Questo sito utlizza cookie! Leggi informativa privacy

Sostituzione Caldaia: Detrazioni Fiscali

News di Impianti
Sostituendo la caldaia di casa con una nuova a risparmio energetico si possono detrarre le spese del 36% e del 55% dalle imposte e con IVA al 10%.
Sostituzione Caldaia: Detrazioni Fiscali
Ing. Vincenzo Granato

Detrazioni del 36%


Fino al 31.12.2012 e' possibile avvalersi della detrazione del 36% dell'imposta IRPEF per tutte le spese effettuate per il recupero edilizio degli edifici e per il miglioramento energetico degli stessi; in tale ottica e' possibile dedurre anche le spese di sostituzione dei generatori termici o caldaie. 36%Possono avvelersi della suddetta detrazione tutte le persone fisiche, proprietarie degli edifici residenziali soggetti agli interventi di recupero o tutte le persone fisiche che pur non essendo proprietarie degli edifici hanno dei diritti sugli stessi.

La detrazione del 36% prevede che all'imposta lorda dell'IRPEF si applichi una detrazione pari al 36% delle spese sostenute, per un massimo di 48.000 euro per ogni singola unità immobiliare, ripartita in dieci quote annuali.

Tra gli interventi soggetti alla possibile detrazione ci sono le sostituzioni dei generatori di calore con generatori di calore ad alto rendimento e l'installazione dei dispositivi di regolazione automatica della temperatura dell'aria all'interno delle singole unità immobiliari e singoli ambienti.

Per alto rendimento dei generatori di calore, si intende un rendimento non inferiore al 90%, mentre per i dispositivi di regolazione automatica della temperatura, essi devono essere installati in almeno il 70% degli ambienti oggetti di intervento.

 

Detrazioni del 55%

Fino al 31.12.2011 per gli edifici esistenti, di qualsiasi classe catastale, é possibile richiedere la detrazione del 55% delle spese sostenute per la riqualificazione energetica degli stessi edifici. 
Possono, in questo caso, avvalersi della detrazione tutte le persone fisiche o giuridiche proprietarie dei edifici soggetti ad interventi di riqualificazione energtica, o pur non essendo proprietari, titolari di diritti sugli stessi edifici.

Nel caso delle detrazioni del 55% le quote massime detraibili sono legate alla tipologia di intervento, inoltre è possibile effettuare le detrazioni dall'IRPEF o dall'IRES.

Tra gli interventi possibili, soggetti alla detrazione del 55% ci sono le sostituzioni dei generatori degli impianti di climatizzazione invernali esistenti, con caldaie o generatori a condensazione, effettuati con la messa in miglioramento degli impianti in termini di riduzioni delle dispersioni termiche e delle regolazioni automatiche delle temperature.

Per questa tipologia di intervento, la massima quota detraibile è di 30.000 euro; non è trascurabile la possibilità di allargare l'intervento di sostituzione del generatore di calore con l'integrazione a pannelli solari termici.


IVA al 10%

10La legge 191/2009 ha previsto per gli anni 2010/2011/2012 ed anche per i successivi,  per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici, il mantenimento dell'IVA al 10% sia per gli interventi di manutenzione ordinaria che per quelli di manutenzione straordinaria relativi a fabbricati e relative pertinenze, con prevalenza di uso abitativo.

Articolo: Sostituzione Caldaia: Detrazioni Fiscali
Valutazione: 3.77 / 6 basato su 172 voti.
  • Ti è piaciuto questo articolo?
    Condividilo sul tuo social!
  • 0
  • 0
  • 4
  • 0
Commenta su Sostituzione Caldaia: Detrazioni Fiscali
Caratteri rimanenti
  • Bubuone
    Venerdì 4 Aprile 2014, alle ore 12:50
    Buongiorno, posso sostituire il vecchio impianto con uno nuovo caldaia a condensazione ecc. senza fare una SCIA??
    rispondi al commento
  • Ctamp
    Martedì 11 Marzo 2014, alle ore 13:39
    Vorrei sostituire la vecchia caldaia (non a condensazione perché mi è stato detto che per i vecchi impianti non conviene in termini di resa)ho capito che posso detrarre il 50% spalmato in 10 anni.La domanda che vorrei rivolgerLe è la seguente.Se la caldaia in questione riscalda 2 unità abitative, la mia e quella di mia sorella, ora, se le spese in questione le sostengo tutte io, posso poi detrarre io tutta la somma?
    rispondi al commento
  • Ing.granato
    Martedì 10 Dicembre 2013, alle ore 16:22
    Caldaia a condensazione non a compensazione, comunque non è un obbligo e può detrarre senza alcuna spesa anche una caldaia standard con alto rendimento.
    rispondi al commento
  • Ing.granato
    Giovedì 14 Novembre 2013, alle ore 16:32
    Le detrazioni sono possibili fino al Giugno 2014, il risparmio è per il condominio.
    rispondi al commento
  • Ing.granato
    Mercoledì 28 Agosto 2013, alle ore 13:42
    Per Antonella: può detrarre la sola caldaia sia essa standard che a condensazione: http://www.lavorincasa.it/articoli/in/impianti/incentivi-per-rinnovabili-caldaie-e-pompe-di-calore/
    rispondi al commento
  • Ing.granato
    Sabato 10 Agosto 2013, alle ore 09:59
    Trova un quadro completo qui!
    rispondi al commento
  • Ing.granato
    Martedì 30 Luglio 2013, alle ore 18:48
    Per Giancarlo: può avvalersi della detrazione del 50% IRPEF anche con una caldaia standard, con un rendimento non inferiore al 90%.
    rispondi al commento
  • Ing.granato
    Lunedì 3 Giugno 2013, alle ore 10:52
    Per Marco Tiglie: la SCIA la presenta se deve fare dei lavori.
    Per il conto termico: http://www.gse.it/it/Conto%20Termico/Pages/default.aspx
    rispondi al commento
  • Ing.granato
    Lunedì 27 Maggio 2013, alle ore 22:13
    Per Adriano: si se la stufa è a biomassa, ad esempio a pellet.
    rispondi al commento
  • Ing.granato
    Mercoledì 22 Maggio 2013, alle ore 11:14
    Per Federica: il 50% è destinato agli interventi qualificati come ristrutturazioni, per il 55% niente ristrutturazione ma deve comprarne una a condensazione.
    rispondi al commento
  • Ing.granato
    Giovedì 9 Maggio 2013, alle ore 18:44
    Per Roberto: può agevolarsi degli incentivi per la stufa a pellet se essa è l'unico generatore per l'impianto di riscaldamento.
    rispondi al commento
  • Ing.granato
    Lunedì 6 Maggio 2013, alle ore 21:43
    Per Roberto: per usufruire delle detrazioni o installa l'una o l'altra.
    rispondi al commento
  • Ing.granato
    Mercoledì 24 Aprile 2013, alle ore 12:57
    Per Giorgio: certificato energetico dell'abitazione, conforme ai limiti energetici vigenti.
    rispondi al commento
  • Ing.granato
    Venerdì 19 Aprile 2013, alle ore 12:39
    Per Claudio: per agevolarsi del 50% occorre una ristrutturazione (anche piccola) con relativa documentazione del Comune (dia scia o altro) poi tutto al commercialista.
    rispondi al commento
  • Ing.granato
    Venerdì 19 Aprile 2013, alle ore 10:28
    Per Angelo Cocchi: la caldaia deve essere a camera stagna tiraggio forzato (tipo C) con rendimenti descritti negli articoli, può usufruire del 50% o del 55%.
    rispondi al commento
  • Ing.granato
    Lunedì 15 Aprile 2013, alle ore 19:23
    Per Carmelo: possono avvalersi dell'una o dell'altra. Il 50% è più semplice.
    rispondi al commento
  • Ing.granato
    Giovedì 7 Marzo 2013, alle ore 09:41
    Per Antonio Bientinesi: si attenga alle istruzioni, semplicemente.
    rispondi al commento
  • Ing.granato
    Mercoledì 20 Febbraio 2013, alle ore 17:32
    Per Angelo: se è una ristrutturazione, basta la fattura al commercialista, se un detrazione al 55% occorre l'asseverazione di un tecnico.
    rispondi al commento
  • Ing.granato
    Mercoledì 13 Febbraio 2013, alle ore 16:59
    Per Gloria: l'intervento rientra nella sostituzione di caldaia, l'Iva ' al 10%
    rispondi al commento
  • Ing.granato
    Mercoledì 6 Febbraio 2013, alle ore 12:55
    Per Claudia: ok, verifichi inoltre i requisiti richiesti da ENEA.
    rispondi al commento
  • Ing.granato
    Giovedì 31 Gennaio 2013, alle ore 12:47
    Per Gino: le norme suggeriscono impianti centralizzati per i condomini, volendo installare delle caldaie singole deve prenderle a condensazione.
    Con la sostituzione può agevolarsi delle detrazioni del 55%, il 50 % solo in caso di ristrutturazioni.
    rispondi al commento
    • Ing.granato Ing.granato
      Venerdì 1 Febbraio 2013, alle ore 10:41
      Per Ing. Vincenzo Granato: potrebbe costituire un problema essendo le valvole un miglioramento dell'impianto, infatti con esse si ottiene un consistente risparmio.
      rispondi al commento
  • Ing.granato
    Lunedì 28 Gennaio 2013, alle ore 18:44
    Per Luca: sia tranquillo nel ripetto dell'articolo descritto.
    rispondi al commento
  • Ing.granato
    Venerdì 25 Gennaio 2013, alle ore 20:22
    Per Davide: ok, ne deve tenere traccia nella prossima dichiarazione dei redditi.
    rispondi al commento
  • Ing.granato
    Giovedì 24 Gennaio 2013, alle ore 15:09
    Per Sergio: non rientra nelle attività detraibili.
    rispondi al commento
  • Ing.granato
    Giovedì 17 Gennaio 2013, alle ore 11:52
    Per Francesco: in primis l'edificio deve essere esistente, accatastato o con richiesta di accatastamento in corso.
    Può detrarre, poi, la termo-stufa se classificata come caldaia a biomassa.
    rispondi al commento
  • Ing.granato
    Giovedì 17 Gennaio 2013, alle ore 11:43
    Per Luca: È possibile beneficiare della detrazione per le sostituzioni di caldaie standard (non a condensazione) solo in caso di 'ristrutturazioni' (interventi edili) degli edifici.
    Verifichi su Agenzia delle Entrate.
    rispondi al commento
  • Ing.granato
    Mercoledì 16 Gennaio 2013, alle ore 11:45
    Per Dario Testa: può fare la detrazione del 50% (ex 36%) in caso di ristrutturazione e miglioramento energetico dell'edificio.
    Migliorando solo l'impianto, per agevolarsi della detrazione (55%), deve installare una caldaia a condensazione.
    rispondi al commento
  • Ing.granato
    Mercoledì 16 Gennaio 2013, alle ore 11:42
    Per Luca: può effettuare la detrazione delle spese (al 50%) in caso di ristrutturazione, con l'IVA AL 10%
    rispondi al commento
  • Ing.granato
    Mercoledì 16 Gennaio 2013, alle ore 11:39
    Per Salvatore: può detrarre dall'IRPEF il 55% delle spese per installare una caldaia a condensazione.
    rispondi al commento
  • Ing.granato
    Giovedì 15 Novembre 2012, alle ore 10:43
    Per Luca Dg: corretto per caldaie con potenza inferiore a 100 kW.
    rispondi al commento
  • Ing.granato
    Lunedì 12 Novembre 2012, alle ore 13:11
    Per Omar: in tale caso può beneficiarne al 55%.
    rispondi al commento
  • Ing.granato
    Lunedì 12 Novembre 2012, alle ore 12:03
    Per Maurizio: nessuna detrazione per caldaia "tradizionale".
    rispondi al commento
  • Ing.granato
    Lunedì 12 Novembre 2012, alle ore 12:01
    Per Franco Perossini: può essere portato in detrazione al 50% ( ex 36 % ) in caso di ristrutturazione.
    rispondi al commento
  • Ing.granato
    Sabato 27 Ottobre 2012, alle ore 15:20
    Per Felipe: sono per la seconda soluzione che non è detto sia più costosa della prima avvalendosi delle detrazioni installando le valvole dovute.
    rispondi al commento
  • Ing.granato
    Venerdì 26 Ottobre 2012, alle ore 11:59
    Per Licia: l'asseverazione la deve fare un ingegnere o un architetto.
    Le valvole termostatiche sono obbligatorie a meno che l'ingegnere (o l'architetto) non dimostri e asseveri il contrario.
    L'IVA è al 10%.
    rispondi al commento
  • Ing.granato
    Venerdì 26 Ottobre 2012, alle ore 10:23
    Per Lisa: la sola sostituzione può non essere sufficiente.
    Occorre migliorare l'impianto dove necessario, se ci sono radiatori senza valvole termostatiche a bassa inerzia termica occorre installarle.
    rispondi al commento
  • Ing.granato
    Giovedì 25 Ottobre 2012, alle ore 15:09
    Per Lisa: la sola sostituzione non può non essere sufficiente.
    Occorre migliorare l'impianto dove necessario, ad esempio se ci sono radiatori senza valvole termostatiche a bassa inerzia termica, occorre installarle.
    rispondi al commento
  • Ing.granato
    Mercoledì 24 Ottobre 2012, alle ore 10:41
    Per Manuela: la detrazione 50% ex 36% è per le ristrutturazioni edifici ed include solo in tal senso anche la sostituzione caldaia o impianti o parti di esse, senza i vincoli imposti dal 55% che richiede un miglioramento dell'impianto esistente (ad es. con le valvole a bassa inerzia).
    rispondi al commento
  • Ing.granato
    Martedì 23 Ottobre 2012, alle ore 10:11
    Per Licia: un tecnico abilitato (ingegnere o architetto) assevera le prestazioni della caldaia e la corretta posa in opera necessaria per detrazione al 55%.
    In caso di ristrutturazione edificio, non è necessaria l'asseverazione e può detrarre al 50% (ex 36%).
    Il tecnico compila tutta la doc.ne necessaria per ENEA.
    rispondi al commento
  • Ing.granato
    Martedì 16 Ottobre 2012, alle ore 22:24
    Per Giorgioanedda: può fare in tal modo se ha in corso una ristrutturazione, per le quali l'IVA è al 10%.
    E' opportuno, anche se non più obbligatorio, specificare tutte le voci.
    rispondi al commento
  • Ing.granato
    Venerdì 5 Ottobre 2012, alle ore 17:46
    Per Angelo Baldovin: è possibile, le caratteristiche sono sul rendimento e le assevera un tecnico abilitato.
    rispondi al commento
  • Ing.granato
    Giovedì 4 Ottobre 2012, alle ore 17:37
    Per Bernardi Tatiana: asseverazione di un tecnico abilitato e pagamenti delle fatture con bonifici.
    rispondi al commento
  • Ing.granato
    Domenica 30 Settembre 2012, alle ore 18:55
    Per Monica Fabbri: L'iva al 10% solo se l'intervento rientra in una ristrutturazione (detraz. 50% ex 36%). Per altre detrazioni (55%) la caldaia deve essere a condensazione e occorre asseverazione tecnico.
    rispondi al commento
  • Ing.granato
    Domenica 30 Settembre 2012, alle ore 18:49
    Per Enzo Renzi: detrazione 50% (ex 36%) va bene per gli interventi inclusi in ristrutturazioni dell'edificio.
    rispondi al commento
  • Ing.granato
    Domenica 30 Settembre 2012, alle ore 18:42
    Per Angelo: il rimborso del 36% è diventato del 50% è deve essere descritto nella dichiarazione dei redditi.
    Con l'asseverazione di un tecnico abilitato (ing. o arch.) può richiedere la detrazione del 55%.
    P.S. valvole termostatiche a bassa inerzia termica.
    rispondi al commento
  • Ing.granato
    Mercoledì 26 Settembre 2012, alle ore 11:47
    Per Andrea: entro il 30 Giugno 2013 deve tenerne traccia nel 730.
    rispondi al commento
  • Ing.granato
    Mercoledì 19 Settembre 2012, alle ore 17:37
    Per Annamaria: deve pagare con bonifico l'acquisto, poi l'installazione e l'asseverazione di un tecnico per il 55% . L'asseverazione non occorre per il 50% (ex 36%).
    rispondi al commento
  • Ing.granato
    Domenica 16 Settembre 2012, alle ore 16:38
    Per Andrea: l'installatore deve sempre fornire il certificato di installazione a regola d'arte. Per il 55% occorre l'asseverazione di un tecnico abilitato circa le caratteristiche della caldaia a condensazione.
    Il 35% è diventato 50% e non richiede l'asseverazione del tecnico. Possono essere detratte dall'IRPEF anche le opere accessorie, tutto tracciato nel 730.
    rispondi al commento
  • Ing.granato
    Giovedì 2 Agosto 2012, alle ore 11:29
    Il 55% delle spese sostenute per sostitutire la caldaia con una a condensazione, ultimo aggiornamento Maggio 2012. Comprese le spese necessarie per opere murarie, idrauliche, etc. Saluti.
    rispondi al commento
Notizie che trattano Sostituzione Caldaia: Detrazioni Fiscali che potrebbero interessarti
Irpef su prima casa

Irpef su prima casa

Come conseguenza dei tagli previsti dalla recente Manovra Finanziaria, ritornera' in vigore il pagamento dell'Irpef per la prima casa.
Blocco Caldaia

Blocco Caldaia

Il cattivo funzionamento di una caldaia si verifica quasi sempre quando si ha bisogno che funzioni, erogando acqua calda sanitaria o attivando il riscaldamento.
Caldaie: IVA al 10% per la manutenzione periodica

Caldaie: IVA al 10% per la manutenzione periodica

La manutenzione periodica (annuale) delle caldaie e degli impianti di riscaldamento sia ad uso esclusivo o condominiale a prevalente destinazione abitativa privata, viene assoggettata all'IVA agevolata al 10%.
Rendimento Impianto Termico

Rendimento Impianto Termico

Il rendimento di un impianto termico è espresso dal rendimento globale medio stagionale, costituito dal prodotto di quattro fattori.
Incentivi per rinnovabili, caldaie e pompe di calore

Incentivi per rinnovabili, caldaie e pompe di calore

Attualmente ci sono diverse incentivazioni per le rinnovabili e le riqualificazioni energetiche, novità anche per caldaie standard, pompe di calore e pannelli solari.
IMMOBILIARE
prezzi impianti
costi impianti
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Murprotec
  • Sicurezzapoint
  • Novatek
  • Geosec
  • Casa.it
  • Uretek
  • WaterBarrier
  • Zaccaria Monguzzi
  • Officine Locati
  • Velux
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
    • Posa cartongesso, pitture e pavimentazioni
      Posa cartongesso, pitture e...
      36.00
    • Misura campi elettromagnetici
      Misura campi elettromagnetici...
      200.00
    • Impianti elettrici, idraulici e automazioni
      Impianti elettrici, idraulici e...
      28.00
    • Isolamento acustico
      Isolamento acustico...
      450.00
    • Ristrutturazione bagno
      Ristrutturazione bagno...
      6500.00
    • Inerti, sabbia, ghiaia, pietrame
      Inerti, sabbia, ghiaia, pietrame...
      15.00
    • Dakota tortora 40x170
      Dakota tortora 40x170...
      115.00
    • Ristrutturazione cucina
      Ristrutturazione cucina...
      4000.00
    • Larix fume' 20x170
      Larix fume' 20x170...
      90.00
    • Portland325 dove grey 60x60
      Portland325 dove grey 60x60...
      51.00
    • Barbecue a carbonella napoleon
      Barbecue a carbonella napoleon...
      270.00
    • Urban concrete rett 30x60
      Urban concrete rett 30x60...
      59.00

BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Faidatebook
  • Preventivi
  • Facebook
  • Progettazione