Questo sito utlizza cookie! Leggi informativa privacy

Tassello chimico

News di Ristrutturazione
Funzionamento e caratteristiche dell'ancoraggio tramite tassello chimico: attrito e adesione si ottengono grazie a speciali resine ad indurimento veloce e duraturo.
Tassello chimico
Arch. Valentina Caiazzo
Arch. Valentina Caiazzo

A volte capita in fase di ristrutturazione o di sistemazione della propria casa di intervenire in un dato punto per fissare serramenti o mensole, in cui il classico tassello non basta, ma anzi, compromette lo stato di tenuta del muro in questione, che tende a sbriciolarsi e a sfaldarsi, a causa della pressione generata dall’inserimento del tassello stesso.

E’ utile allora intervenire, non con un tassello plastico e meccanico, ma andare ad utilizzare un tassello chimico.  

I tasselli chimici funzionano con riempimento dei fori di inserimento, mediante delle resine sintetiche apposite, che vanno ad aumentare la tenuta della vite, una volta che questa è ben posizionata all’interno.


Tipologie di ancoraggio


I sistemi di ancoraggio si distinguono in diverse tipologie:

- ancoranti gettati in opera, ovvero i tirafondi, che funzionano per forma e compressione nella parte inferiore;

- ancoranti post installati, che comprendono ancoraggi meccanici, del tipo sottosquadro e ad espansione, che funzionano invece per forza d’attrito;

- ancoraggi chimici, che funzionano per tenuta per adesione, lungo tutta la superficie di inserimento.


Funzionamento tassello chimico


Il tassello chimico funziona in maniera diversa rispetto a quello meccanico. Non è infatti la sua sola espansione ad assicurare la tenuta della vita che viene inserita, ma anche, e a volte solo, la tenuta della resina e del collante che vengono aggiunte nel foro, che con l’aria e il tempo, induriscono. Ovvero la forza di adesione.

I tasselli di questo tipo fanno parte della tipologia di ancoraggio di tipo chimico, che si basa sull'idea di fissare una barra metallica nella muratura, non per incastro, ma chimicamente, appunto, mediante l’uso di colle o resine. In alcuni casi il tutto può essere corredato da tassello a rete, per un ancoraggio a grumo, tra i bordi dei mattoni.

In commercio ci sono diversi tipi di tassello chimico. Un tipo è corredato da una speciale fialetta che va inserita nel foro del muro. Una volta che viene inserita anche la vite filettata, questa fiala si rompe e la resina fuoriesce, addossandosi alla vite e bloccandola, una volta indurita. Il tutto nel giro di pochissimo tempo.

Un altro tipo di tassello chimico è quello che funziona mediante inserimento di resine o malte resinose, da iniettare nel foro grazie all’uso di una speciale pistola. Anche qui, una volta inserita la resina, va successivamente applicata la vite filettata in modo che rimanendo imprigionata, si blocchi facilmente. La resistenza anche qui, è dovuta al generarsi delle forze di adesione su tutta la superficie cilindrica del foro effettuato, per effetto dell’attrito.


Resine per tassello chimico


Perché il tassello chimico funzioni, è necessario usare delle speciali resine caratterizzate da resistenza meccanica e velocità di indurimento. Perché ciò avvenga, bisogna utilizzare delle resine bicomponenti, che permettono un indurimento molto veloce e per tutta la massa del collante.

Spesso l’applicazione di tale resina bicomponente, avviene mediante pistola ed erogatore apposito, che permette, grazie al beccuccio  a spirale in dotazione, di erogare i due componenti della resina, in modo che si miscelino all’istante.

La fialetta di cui abbiamo parlato prima viene generalmente utilizzata invece su supporti pieni. Contiene infatti una dose specifica di resina e relativo catalizzatore, che vanno introdotti nel foro insieme alla barretta filettata con trapano a rotopercussione che permette anche di miscelare contemporaneamente il composto resinoso prima che indurisca completamente.

Le resine sono diverse anche nella composizione: si va da soluzioni in poliestere, a resine epossidiche, o anche in vinilestere. Le prime in poliestere hanno un limite di applicabilità: non possono essere utilizzate, per problemi di idrosi alcalina, su calcestruzzo umido, andando a compromettere così la resistenza del manufatto. Per questo tipo di applicazioni o  anche per grossi lavori di meccanica pesante, vanno benissimo le resine in vinilestere, più resistenti all’idrosi salina e caratterizzati da una grande resistenza meccanica.

Le resine epossidiche invece sono perfette per fori di ancoraggio diamantati e in lavorazioni dove è richiesta maggiore fluidità: ad esempio fori di una certa lunghezza, visti anche i tempi di indurimento decisamente superiori alle altre tipologie di resine.


Scelta di un ancoraggio


La scelta di un ancoraggio mediante tassello chimico, piuttosto che meccanico, nel campo dell’edilizia dipende da vari fattori.
Innanzitutto il materiale di base, che influenza per tipologia e consistenza del substrato su cui andremo ad agire.

Anche le condizioni ambientali sono fondamentali, in quanto influiscono per temperatura o aggressività dell’ambiente di posa. Altro dato fondamentale è la tipologia e l’entità del carico: l’intensità, il tipo e la direzione del carico che andiamo a supportare.

Ed infine anche la geometria del substrato è un fattore da considerare: per l’inserimento di un tassello chimico o in generale di un ancoraggio chimico, è bene considerare l’influenza derivante dallo spessore del substrato, dalla distanza dei bordi e dagli interassi.

Per maggiori informazioni:

fischer italia
azichem
hilti

Articolo: Tassello chimico
Valutazione: 4.21 / 6 basato su 19 voti.
  • Ti è piaciuto questo articolo?
    Condividilo sul tuo social!
  • 0
  • 0
  • 0
  • 0
Commenta su Tassello chimico
Caratteri rimanenti
  • Enrico.rufus
    Sabato 27 Aprile 2013, alle ore 15:12
    Si, in effetti ho risolto parecchi vecchi problemi, con mensole di legno in noce massello, molto pesanti. buon giorno
    rispondi al commento
  • Francesco Foggiato
    Martedì 20 Novembre 2012, alle ore 00:30
    Devo fissare tre staffe a U, (una di colmo 24x36 e due di appoggio 24x32), su colonne di cemento armato (quindi con gabbia di ferro dentro) che portano i travi lamellari di un tetto a due falde.
    Meglio usare tasselli a espansione (M20) o tasselli chimici? Se chimici quale resina? GRAZIE
    rispondi al commento
Notizie che trattano Tassello chimico che potrebbero interessarti
Guida ai fissaggi di casa: riparare i fissaggi sollecitati

Guida ai fissaggi di casa: riparare i fissaggi sollecitati

Può capitare che per un cattivo montaggio o per l'azione accidentale di uno sforzo eccessivo, un tassello perda tenuta e diventi lasco nella sua sede. Ecco come riparare i fissaggi anche quando il supporto, muro, intonaco, si sgretola.
Collegamenti sicuri per legno

Collegamenti sicuri per legno

L'impiego di viti particolari per i collegamenti di opere in legno di ogni tipo.
Stop ai ponti termici

Stop ai ponti termici

I ponti termici sono quei punti strutturali degli edifici in cui si verificano delle condizioni termiche significativamente diverse da quelle delle aree
Ancoraggio

Ancoraggio

I sistemi di ancoraggio di tipo meccanico oppure chimico agevolano le lavorazioni di modifica o l'ampliamento di un'opera.
Guida ai fissaggi

Guida ai fissaggi

Gli operai e gli artigiani sanno bene come compiere determinati lavori, come il fissaggio di mensole, pensili, recinzioni e simili anche grazie agli strumenti
IMMOBILIARE
prezzi ristrutturazione
costi ristrutturazione
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE







SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
    • Bagno in resina
      Bagno in resina...
      2500.00
    • Homegarden pattumiera in resina raccolta differenziata modulare multipla 2
      Homegarden pattumiera in resina...
      64.89
    • Pavimenti resina epossidica
      Pavimenti resina epossidica...
      75.00
    • Pavimenti in resina
      Pavimenti in resina...
      60.00
    • Resina pavimenti
      Resina pavimenti...
      75.00
    • Resina autolivellante
      Resina autolivellante...
      37.00
    • Resina epossidica
      Resina epossidica...
      19.00
    • Scala in microcemento
      Scala in microcemento...
      80.00
    • Pavimenti in resina industriali
      Pavimenti in resina industriali...
      27.00
    • Pattumiera in resina raccolta differenziata modulare multipla 2
      Pattumiera in resina raccolta...
      54.90
    • Iniezioni resina
      Iniezioni resina...
      3.80
    • Resina antipolvere
      Resina antipolvere...
      2.80

BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE