Questo sito utlizza cookie! Leggi informativa privacy

La proprietà del muro di confine

News di Normative
La disciplina dettata dal codice civile in materia di proprieta' del muro di confine. Quando deve considerarsi tale e quando no. La presunzione di comunione e l'intervento dell'Autorità Giudiziaria.
La proprietà del muro di confine
Avv. Alessandro Gallucci

Proprieta' del muroIl codice civile disciplina in modo preciso e particolareggiato la questione della proprieta' dei muri di confine (artt. 874 e ss. c.c.).


Vale la pena, senza seguire pedissequamente l’ordine delle norme, esporre le principali caratteristiche afferenti la proprietà del muro e le conseguenti implicazioni in materia di spese di manutenzione e ricostruzione.


Ai sensi dell’art. 880 c.c.:


Il muro che serve di divisione tra edifici si presume comune fino alla sua sommità e, in caso di altezze ineguali, fino al punto in cui uno degli edifici comincia ad essere più alto.


Si presume parimenti comune il muro che serve di divisione tra cortili, giardini e orti o tra recinti nei campi
.


Si tratta di una presunzione di comunione che può trovare smentita nel contenuto degli atti d’acquisto.
In sostanza se l’atto non dice nulla ed il muro è posizionato sul confine tra le due proprietà esso dovrà considerasi in proprietà comune.


Tuttavia, ai sensi del successivo articolo 881 c.c., si presume che il muro divisorio tra i campi, cortili, giardini od orti appartenga al proprietario del fondo verso il quale esiste il piovente e in ragione del piovente medesimo.


Se esistono sporti, come cornicioni, mensole e simili, o vani che si addentrano oltre la metà della grossezza del muro, e gli uni e gli altri risultano costruiti col muro stesso, si presume che questo spetti al proprietario dalla cui parte gli sporti o i vani si presentano, anche se vi sia soltanto qualcuno di tali segni
.


Proprieta' del muroLaddove, invece, il muro dovesse trovarsi su uno dei fondi in posizione tale da fungere sostanzialmente da muro di confine, il proprietario del fondo ad esso attiguo può chiederne la comunione.


Ciò perché ai sensi dell’art. 874 c.c. (Comunione forzosa del muro sul confine) il proprietario di un fondo contiguo al muro altrui può chiederne la comunione per tutta l'altezza o per parte di essa, purché lo faccia per tutta l'estensione della sua proprietà. Per ottenere la comunione deve pagare la metà del valore del muro, o della parte di muro resa comune, e la metà del valore del suolo su cui il muro è costruito. Deve inoltre eseguire le opere che occorrono per non danneggiare il vicino.


Che cosa s’intende per comunione forzosa?


Con tale locuzione s’intende dire che si può instaurare un procedimento giudiziale per quei casi in cui, inizialmente, non sia stato possibile giungere ad un accordo per mezzo dell’alternativa stragiudiziale, ossia di quella consistente nella stipula di un contratto da trascriversi presso la conservatoria dei pubblici registri immobiliari.

Dopo un anno dall'entrata in vigore della così detta legge sulla mediazione civile (cioè dal marzo 2011), prima d'iniziare un giudizio sarà necessario esperire il tentativo obbligatorio di conciliazione.


Nel caso di azione giudiziale, la sentenza costitutiva della comunione forzosa dovrà essere trascritta al pari dell’atto convenzionale.


Se il muro non è sul confine ma è eretto entro una determinata distanza da esso, al pari del caso del muro contiguo al confine, seppur solo per determinati scopi, il titolare del fondo non proprietario della struttura può chiederne la comunione forzosa.


Proprieta' del muroLa norma di riferimento è l’art. 875 c.c. a mente del quale: quando il muro si trova a una distanza dal confine minore di un metro e mezzo ovvero a distanza minore della metà di quella stabilita dai regolamenti locali, il vicino può chiedere la comunione del muro soltanto allo scopo di fabbricare contro il muro stesso, pagando, oltre il valore della metà del muro, il valore del suolo da occupare con la nuova fabbrica, salvo che il proprietario preferisca estendere il suo muro sino al confine.


Il vicino che intende domandare la comunione deve interpellare preventivamente il proprietario se preferisca di estendere il muro al confine o di procedere alla sua demolizione. Questi deve manifestare la propria volontà entro il termine  di giorni quindici e deve procedere alla costruzione o alla demolizione entro sei mesi dal giorno in cui ha comunicato la risposta
.
 

Articolo: La proprietà del muro di confine
Valutazione: 3.61 / 6 basato su 75 voti.
  • Ti è piaciuto questo articolo?
    Condividilo sul tuo social!
  • 0
  • 0
  • 1
  • 0
Commenta su La proprietà del muro di confine
Caratteri rimanenti
  • Morkes
    Sabato 16 Agosto 2014, alle ore 15:34
    Buonasera. Ho acquistato una villetta costruita su un terreno confinante con un altro terreno. Prima della costruzione della villetta era tutto terreno e non c'era muro di divisione tra i terreni.Il costruttore ha costruito a sue spese il muro di divisione tra quello che adesso è il mio giardino ed il terreno confinante.Non so se è sul confine oppure no.Il muro è mio oppure no?
    rispondi al commento
  • Etiopianel cuore
    Mercoledì 6 Agosto 2014, alle ore 19:18
    Buonasera AvvocatoIl mio vicino ha la recinzione in metallo fissata nel muro del mio fabbricato (dentro al muro per 5/6 cm). Ciò ha causato negli anni delle crepe nell'intonaco. Posso richiedere la rimozione della stessa dal mio muro e pretendere che la sua recinzione si sostenga in modo autonomo ed indipendente dal mio fabbricato? E se non posso richiedere la rimozione si crea una servitù/usucapione?Grazie, Simona
    rispondi al commento
  • Legale
    Mercoledì 14 Maggio 2014, alle ore 17:22
    In teoria potrebbe non essere possibile poiché potrebbe esserci una servitù. Non posso dare una risposta più precisa senza esame dello stato dei luoghi.
    rispondi al commento
  • Shadowladykimera
    Domenica 4 Maggio 2014, alle ore 23:33
    Salve, sono proprietario di appartamento all'ultimo piano con utilizzo esclusivo di parte della terrazza sovrastante. La mia terrazza è separata da quella del mio vicino da un divisorio ferro/vetro-opaco alto 2mt. con apertura sottostante per deflusso acque. Il mio vicino ha piante in vaso sul suo lato a confine e da lì passano anche terra e foglie che invadono il mio terrazzo. Vorrei chiuderlo. In che misura si può fare? Grazie.
    rispondi al commento
  • Enricogiov
    Mercoledì 23 Aprile 2014, alle ore 15:41
    Salve,ho un immobile con una parete in comunione con un mio parente, il muro divide due lotti di terreno ove specularmente sono edificate le due case (incorporando per metà ognuno il muro nell'abitazione), ora vorrei fare un ampliamento seguendo la costruzione originale. Il problema è che l'edificio è alto 3 metri, il muro confinante rimanente 1,50mt, posso sopraelevarlo fino a portarlo a 3mt per utilizzarlo nell'ampliamento o no? Grazie
    rispondi al commento
  • Roquefaxil
    Mercoledì 9 Aprile 2014, alle ore 14:33
    Mi è arrivata una raccomandata in cui mi si diffida dalla prosecuzione di lavori di realizzazione di un muro di confine. questo muro era inizialmente di circa 1,5 mt al secondo piano di una palazzina e l'ho alzato per portarlo a norma di legge. ora questo vicino terzo che non è quello interessato direttamente alla realizzazione del muro mi ha mandato raccomandata tramite il comune immagino perchè ora nella sua proprietà arriva meno luce di prima
    rispondi al commento
  • Legale
    Venerdì 14 Febbraio 2014, alle ore 17:36
    Credo sia utile che si rivolga ad u legale di sua fiducia per valutare al meglio il da farsi.
    rispondi al commento
  • Lucianorezzonico
    Martedì 11 Febbraio 2014, alle ore 12:01
    Il mio vicino ha sbancato il terreno dalla sua parte delimitato da una recinsione metallica presente prima dell'acquisto dell'immobile creando un dislivello di circa 3 mt senza fare alcun muro di spinta.Con le piogge di questi giorni rete e terreno sono franate verso di lui e ora,non solo ha chiamato i vvff dicendo che gli ho provocato un danno, ma chiede anche che io provveda a costruire un muro divisorio a mie spese.Che devo fare?
    rispondi al commento
  • Legale
    Lunedì 30 Dicembre 2013, alle ore 16:01
    Ritengo debba essere considerato muro comune (art. 880 c.c.)
    rispondi al commento
  • Legale
    Lunedì 30 Dicembre 2013, alle ore 11:25
    Credo valga la pena rivolgersi ad un legale di sua fiducia.
    rispondi al commento
  • Legale
    Venerdì 13 Dicembre 2013, alle ore 12:55
    Se il regolamento non vieta questo genere di installazioni e se non ci sono problemi per la sua sicurezza, per gli addobbi natalizi non può far nulla.
    Forse può pretendere l'allomtanamento della teca, ma sempre se ciò sia possibile in quanto reca pericolo o distrubo l'uso del suo locale.
    rispondi al commento
  • Legale
    Lunedì 25 Novembre 2013, alle ore 08:56
    Per come mi descrive la situazione pare che ci siano delle servitù.
    rispondi al commento
  • Legale
    Mercoledì 20 Novembre 2013, alle ore 09:34
    Con gli atti d'acquisto o in mancanza seguendo le indicazioni delle norme sui muri che sono, in parte, quelle che abbiamo citato.
    rispondi al commento
  • Legale
    Lunedì 11 Novembre 2013, alle ore 10:01
    Per come descrive lo stato dei luoghi credo di poter dire che il muro della sua villetta è di sua esclusiva proprietà.
    rispondi al commento
  • Legale
    Martedì 5 Novembre 2013, alle ore 18:02
    Le spese per la rimozione delle macerie, conseguenza dell'abuso, sono a carico del costruttore.
    rispondi al commento
  • Legale
    Lunedì 4 Novembre 2013, alle ore 15:08
    Si, se non ci sono limiti concordati o acqusiti per usucapione può farlo.
    rispondi al commento
  • Legale
    Lunedì 4 Novembre 2013, alle ore 14:58
    Si, se si tratta di inflitrazioni provenienti da proprietà di terzi.
    rispondi al commento
  • Legale
    Mercoledì 30 Ottobre 2013, alle ore 09:06
    Dipende da cosa dicono gli atti d'acquisto.
    Se non è muro di confine con altre proprietà ma con il suo condominio, effettivamente l'amministratore dovrebbe avere ragione.
    rispondi al commento
  • Legale
    Mercoledì 30 Ottobre 2013, alle ore 08:42
    Mi scusi ma non è chiaro il quesito, che cosa intende per riprendersi la sua proprietà?
    rispondi al commento
  • Legale
    Lunedì 28 Ottobre 2013, alle ore 10:24
    Che io sappia non è necessaria l'autorizzazione.
    Ad ogni buon conto, siccome le situazione possono variare da comune a comune, essa dev'essere richiesta a chi risulta essere l'attuale proprietario, al di là di azioni esecutive.
    rispondi al commento
  • Legale
    Giovedì 17 Ottobre 2013, alle ore 20:26
    Credo proprio di si in quanto il comportamento del suo vicino, per come ce lo descrive, sembra illegittimo.
    rispondi al commento
  • Legale
    Mercoledì 16 Ottobre 2013, alle ore 12:54
    Credo che il credito si sia ormai prescritto.
    Dubito che si possa arrivare all'abbattimento del muro.
    La risposta però è data con conoscendo approfoditamente il caso.
    rispondi al commento
  • Legale
    Lunedì 14 Ottobre 2013, alle ore 17:42
    Sul punto legga l'art. 885 del codice civile.
    rispondi al commento
  • Legale
    Lunedì 14 Ottobre 2013, alle ore 17:38
    Per come racconta i fatti, il crollo è causato dal suo vicino e quindi la ricostruzione spetta a lui.
    rispondi al commento
  • Legale
    Lunedì 14 Ottobre 2013, alle ore 17:37
    Le domande che mi pone credo siano i dubbi che possono generare una causa.
    In questa sede non sono nella possiblità di risponderle.
    rispondi al commento
  • Legale
    Lunedì 14 Ottobre 2013, alle ore 17:26
    Quindi è bene cercare di risolvere la questione con un legale anche perché le bombole devono comunque rispettare delle distanze dal confine.
    rispondi al commento
  • Legale
    Domenica 13 Ottobre 2013, alle ore 20:21
    Fossi in lei valuterei bene la legittimità dell'operazione anche rispetto al regolamento condominiale.
    rispondi al commento
  • Legale
    Giovedì 10 Ottobre 2013, alle ore 12:11
    Credo abbia ragione il suo vicino soprattutto se le cose stanno così fin dalla costruzione dell'edificio.
    rispondi al commento
  • Legale
    Giovedì 10 Ottobre 2013, alle ore 11:53
    Deve valutare se il comportamento del suo vicino, ai sensi degli articoli 900 e seguenti del codice civile, è corretto oppure no.
    Non far nulla per lungo tempo potrebbe far sorgere una servitù.
    rispondi al commento
  • Legale
    Mercoledì 9 Ottobre 2013, alle ore 15:08
    Se negli atti non è scritto nulla, quella parete si deve considerare in comunione tra i confinanti come la parte inferiore.
    rispondi al commento
  • Legale
    Martedì 8 Ottobre 2013, alle ore 13:13
    Può poggiare il terriccio se ciò non reca alcun tipo di danno.
    rispondi al commento
  • Legale
    Martedì 8 Ottobre 2013, alle ore 13:12
    Non è chiaro.
    rispondi al commento
  • Legale
    Martedì 1 Ottobre 2013, alle ore 09:41
    Si, potreste mettervi d'accordo ma non so se quei tubi posti li configurino già di per sè l'esercizio di una servitù.
    rispondi al commento
  • Legale
    Mercoledì 25 Settembre 2013, alle ore 11:31
    Le conviene rivolgersi ad un avvocato perché se il vicino persiste nel diniego, l'uinica strada percorribile è quella giudiziale.
    A tal proposito legga questo articolo.
    rispondi al commento
  • Legale
    Mercoledì 18 Settembre 2013, alle ore 19:26
    No, non credo suo padre possa prentendere nulla.
    rispondi al commento
  • Legale
    Lunedì 16 Settembre 2013, alle ore 12:59
    Per Valeria: dipende dal contenuto degli atti d'acquisto.
    Nel silenzio della legge credo si debba parlare di muro di proprietà del proprietario del giardino.
    rispondi al commento
  • Legale
    Venerdì 6 Settembre 2013, alle ore 17:04
    Per Francesco Parisi: se è posta sul confine si presume comune.
    rispondi al commento
  • Legale
    Lunedì 2 Settembre 2013, alle ore 09:13
    Per Arcangela: se la situazione fosse irregolare potrebbe chiedere la rimozione di questi manufatti ma questo fatto deve valutarlo assieme ad un legale di sua fiducia.
    rispondi al commento
  • Legale
    Martedì 27 Agosto 2013, alle ore 11:55
    Per Vincenzo: si, se il pericolo è dimostrabile può chiderne la rimozione o comunque la messa in sicurezza.
    rispondi al commento
  • Legale
    Martedì 27 Agosto 2013, alle ore 11:24
    Per Riccardo F.: salvo diverso accordo o previsione contrattuale, il muro di confine è in comunione e quindi la spesa si divide al 50%.
    rispondi al commento
  • Legale
    Martedì 27 Agosto 2013, alle ore 11:12
    Per Maria C.: no, se non ci sono problemi strutturali la sola estetica non può essere considerata causa d'intervento.
    rispondi al commento
  • Legale
    Martedì 27 Agosto 2013, alle ore 09:56
    Per Vincenzo: si, invii una lettera di diffida chiedendo la chiusura dell'apertura sulla sua proprietà.
    rispondi al commento
  • Legale
    Martedì 27 Agosto 2013, alle ore 09:55
    Per Francesco: sull'argomento legga: http://www.lavorincasa.it/articoli/in/giardino/costruire-un-pergolato/
    rispondi al commento
  • Legale
    Martedì 27 Agosto 2013, alle ore 09:41
    Per Marta: deve diffidarlo formalmente dal compiere atti lesivi della sua proprietà o comunque diffidarlo a non usarla ed eventualmente iniziare un'azine legale.
    rispondi al commento
  • Legale
    Martedì 27 Agosto 2013, alle ore 09:32
    Per Federico: se questa è stata sempre la situazione fin dall'acquisto perché gli immobili erano precedente unici, non credo possafare nulla.
    Diversamente può intimare formalmente al suo vicino il rispetto della legge.
    rispondi al commento
  • Legale
    Giovedì 1 Agosto 2013, alle ore 13:13
    Per Salvatore: si, perché le cose in proprietà non possono mai recare danno alle altre proprietà.
    rispondi al commento
  • Legale
    Giovedì 25 Luglio 2013, alle ore 11:18
    Per Federico Corradini: il muro, se gli atti non dicono nulla, dovrebbe essere di proprietà del proprietario del giardino.
    Non sono chiare le altre due domande.
    rispondi al commento
  • Legale
    Giovedì 25 Luglio 2013, alle ore 11:16
    Per Francesco: non posso confermarle poiché non ho contezza dello stato dei luoghi.
    Un tecnico di sua fiducia saprà essere più esaustivo.
    rispondi al commento
  • Legale
    Giovedì 25 Luglio 2013, alle ore 11:15
    Per Luca: si, non ci sono limiti in tal senso.
    rispondi al commento
  • Legale
    Lunedì 22 Luglio 2013, alle ore 18:35
    Per Elena Marcozzi: se il muro è comune non può esimersi dal partecipare alle spese di manutenzione/ricorstruzione.
    rispondi al commento
  • Legale
    Venerdì 19 Luglio 2013, alle ore 14:35
    Per Vincenzo Traversone: dipende dagli atti d'acquisto ma se il muero ha anche la funzione di deliminatare la proprietà comune dalla pubblica via direi che si tratta di bene comune.
    rispondi al commento
  • Legale
    Mercoledì 17 Luglio 2013, alle ore 12:15
    Per Graziella: si, c'è un obbligo di manutenzione oltre che una responsabilità (civile e penale) nel caso di danni.
    Si faccia valere con una lettera di messa in mora invitando il suo vicino a manutenere il muro.
    rispondi al commento
  • Legale
    Lunedì 15 Luglio 2013, alle ore 12:57
    Per Vittorio Barbieri: lei può sempre chiudere la sua proprietà, costruendo però sul suo terreno a sue spese e se mantiene l'altezza non superiore a 3 metri può costruire senza rispettare le distanze nelle costruzioni.
    rispondi al commento
  • Legale
    Venerdì 12 Luglio 2013, alle ore 16:39
    Per Francesco: no, può agire senza comuinicare alcunché.
    rispondi al commento
  • Legale
    Lunedì 8 Luglio 2013, alle ore 10:31
    Per Carlo: lei può chiedere eventualmente la rimozione del muro costruito senza il suo consenso anche sulla sua proprietà.
    rispondi al commento
  • Legale
    Giovedì 4 Luglio 2013, alle ore 16:18
    Per Katia: no, non si può chiedere.
    rispondi al commento
  • Legale
    Martedì 28 Maggio 2013, alle ore 08:58
    Per Emi: si, anche quello.
    rispondi al commento
  • Legale
    Martedì 21 Maggio 2013, alle ore 17:55
    Per Valentina: teoricamente la manutenzione spetterebbe comunque al proprietario.
    rispondi al commento
  • Legale
    Lunedì 6 Maggio 2013, alle ore 16:14
    Per Salvatore Altamura: La risposta alla sua domanda è contenuta dall'articolo 885 del Codice Civile (che spiega in che termini si può sopraelevare).
    rispondi al commento
  • Legale
    Giovedì 18 Aprile 2013, alle ore 15:58
    Per Michele Marsico: a mio avviso il muro divisori dei giardini è in comunione, salvo diversa indicazione degli atti d'acquisto.
    rispondi al commento
  • Legale
    Giovedì 18 Aprile 2013, alle ore 15:53
    Per Paolo Labraca: a mio avviso si tratta di un muro in comunione e come tale le spese sono a carico di entrambi in parti uguali.
    rispondi al commento
  • Legale
    Lunedì 15 Aprile 2013, alle ore 11:04
    Per Silvia: può poggiare la legna o altro materiale nella sua proprietà senza danneggiare il muro stesso e senza superarlo in altezza.
    rispondi al commento
  • Legale
    Lunedì 15 Aprile 2013, alle ore 11:02
    Per Michele Marsico: il nuivo muro di divisione del giardino rappresenterebbe una nuova costruzione con applicazione delle norme sulla comunione dei muri di confine.
    rispondi al commento
  • Sabinasanchini
    Lunedì 11 Marzo 2013, alle ore 10:54
    Buongiorno avvocato, a confine della mia proprietà c'è un muretto che divide i nostri terreni. il vicino sostiene che è di sua proprietà perché l'ha costruito lui.
    Ho effettuato delle misurazioni e ho scoperto che il muretto è sulla mia proprietà, anche se è lì da prima che arrivassi io.
    Mi chiedevo se fosse possibile chiedere la comproprietà di questo muretto e, nel caso, se posso attaccarmi con la recinzione di un canile per i mei cuccioli.
    rispondi al commento
  • Legale
    Giovedì 28 Febbraio 2013, alle ore 15:09
    Per Nicola: Per farlo deve avere il suo consenso, a maggior ragione se il suolo su cui è costruito il muro e quello su cui è poggiata la legna sono di sua proprietà.
    rispondi al commento
Notizie che trattano La proprietà del muro di confine che potrebbero interessarti
Pignoramenti ed effetti su fabbricati e beni immobili

Pignoramenti ed effetti su fabbricati e beni immobili

Gli effetti conseguenti al pignoramento di un fabbricato o bene immobiliare, possono essere anche percepiti come conseguenze cautelative poste dal creditore.
Effetti Trascrizione Atti

Effetti Trascrizione Atti

Tutti gli atti di trasferimento della proprietà, di costituzione di diritti reali di godimento, accettazione e rinunzia alla proprietà, sono soggetti alla trascrizione.
Come si partecipa a un'asta giudiziaria

Come si partecipa a un'asta giudiziaria

Le aste immobiliari giudiziarie prevedono varie fasi e regole precise che è necessario conoscere molto bene se si decide di prendervi parte con un'offerta.
Distanze da rispettare

Distanze da rispettare

Una delle cause più frequenti delle liti tra vicini riguarda le distanze da rispettare tra le singole proprietà: vediamo come sono regolate dal codice civile.
Come determinare i confini di un lotto

Come determinare i confini di un lotto

La delimitazione dei lotti e delle proprietà ad uso agricolo, spesso diventa oggetto di controversia: ecco alcuni metodi per poter definire i confini di una proprietà.
IMMOBILIARE
prezzi ristrutturazione
costi ristrutturazione
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Zaccaria Monguzzi
  • Uretek
  • Novatek
  • Casa.it
  • WaterBarrier
  • Murprotec
  • Geosec
  • Velux
  • Sicurezzapoint
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
    • Tinteggiatura rasatura muri
      Tinteggiatura rasatura muri...
      10.00
    • Umidità muri, elettrosmosi asciuga
      Umidità muri, elettrosmosi...
      120.00
    • Muri contenimento in tufo
      Muri contenimento in tufo...
      150.00
    • Deumidificazione muri asciugatura umidità
      Deumidificazione muri asciugatura...
      120.00
    • Deumidificazioni muri
      Deumidificazioni muri...
      2.90
    • Dispositivo prosciugamento muri
      Dispositivo prosciugamento muri...
      100.00
    • Infiltrazione umidità, deumidificazione muri
      Infiltrazione umidità,...
      120.00
    • Deumidificare muri cartuccia speedy
      Deumidificare muri cartuccia speedy...
      19.00
    • Deumidificazione muri
      Deumidificazione muri...
      2.90
    • Copertine protezione muri
      Copertine protezione muri...
      25.23
    • Risalita umidità, deumidificazione muri
      Risalita umidità,...
      120.00
    • Metodo deumidificatore muri
      Metodo deumidificatore muri...
      120.00

BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Facebook
  • Casa.it
  • Faidatebook
  • Progettazione