Quartiere Le Albere a Trento

News di Progettazione
A Trento è in corso di realizzazione un nuovo quartiere a destinazione mista, residenziale e per servizi: Le Albere porterà la firma dell'architetto Renzo Piano.
Quartiere Le Albere a Trento
Arch. Ilenia Pizzico
Arch. Ilenia Pizzico

Un esempio di riqualificazione urbana ben riuscito: questo risulta essere il nuovo quartiere di Trento denominato Le Albere, soggetto ad un’imponente opera di restyling a firma dell’archistar Renzo Piano.

            

La storia

                  
schizzo di progettoNel 1998 la città di Trento intraprende un percorso di trasformazione e valorizzazione urbana, al fine di riqualificare alcune aree dismesse, tra cui l’importante centro di produzione della Michelin.
L'iter burocratico, finanziario e progettuale inizia con la presentazione al Ministero competente del Programma di Riqualificazione Urbana e Sviluppo Sostenibile del Territorio, l'acquisizione dell'area e l’indizione del concorso di idee per la costruzione del nuovo paesaggio urbano.
Da qui la collaborazione con l'architetto Renzo Piano, la demolizione e le concessioni edilizie per iniziare i lavori.

          

Il contesto

            
vista esternaL’area di progetto, che si estende per circa 11 ettari davanti al fiume Adige, è delimitata a nord da Palazzo delle Albere, antico manufatto del XVI secolo e a sud da Via Monte Baldo e, da est a ovest, dal tracciato ferroviario fino alla riva del fiume.
Ed era proprio la presenza della ferrovia, unitamente alla vocazione industriale del sito, a far sì che quest’area, seppur prossima al centro storico della città, fosse estromessa dalla fruizione quotidiana dei cittadini.

L’obiettivo principale dell’intervento è stato, quindi, quello di restituire a tutti quest’area attraverso una sistema di connessioni e con la realizzazione di un nuovo quartiere in cui sono integrati perfettamente diversi servizi.

                  

La configurazione del quartiere Le Albere


vista esternaIl progetto viene concepito dall’architetto come un vero e proprio nuovo pezzo di città in cui è possibile trovare edifici con diverse destinazioni d’uso: 310 mila metri cubi di costruito, 300 appartamenti, un Museo della Scienza, 5 ettari di parco pubblico, 30 mila metri quadrati per uffici e commercio, due piani di garage interrati con circa 2000 posti auto, e 30 mila metri quadrati di strade e piazze.


Il fiume, elemento caratteristico del luogo, è stato valorizzato e richiamato attraverso l’uso costante dell’acqua nel progetto. Percorsi e specchi d’acqua disegnano e fanno da corollario alle aree verdi, fungendo da decoro urbano ma soprattutto da raccolta dell’acqua piovana  per un riuso in termini di risparmio idrico ed energetico.


Anche i collegamenti sono ben studiati: percorsi ciclo-pedonali sono definiti da viali alberati che portano al centro storico in pochi minuti; contemporaneamente 2000 posti auto coperti e 80 all'aperto, e un parcheggio pubblico garantiscono la fruizione delle auto.
La viabilità interna e di connessione al centro storico sarà, però, limitata entro precise aree e concessa in determinate fasce orario, assicurando così la vivibilità del centro storico e del quartiere verde.

              

Gli appartamenti

                
tipologia bilocaleGli edifici destinati ad ospitare appartamenti sono stati concepiti rispettando le preesistenze: si tratta di edifici di tre o quattro piani con alloggi di diverso taglio, ad uno o a due livelli, in gran parte con doppio affaccio, sul parco o sulla strada pubblica e sui giardini interni condominiali.

Sono quasi tutti dotati di ampie logge, balconi ed alcuni di giardino privato.


Anche nella scelta dei materiali, si è cercato di valorizzare il luogo: pietra e legno, materiali tradizionali nell'edilizia trentina, convivono con ampie vetrate che rendono luminosi tutti gli ambienti.


Al piano terra troviamo negozi e varie attività commerciali, ad eccezione degli edifici che si affacciano direttamente sul parco, destinati a sola residenza.


