Questo sito utlizza cookie! Leggi informativa privacy

Legna per camino

News di Fai da te
Per chi ha un caminetto, ecco qualche dritta su come come scegliere la legna da ardere più idonea, per evitare di avere fumo, scintille e poco potere calorifico.
Legna per camino
Arch. Valentina Caiazzo
Arch. Valentina Caiazzo

Con l’inoltrarsi della stagione autunnale, nonostante le giornate siano ancora abbastanza lunghe e le temperature più o meno tiepide, la sera viene la voglia di iniziare ad accendere il camino. Per chi ancora non ci ha pensato, è bene che si attrezzi sia con la pulizia del caminetto che con la scelta della legna giusta, in modo da non farsi trovare impreparato, in caso di freddi improvvisi.

L’uso del legno per scaldarsi si perde nella notte dei tempi. La legna da ardere ha scaldato con il suo potere calorifico milioni di persone lungo l’arco della storia, fungendo per secoli da unico riscaldamento sia per piccole case che per grandi dimore, rappresentando la fonte energetica primaria, fino alla progressiva sostituzione con il carbone.

Oggi l’uso ai fini del solo riscaldamento domestico, si è ridotto notevolmente, anche se la legna da ardere è comunque molto utilizzata per camini e caminetti, in parte ornamentali, in parte come aggiunta al classico impianto.

Combustibile naturale



La legna da ardere, se bruciata in apparecchi moderni ed idonei, come stufe e camini efficienti, è un ottimo combustibile naturale, oltre che una buona fonte per l’energia rinnovabile, soprattutto se estratta da foreste apposite, coltivate proprio con questo scopo.

Quando si parla di legna, si intendono generalmente ceppi di tronchi appositamente tagliati e ridotti in tocchi, da sistemare poi in camini e stufe. Ma non tutta la legna è uguale. Lo sapevano i nostri nonni, che ne tenevano varie tipologie a seconda dell’utilizzo, ordinatamente adagiati nella legnaia. Ma ancora oggi, soprattutto in zone di montagna, dove il freddo impera per buona parte dell’anno, si vedono cataste suddivise per dimensioni e spesso anche per tipo e origine del legno.

Vari tipi di legna


Abbiamo detto che non tutta la legna è uguale.
A seconda dell’albero e della specie, infatti, aumenta ad esempio il calore sprigionato.  La legna migliore è quella ottenuta da faggio, frassino, betulla e quercia.  Legna ottenuta invece da castagno, pioppo o tiglio, così come dall’ippocastano, può essere utilizzata tranquillamente, anche se il appunto, il calore prodotto è minore, a causa di una più alta presenza di umidità e una maggiore densità.

La legna da ardere si può distinguere in due grandi categorie: legno duro e legno dolce. Il primo proviene generalmente dalle latifoglie, da alberi quindi decidui, come il noce e il faggio.
Mentre il legno dolce proviene invece, da conifere, o alberi sempreverdi, come sono il larice o il pino e si caratterizza  per una facile accensione e un veloce consumo.

L’accortezza iniziale, comunque, qualunque sia il tipo, è il controllo che la legna non sia verde. Deve essere stagionata, altrimenti si rischia solo di riempire la casa di fumo, senza bruciare alcunché.

Per la stagionatura, la legna, dopo la raccolta e il taglio, deve essere lasciata al sole.  
Ma anche le varie essenze non sempre disponibili in tutte le zone. Vista la difficoltà e i costi inerenti al recapito, una volta acquistata, generalmente ci si rivolge a venditori nelle vicinanze, dove di solito le essenze sono perlopiù locali o comunque facilmente coltivate in zona.

Legno di castagno



Un esempio di come agisca una corretta stagionatura, è il legno di castagno. Un legno molto pesante e spesso utilizzato anche per costruzioni esterne, che risulta essere un’essenza molto economica, quando si parla di legna da ardere.

Se non viene stagionato nel modo corretto, il castagno presenta i classici difetti della legna per camino, ovvero, il fumo, gli scoppiettii e le piccole scintille. Tutto ciò avviene per la presenza di tannino, un conservante naturale, che si elimina facilmente tramite lavatura, ovvero lasciando i ceppi all’esterno, esposti anche agli agenti atmosferici per un paio d’anni prima dell’utilizzo e facendo poi essiccare il legno in un luogo riparato e asciutto, anche per un lungo periodo, in modo da eliminare anche le sacche di umido, che generano lo scoppiettio.

Legno di Faggio



Altro tipo di legna particolarmente adatto come legna da ardere è il faggio. Il tronco di questa pianta, è generalmente compatto e molto pesante e dimostra di possedere un alto potere calorifico, anche grazie alla bruciatura piuttosto lenta.

Prezzi legna da ardere



Per quanto riguarda i prezzi, la legna da ardere è quotata più o meno a 10 - 13 euro al quintale; il costo varia in base alla zona e agli spostamenti per la consegna. Anche se spesso si trova legna a prezzi anche più bassi, è preferibile diffidare in questi casi, a meno che non siano legnami provenienti da scarti di lavorazione.

Articolo: Legna per camino
Valutazione: 4.60 / 6 basato su 20 voti.
  • Ti è piaciuto questo articolo?
    Condividilo sul tuo social!
  • 0
  • 0
  • 0
  • 0
Commenta su Legna per camino
Caratteri rimanenti
  • Nicolo Luca
    Martedì 31 Dicembre 2013, alle ore 20:44
    Molto utile, dove trovare legna ardere faggio. Abito a Catania. Grazie
    rispondi al commento
  • Roberto
    Martedì 15 Gennaio 2013, alle ore 21:05
    Salve, volevo sapere se è possibile usare la legna portata dal mare e poi spiaggiata, io ne ho preso un po' e la sto usando con notevoli risultati, ma faccio bene o no ? Grazie.
    rispondi al commento
    • Arch.caiazzo Roberto
      Venerdì 18 Gennaio 2013, alle ore 08:01
      Per Roberto: Salve, ai fini dell'utilizzo per il camino non c'è alcun problema.
      Per quanto riguarda la raccolta, in alcuni Comuni è vietato, a meno di mareggiate ed eventi eccezionali, dopo i quali, diventa invece un buon modo per ripulire le spiagge.
      rispondi al commento
Notizie che trattano Legna per camino che potrebbero interessarti
Camino polivalente

Camino polivalente

Un termocamino con una tecnica di combustione innovativa a doppio circuito (vaso aperto circuito chiuso) alimentato a pellets e legna è l'unico del suo genere.
La legna per i camini

La legna per i camini

Camini, Combustione, Tiraggio

Camini, Combustione, Tiraggio

Il buon funzionamento di un camino si verifica controllando la qualità dei fenomeni fisici di Combustione, aerazione ed evacuazione di fumi della combustione.
Porta-legna

Porta-legna

Se il camino non prevede uno spazio architettonicamente integrato per conservare la legna si può procurare un contenitore da posizionare vicino, magari di design.
Camino a bioetanolo oppure a legna?

Camino a bioetanolo oppure a legna?

E' tempo di camini con la temperatura che gradatamente inizia a diminuire. Quale scegliere?
IMMOBILIARE
prezzi faidate
costi faidate
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Uretek
  • Casa.it
  • WaterBarrier
  • Novatek
  • Officine Locati
  • Murprotec
  • Sicurezzapoint
  • Geosec
  • Zaccaria Monguzzi
  • Velux
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
    • Bastone acciaio legno
      Bastone acciaio legno...
      35.00
    • Fioriera in legno
      Fioriera in legno...
      95.00
    • Pavimentazione in legno per piscina
      Pavimentazione in legno per piscina...
      123.00
    • Domestic 906240 set porta taglieri chiaro con manico in legno, 7 pezzi
      Domestic 906240 set porta taglieri...
      9.99
    • Piscine in legno
      Piscine in legno...
      2425.00
    • Tettoia legno
      Tettoia legno...
      419.00
    • Serramenti in legno-alluminio
      Serramenti in legno-alluminio...
      577.00
    • Pavimento in legno
      Pavimento in legno...
      3.90
    • Coperture in legno di castagno
      Coperture in legno di castagno...
      290.00
    • Cassonetto legno massello
      Cassonetto legno massello...
      161.00
    • Finestre alluminio-legno
      Finestre alluminio-legno...
      360.00
    • Poltrone lift relax linea le kappa
      Poltrone lift relax linea le kappa...
      650.00

BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Progettazione
  • Preventivi
  • Casa.it
  • Faidatebook