore di terzi i benefici fiscali prima casa.

Risoluzione della donazione e agevolazione prima casa

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Non perde l'agevolazione prima casa chi compra un immobile e dona la casa pre-posseduta al genitore. La risoluzione della donazione non compromette il bonus casa

Bonus ristrutturazioni al proprietario unico di edificio per lavori su parti comuni

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Detrazioni fiscali a favore dell'unico proprietario di un edificio per i lavori di ristrutturazione eseguiti sulle parti comuni delle varie unità immobiliari.

Condono edilizio 2017: i criteri per stabilire demolizione o condono

Leggi e Normative Tecniche - Condono edilizio: il Ddl Falanga in fase di approvazione, consentirebbe di stabilire nuovi criteri per decidere quando condonare e quando demolire un'immobile.

Superbonus 110%: è possibile la detrazione in caso di interventi abusivi?

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Superbonus 110%: sì alla detrazione in caso di interventi abusivi purché siano sanabili. Abusi di piccole o medie entità e le differenze ai fini della detrazione

Come denunciare un abuso edilizio

Leggi e Normative Tecniche - Rispondiamo a molti utenti che ci hanno chiesto, a commento di vari articoli, come comportarsi per denunciare presunti abusi edilizi commessi dai propri vicini.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img fabio.f
Buonasera.Ho un quesito da porvi.Sto acquistando una villetta a schiera su 3 piani con seminterrato.Il quesito é rivolto proprio sul piano seminterrato in cui c'è un...
fabio.f 23 Settembre 2021 ore 19:11 2
Img massimo rossi
Buongiorno, ho ereditato un appartamento in un piccolo condominio di 6 appartmaneti. il mio appartemento presenta una veranda con termocopertura e su un terrazino laterale è...
massimo rossi 09 Settembre 2021 ore 16:42 6
Img artiolfor
Buongiorno e complimenti per questo bel forum.Da un giorno all’altro mi sono ritrovato in un incubo.Circa 10 anni fa ho acquistato una villetta dal primo proprietario, il...
artiolfor 10 Agosto 2021 ore 17:29 1
Img alexsupertramp
Salve,sono a richiedere informazioni riguardo un abuso compiuto dai precedenti proprietari, di cui non si è accorto ne il notaio ne il perito della banca.Infatti il rogito...
alexsupertramp 03 Maggio 2021 ore 18:23 5
Img blue-chip
Buongiorno,ho acquistato casa ad aprile 2019 usufruendo delle agevolazioni prima casa.Ho venduto a luglio 2020.Entro quanto dovrei riacquistare casa per non incorrere in...
blue-chip 26 Aprile 2021 ore 23:13 2