Scegliere questi alloggi significa abitare in un quartiere dinamico, attivo, con la possibilità di fruire di servizi, uffici, negozi, spazi culturali e ricreativi e di tanti spazi verdi stando, al contempo a due passi dal centro storico e dall'Adige.

            

La tecnologia

                   
vista internaA Le Albere il sistema energetico centralizzato per l'intero quartiere, unito all'utilizzo di impianti fotovoltaici e al controllo della dispersione termica, migliorerà la qualità della vita di chi vi abita e al contempo contribuirà anche a razionalizzare sensibilmente la produzione e il consumo energetico.


L'area avrà, inoltre, un sistema di reti e di cablature per consentire efficienti telecomunicazioni e un ottimale funzionamento degli impianti domotici.

Una centrale unica di trigenerazione produrrà l'energia necessaria alla vita del quartiere: esso sarà capace di riscaldare e raffreddare tutti gli edifici attraverso un sistema energetico centralizzato all'avanguardia, che farà risparmiare combustibile, riducendo l'impatto sull'ambiente e i costi di manutenzione.


I materiali utilizzati rispecchiano l’obiettivo del raggiungimento della sostenibilità: legno per le facciate autoportanti, pietra locale per rivestimenti e percorsi, pannelli fotovoltaici su tutte le coperture, schermi di piante rampicanti sulle facciate est degli edifici a uffici.


Insomma si tratta di un progetto a scala urbana la cui conclusione è prevista per luglio 2013, e che costituirà, per le sue dimensioni, un esempio non solo di architettura, ma di urbanistica verde.

Articolo: Quartiere Le Albere a Trento
Valutazione: 5.22 / 6 basato su 9 voti.
  • Ti è piaciuto questo articolo?
    Condividilo sul tuo social!
  • 0
  • 0
  • 0
  • 0
Commenta su Quartiere Le Albere a Trento
Caratteri rimanenti
Notizie che trattano Quartiere Le Albere a Trento che potrebbero interessarti
Fa' la cosa giusta!

Fa' la cosa giusta!

Nel 2004 nasce a Milano, dall?incontro tra le realtà pubbliche e private sul tema dello sviluppo sostenibile dell?economia locale, la fiera Fa' la
Gallerie di Piedicastello

Gallerie di Piedicastello

Da tunnel di collegamento dismessi, a vetrina del Trentino, della sua storia civile e delle bellezze del suo territorio.
Progetto Sofie

Progetto Sofie

Realizzato da ricercatori italiani un prototipo di edificio in legno che resiste anche ai terremoti.
Eolico a pale verticali

Eolico a pale verticali

Nell'ambito della tecnologia del minieolico, cioè quella che produce energia dal vento utilizzando impianti di dimensioni contenute, si inscrive quella
La Casa Passiva

La Casa Passiva

Una casa che produce energia da fonti rinnovabili, a impatto zero e perfettamente integrata con il paesaggio. Esiste, e si chiama Casa Passiva.
QUANTO COSTA?
Prezzi prodotti e servizi per PROGETTAZIONE
COSTI DI RISTRUTTURAZIONE?
Costi di ristrutturazione per PROGETTAZIONE
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE







SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
    • Inox spotlight lampada solare
      Inox spotlight lampada solare...
      27.45
    • Telecamera energia solare
      Telecamera energia solare...
      99.00
    • Malga sensor lampada solare
      Malga sensor lampada solare...
      61.00
    • Jolly lampada ad energia solare hw-9083a
      Jolly lampada ad energia solare...
      13.60
    • Contatore di energia monofase digitale
      Contatore di energia monofase...
      54.80
    • Jolly lampada ad energia solare hw-9083
      Jolly lampada ad energia solare...
      8.10
    • Napoli lampada
      Napoli lampada...
      81.74
    • Vienna lampada inox
      Vienna lampada inox...
      82.96
    • Pompe di calore per piscina
      Pompe di calore per piscina...
      775.00
    • Jolly lampada ad energia solare alec2b0820ib
      Jolly lampada ad energia solare...
      14.10
    • Power kit 20 wp
      Power kit 20 wp...
      238.11
    • Best season 477-37 - lampade led ad energia solare con puntale, set da 2, 39x8 cm, colore: argento
      Best season 477-37 - lampade led...
      14.98

BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE