Utilizzo dei Cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, navigando ne accetti l'utilizzo. Leggi l'informativa.

Pagamenti per detrazioni fiscali sulla casa

News di Normative
Per beneficiare delle detrazioni fiscali è prevista una particolare modalità di pagamento tramite bonifico bancario o postale, pena la perdita della detrazione.
Pagamenti per detrazioni fiscali sulla casa
Arch. Sara Martinelli

Bonifico per detrazioni fiscali


bonifico detrazioni fiscaliLe detrazioni fiscali per il risparmio energetico (65%) e per le ristrutturazioni edilizie (50%) prevedono il pagamento delle fatture esclusivamente mediante un modello particolare di bonifico bancario o postale specifico per le detrazioni fiscali (bonifico parlante). Sono quindi esclusi bonifici ordinari o altre modalità di pagamento (assegni, contanti, carte di credito, ecc.), ad eccezione dei casi particolari che vedremo più avanti.

Per esperienza segnalo a chi è abituato ad effettuare bonifici mediante home banking che non sempre le banche mettono a disposizione questo modello apposito di bonifico per le detrazioni fiscali nell’area online. Pertanto, se non lo trovassimo online, sarà necessario recarci presso lo sportello bancario, dove invece sarà sicuramente disponibile il modulo corretto.


Compilazione del bonifico per detrazioni fiscali


Una volta individuato il modulo di bonifico per le detrazioni, la compilazione sarà molto semplice. Oltre ai tradizionali campi da compilare del tutti simili ad un bonifico ordinario, sarà necessario inserire il codice fiscale del soggetto che paga (e che beneficerà della detrazione) e il codice fiscale o il numero di partita iva del beneficiario del pagamento. Se le opere sono eseguite su parti comuni condominiali, oltre al codice fiscale del condominio, è necessario indicare quello dell’amministratore o del condòmino che provvede al pagamento.

Generalmente le banche predispongono nel modulo una casella da barrare, a seconda che si intenda beneficiare della detrazione sul risparmio energetico (65%), di quella sulle ristrutturazioni edilizie (50%) o del bonus mobili. Molto spesso sui moduli non compare la casella relativa al bonus mobili. In tal caso allora barreremo la casella della detrazione sulle ristrutturazioni edilizie, alla quale il bonus mobili è strettamente connesso.

Ricordo poi che la detrazione 65% per l’adozione di misure antisismiche su costruzioni che si trovano in zone sismiche ad alta pericolosità si configura come un caso particolare rientrante nella detrazione fiscale sulle ristrutturazioni edilizie, che, anziché beneficiare della percentuale di detrazione del 50%, beneficia della percentuale del 65%. Nonostante la differenza di percentuale, questo intervento segue le procedure previste per la detrazione sulle ristrutturazioni, pertanto sul bonifico si dovrà barrare la casella relativa alla detrazione sulle ristrutturazioni edilizie.


Cosa riportare nella causale del bonifico per detrazioni fiscali


Se nel modello del bonifico non sono già presenti dei riferimenti normativi (ad esempio accanto alla casella da barrare sul tipo di detrazione di cui si intende beneficiare) è consigliabile inserirli nella causale.

I riferimenti normativi saranno differenti in base al tipo di detrazione scelta. Per la detrazione sulle ristrutturazioni edilizie (50%), per l’adeguamento sismico e per il bonus mobili l’Agenzia delle Entrate indica questa dicitura (eventualmente abbreviata se i caratteri a disposizione non sono sufficienti): bonifico relativo a lavori edilizi che danno diritto alla detrazione prevista dall’articolo 16-bis del Dpr 917/1986 e successive modifiche - Pagamento fattura n. ___ del_____ a favore di________________ p.iva______________.

Come vedete, oltre ai riferimenti normativi ci sono i riferimenti della fattura e della ditta cui è destinato il bonifico. Se altri campi del modulo del bonifico consentono di inserire i dati della ditta, è possibile togliere gli stessi dati dalla causale.

Per la detrazione sul risparmio energetico (65%): bonifico relativo a lavori di risparmio energetico che danno diritto alla detrazione prevista dalla Legge 296/2006 e successive modifiche - Pagamento fattura n. ___ del_____ a favore di________________ p.iva______________ .

Una volta effettuato il bonifico si dovrà conservarne la ricevuta insieme a tutti gli altri documenti per le detrazioni fiscali, così da poterla esibire qualora si presentino controlli da parte dell’Agenzia delle Entrate. Copia della ricevuta del bonifico servirà anche al commericialista/caf, che avrà prova dell’importo versato e potrà quindi inserire la detrazione fiscale nella vostra dichiarazione dei redditi.


Per chi ha sbagliato modalità di pagamento


Per tutti coloro che hanno effettuato pagamenti in modalità differente dal bonifico suddetto (ad esempio assegno, bonifico standard, ecc.) è comunque possibile non perdere la detrazione fiscale. In questi casi bisognerà provvedere ad annullare il pagamento facendosi restituire la somma versata e ripetere il pagamento nella modalità corretta. Stessa cosa vale per coloro che hanno sbagliato qualcosa effettuando il bonifico.


Spese che si possono pagare senza bonifico


pagamenti con carta solo per bonus mobiliEsistono alcune spese che possono beneficiare delle detrazioni fiscali sulle ristrutturazioni edilizie e sul risparmio energetico per le quali non è però possibile effettuare il pagamento con bonifico. Parlo ad esempio degli oneri di urbanizzazione, dei diritti pagati per concessioni, dei diritti di segreteria per autorizzazioni o denunce lavori, delle ritenute fiscali sugli onorari dei professionisti o le imposte di bollo. In questi casi la normativa sulle detrazioni fiscali prevede una deroga, ovvero vengono accettate altre modalità di pagamento. Specifico ad ogni modo che per le spese per cui è possibile il bonifico è obbligatorio utilizzare unicamente questa modalità di pagamento.

Un discorso a parte va fatto per il bonus mobili. Per chi intende usufruirne è sempre possibile utilizzare come metodo di pagamento il bonifico specifico per le detrazioni. Sempre e solo per il bonus mobili sono concessi però anche pagamenti mediante carte di credito o carte di debito. Non sono invece ammessi assegni o contanti.


Ritenuta fiscale sui bonifici per le detrazioni fiscali


A differenza dei comuni bonifici, al bonifico per le detrazioni fiscali viene applicata automaticamente dalla banca o dalla posta una ritenuta pari al 4% a titolo di acconto dell’imposta dovuta dall’impresa che effettua i lavori. Quando il bonifico viene fatto a favore di un Comune bisogna indicare nella causale che il beneficiario è il Comune e che cosa riguarda il pagamento. Con queste indicazioni la banca avrà modo di distinguere questo bonifico dagli altri e non applicare di conseguenza la ritenuta d’acconto.


Conto intestato a più persone


Nel caso in cui il conto sia intestato a più persone, nel bonifico va specificato solo il codice fiscale di colui che beneficerà della detrazione fiscale. Qualora intendessero beneficiarne più intestatari, nel bonifico compariranno tutti i loro codici fiscali e la detrazione andrà poi ripartita fra essi.


Quanti bonifici si possono fare?


bonificoLe detrazioni fiscali non prevedono un numero limite di bonifici. Ogni qualvolta concorderemo un pagamento con la ditta esecutrice dei lavori, questa emetterà fattura e noi provvederemo al pagamento mediante apposito bonifico.

Se accordate con la ditta un acconto e un saldo dei lavori, chiederete di emettere due fatture. Sulla prima fattura si può scrivere ad esempio acconto per lavori di ristrutturazione o di risparmio energetico. Sulla seconda fattura metterei invece una descrizione esaustiva di tutti i lavori (in modo che in occasione di eventuali controlli appaia ben chiaro cosa è stato eseguito) traendone il totale e deducendo l’acconto iniziale con il riferimento alla fattura precedente.



Pagamento con bonifico di una sola parte della fattura


Mi è stato chiesto più volte se è possibile pagare con bonifico apposito solo una parte della fattura emessa dalla ditta poiché non tutte le opere eseguite rientrano fra quelle agevolabili. Non esiste uno specifico chiarimento in merito fornito dall’Agenzia delle Entrate. Tuttavia mi sento di suggerire di avere sempre una chiara corrispondenza degli importi di fatture e bonifici per evitare di fare confusione, soprattutto in un momento delicato come un controllo fiscale.

Qualora dovessimo eseguire delle opere in parte agevolabili e in parte no, sarebbe preferibile separarne le contabilità. Avremo quindi 2 fatture (o più) a cui corrisponderanno 2 bonifici (o più), di cui uno effettuato con modello standard ed uno con modello apposito per le detrazioni fiscali. Conserveremo poi a parte la documentazione relativa alle opere agevolabili (fattura, ricevuta del bonifico e tutto il resto), così da esibire solamente ciò che interessa in occasione di eventuali controlli. Una documentazione chiara e limitata alle sole opere agevolabili faciliterà notevolmente le ispezioni.

Articolo: Pagamenti per detrazioni fiscali sulla casa
Valutazione: 4.67 / 6 basato su 52 voti.
  • Ti è piaciuto questo articolo?
    Condividilo sul tuo social!
  • 5
Commenta su Pagamenti per detrazioni fiscali sulla casa
Caratteri rimanenti
  • 162246
    7 ore 28 min. 5 sec. fa
    BuongiornoMia madre ha previsto di far ricoprire il tetto della sua casa ereditata in Italia. Lei (e tutti figli) è residente in Svizzera e nessuno dispone di un conto corrente in Italia. È possibile di effetuare il bonifico tramite un conto di una parente residnte in Italia, ben indicando il codice fiscale di nostra madre sul modello specifico per ottenere la detrazione del 65% ? Grazie mille per il suo consiglio.
    rispondi al commento
  • Piccolofofo
    Venerdì 30 Gennaio 2015, alle ore 21:57
    Salve. nel 2014 ho sostituito gli infissi pagando con regolare bonifico risparmio energetico al 65%. ho gia' fatto la registrazione sul sito dell'enea. posso utilizzare la stessa ricevuta per la dichiarazione dei redditi 2015 usufruendo del 50% e non piu' del 65% ed in caso affermativo devo cancellare la richiesta dal sito enea?
    rispondi al commento
    • Sara.m. Piccolofofo
      Lunedì 2 Febbraio 2015, alle ore 11:32
      Solo per avere più chiara la situazione e fornire una risposta adeguata, posso chiedere per quale motivo non intende più beneficiare del 65%?
      rispondi al commento
      • Piccolofofo Sara.m.
        Domenica 8 Febbraio 2015, alle ore 11:24
        Salve. la legge prevede uno stabile con impianto di riscaldamento funzionante. ebbene lo stabile interessato e' dotato di nuovo impianto di riscaldamento che abbiamo collaudato con caldaia prestata usata a gas ma successivamente smontata e restituita perche' non mia. quindi ad oggi l'impianto non e' attivo. non vorrei avere visite ispettive di controlllo.
        rispondi al commento
        • Sara.m. Piccolofofo
          Lunedì 23 Marzo 2015, alle ore 11:37
          Comprensibile. Può accedere al sito dell'Enea e cancellare la pratica. Per la detrazione slle ristrutturazioni consegnerà al commercialista fatture e ricevute bonifici. Se sul bonifico ha indicato la detrazione 65% non si preoccupi. Può comunque beneficiare della detrazione 50% perchè l'indicazione sul bonifico della detrazione sbagliata non comporta la decadenzadel beneficio.
          rispondi al commento
  • Michelevolo
    Lunedì 15 Dicembre 2014, alle ore 18:21
    Buongiorno, ho effettuato dei lavori per ristrutturazione edilizia nel 2011, ma il commercialista non ha calcolato l'importo della detrazione nel modello Unico/730 e quindi non ho usufruito della detrazione.C'è possibilità di poter detrarre almeno la rimanenza?Esistono dei modelli integrativi per poter sistemare almeno in parte questo problema?Grazie e buona serata.
    rispondi al commento
    • Sara.m. Michelevolo
      Mercoledì 7 Gennaio 2015, alle ore 23:38
      Ciò che riguarda la dichiarazione dei redditi è materia più da commercialista che da tecnico. Dovrebbe chiedere al suo commercialista se è in grado di rimediare o, se non si fida, chiedere una consulenza ad altro commercialista.
      rispondi al commento
  • Robertoruspantini
    Lunedì 1 Dicembre 2014, alle ore 14:10
    Salveho in corso d'opera la demolizione-ricostruzione del mio immobile, in pratica una riqualificazione energetica globale dell'edificio, poiche con la ditta ci siamo accordati per il pagamento delle fatture per i vari stati di avanzamento della costruzione, volevo sapere quale causale devo utilizzare per saldare tutte le varie fatture.Grazie
    rispondi al commento
    • Sara.m. Robertoruspantini
      Mercoledì 7 Gennaio 2015, alle ore 23:29
      Inserisca la causale indicata in questo articolo. Per ogni bonifico sarà importante fare riferimento al numero di fattura a cui corrisponde.
      rispondi al commento
  • Andreaskr
    Sabato 15 Novembre 2014, alle ore 19:47
    Buonasera ho in corso ristrutturazione che mi da diritto per l'anno in corso al bonus mobili e difatti stiamo x acquistare una cucina,ma ho un problema:dobbiamo dare acconto adesso per bloccare l'ordine e la parte restante da versare alla consegna pertanto io effettuo bonifico x l'acconto nell'anno 2014 ma la consegna,con relativa fattura e bonifico saranno effettuati nel 2015.ci sono problemi per la detrazione dell'importo fatturato nel 2015?
    rispondi al commento
    • Sara.m. Andreaskr
      Lunedì 1 Dicembre 2014, alle ore 11:39
      Subentrerebbero problemi solo se il bonus mobili non sarà prorogato anche al 2015. Al momento i pagamenti devono essere tassativamente effettuati entro il 2014. Se ci sarà proroga (come in effetti ci aspettiamo) potrà eventualmente finire di pagare nel 2015.
      rispondi al commento
      • Andreaskr Sara.m.
        Sabato 27 Dicembre 2014, alle ore 19:12
        Buonasera e innanzitutto auguri di buone feste. vista la recente proroga del bonus mobili volevo chiedere vista la mia precedente illustrazione della problematica potrò effettuare pagamento nel 2015 o se ci potrebbero essere dei problemi, e nel caso quali sono le operazioni da effettuare per evitare disguidi. grazie mille anticipatamente
        rispondi al commento
  • Vincenzo_ingegnere
    Domenica 2 Novembre 2014, alle ore 21:02
    Buona sera ho eseguito un primo bonifico di acconto per la sostituzione degli infissi prima dell'approvazione della SCIA, mentre i successivi acconti nonché il saldo finale dopo l'approvazione della SCIA. Rischio di poter perdere la detrazione relativa al primo acconto?grazie
    rispondi al commento
    • Sara.m. Vincenzo_ingegnere
      Martedì 4 Novembre 2014, alle ore 15:11
      A mio avviso no perchè l'acconto non presuppone che l'intervento fose già in esecuzione prima della presentazione della pratica edilizia.
      rispondi al commento
  • Francescocampanella
    Giovedì 16 Ottobre 2014, alle ore 16:58
    Gent. Architetto, io e mia moglie avendo un conto cointestato abbiamo fatto emettere le fatture con entrambi i nostri nomi.Avendo deciso di comprare online degli elettrodomestici ci siamo imbattuti in un negozio che non riesce a cointestare la fattura. La domanda che vorremmo farle è se a fronte di una fattura con un solo nome ma di un bonifico con entrambi i nomi ed i codici fiscali, come ci dobbiamo comportare per procedere alla detrazione?
    rispondi al commento
    • Sara.m. Francescocampanella
      Martedì 4 Novembre 2014, alle ore 15:14
      Aggiungete a mano i dati della persona non inserita e comunicate al rivenditore di fare lo stesso, oppure chiedete di inserire il secondo nominativo nella descrizione della fattura.
      rispondi al commento
  • Craino
    Giovedì 26 Giugno 2014, alle ore 16:19
    Gent. Architetto, sto ristrutturando una casa in comproprietà con mia moglie, solo io potrei beneficiare delle detrazioni fiscali, quindi ho intestato solo a me la pratica della manutenzione straordinaria e mi farò intestare solo a me le fatture. Quando farò i bonifici per i pagamenti devo inserire anche i dati di mia moglie (essendo anche lei proprietaria insieme a me dell'immobile)? Oppure semplicemente basta il mio nominativo? Grazie
    rispondi al commento
  • Liaferraro
    Domenica 22 Giugno 2014, alle ore 15:26
    Gent. Architetto,ho due domande: 1. Nel bonifico effettuato abbiamo inserito tutti i riferimenti al lavoro svolto, ma non quelli normativi. Sono di vitale importanza? 2. L'impresa individuale per i lavori edilizi non ha conto corrente (strano ma vero) e mi ha detto di fare il bonifico al figlio che lavora con la sua impresa regolarmente. Lo trova corretto? Grazie per la risposta
    rispondi al commento
Notizie che trattano Pagamenti per detrazioni fiscali sulla casa che potrebbero interessarti
Detrazioni fiscali e pagamenti con finanziamento

Detrazioni fiscali e pagamenti con finanziamento

Le detrazioni fiscali per lavori di ristrutturazione o risparmio energetico pagati con finanziamento sono ammesse, ma solo se vengono rispettate alcune procedure.
Bonifico detrazioni errato

Bonifico detrazioni errato

Cosa accade quando si sbaglia ad effettuare il bonifico per lavori che beneficiano della detrazione fiscale sulle ristrutturazioni o sul risparmio energetico?...
Limiti di spesa per detrazioni sulla casa

Limiti di spesa per detrazioni sulla casa

Per la detrazione sulle ristrutturazioni edilizie, quella sul risparmio energetico ed il bonus mobili sono stabiliti diversi limiti massimi di spesa (o detrazione).
Applicazione della ritenuta d'acconto sui bonifici per detrazioni 50% e 65%

Applicazione della ritenuta d'acconto sui bonifici per detrazioni 50% e 65%

Sui bonifici per le detrazioni banche e poste devono operare una ritenuta a titolo di acconto dell'imposta sul reddito dovuta dall'impresa che effettua i lavori.
Come risolvere errori commessi negli adempimenti per la detrazione 50%

Come risolvere errori commessi negli adempimenti per la detrazione 50%

La complessità della normativa in materia di detrazioni fiscali porta spesso il contribuente a commettere errori negli adempimenti, che talvolta si possono risolvere.
IMMOBILIARE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
    • Eschenbach sheraton stazione meteorologica meccanico in legno massiccio di quercia
      Eschenbach sheraton stazione...
      86.69
    • Mobile stondato 100 cm lavabo decentrato tortora
      Mobile stondato 100 cm lavabo...
      325.00
    • Tavolo arte povera
      Tavolo arte povera...
      179.00
    • Tavolo arte povera
      Tavolo arte povera...
      179.00
    • Camera da letto c40053
      Camera da letto c40053...
      1.66
    • Gli alberelli portacandela nastri di colore pois verde cm. 14x14 altezza
      Gli alberelli portacandela nastri...
      21.60
    • Edilkamin termostufa a pellet ande
      Edilkamin termostufa a pellet ande...
      3200.00
    • Colombo khala reggimensola regolabile
      Colombo khala reggimensola...
      30.33
    • Hotpoint-ariston frigorifero combinato 4 porte capacità in litri 470 classe energetica a++ raffreddamento no frost quadrio e4daaaxc
      Hotpoint-ariston frigorifero...
      659.50
    • Gazebo in acciaio con teli laterai ? 350x270 cm da giardino per arredo esterno
      Gazebo in acciaio con teli laterai...
      219.90
    • Poltroncina capotavola
      Poltroncina capotavola...
      120.00
    • Gazebo vela
      Gazebo vela...
      36.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Casa.it
  • Casa.it
  • Mansarda.it
  • Faidatebook
  • Geosec
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI