Questo sito utlizza cookie! Leggi informativa privacy

IVIE: Imu su case all'estero

News di Normative
Con l'entrata in vigore della Legge di Stabilità 2013, il pagamento dell'Ivie, l'Imposta sul valore degli immobili situati all'estero, slitta di un anno.
IVIE: Imu su case all'estero
Arch. Carmen Granata

Che cos’è l’IVIE ?


Non tutti sanno che la tassazione sulla casa colpisce non solo chi è proprietario di immobili in Italia, ma anche chi possiede case all’estero. Esiste infatti una sorta di Imu per le case all’estero, si chiama IVIE, imposta sul valore degli immobili situati all’estero,  ed è già in vigore per cui bisognerà prenderla in considerazione nella prossima dichiarazione dei redditi.

Infatti l'articolo 19, comma 13 e seguenti del Dl 201/2011 come convertito dalla Legge 214/2011 ha disciplinato l'imposizione fiscale sugli immobili prendendo in considerazione esplicitamente anche quelli situati all’estero, destinati a qualunque uso.

Con l'approvazione della Legge di Stabilità 2013, l'entrata in vigore dell'Ivie è slittata di un anno, per cui essa dovrà essere pagata a partire dal primo luglio di quest'anno e riguarderà il periodo d'imposta 2012.
Le imposte già versate per il periodo 2011, quindi, potranno essere considerate a titolo di acconto per quanto spetti da pagare per il 2012.

Questa imposta colpisce tutti i cittadini residenti in Italia che possiedono o detengono per altri diritti, come l’usufrutto, immobili all’estero, quindi non solo i cittadini italiani proprietari di una casa all’estero, ma anche i cittadini stranieri, comunitari ed extracomunitari, con residenza nel nostro paese e che qui pagano le imposte.

Come si calcola l’IVIE ?


L’imposta si calcola in maniera diversa dall’Imu.

Infatti l’importo si determina applicando un’aliquota dello 0,76% alla base imponibile, rappresentata dal valore dell’immobile, da desumere dall’atto d’acquisto o da contratti oppure, se in questi il valore non è riportato, calcolandone il valore di mercato in considerazione del luogo dove si trova.
Solo nei paesi dell’Unione Europea o nei  paesi aderenti allo Spazio Economico europeo, si può adottare come valore quello considerato per l’assolvimento delle imposte locali, come per esempio il valore catastale.

In fase di approvazione della legge di Stabilità è stata inoltre estesa l’aliquota ridotta dello 0,4%, prevista per gli immobili adibiti ad abitazione principale, da coloro che lavorano all’estero per lo Stato italiano o per un suo ente, e solo limitatamente al periodo in cui questa prestazione lavorativa viene svolta, a tutti gli altri cittadini.

Anche per l'Ivie, così come per l'Imu, si applicano le  detrazioni di 200 euro per la prima casa e di 50 euro per ogni figlio minore di 26 anni dimorante abitualmente nell’abitazione.

Se l’importo è inferiore a 200 euro l’imposta non deve essere versata.
Facciamo un esempio considerando il caso di un immobile che abbia un valore di 100.000 euro.
100.000 x 0,76% = 760 euro
Da questo valore si dovrà dedurre il valore dell'imposta già versata nello Stato in cui è ubicato l'immobile.

Quest’anno si incomincerà quindi pagando la quota dovuta per l’anno 2012, e la norma chiarisce che è dovuta proporzionalmente alla quota di possesso e ai mesi dell’anno nei quali si è protratto il possesso. Il mese nel quale il possesso si è protratto per almeno quindici giorni è computato per intero.
La scadenza per il pagamento è fissata al 9 luglio 2013.

Per quanto riguarda le modalità di pagamento, la legge rimanda alla normativa in materia di IRPEF per i versamenti, la liquidazione, l’accertamento e la riscossione, le sanzioni, i rimborsi e il contenzioso.

Dubbi relativi all’IVIE


Nonostante il calcolo dell’imposta sia notevolmente più semplice dell’Imu, questo tipo di tassazione comporta qualche perplessità, soprattutto in merito alle case di proprietà dei cittadini straneri residenti in Italia.

Infatti in alcuni casi appare evidente che risulta difficile risalire ad una possibile proprietà in un paese straniero di un soggetto. Ma anche di fronte ad un’accertata proprietà, potranno esserci i casi di atti d’acquisto di difficile traduzione o non riportanti un prezzo, difficile da valutare in base ai valori di mercato.

Inoltre appare anche iniquo imporre una tassazione a delle persone che sono in Italia per lavoro e che, molto probabilmente, già nel loro paese d’origine pagano un imposta per la casa dove vivono i loro familiari o che è disabitata e che non rappresenta di certo una fonte di reddito.
Fino ad oggi per questi lavoratori regolari era sufficiente inserire la proprietà nella sezione II del modulo RVV del Modello Unico, senza pagare alcuna imposta.
Oggi queste persone potrebbero trovarsi invece nella situazione di dover versare le tasse sul proprio immobile a due Stati, anche se la legge prevede che il contribuente possa dedurre un credito d’imposta, fino a concorrenza del suo ammontare, pari al valore dell’eventuale imposta patrimoniale versata nello Stato in cui è situato l’immobile.

Senza contare che gli Stati stranieri possono vedere come un’ingerenza il fatto che l’italia vada ad imporre un prelievo fiscale sul loro territorio e possono anche non riconoscere l’imposta perché basata su concetti di diritto reale differenti.

Un altro aspetto che va tenuto in considerazione e per il quale sono attese delle circolari esplicative da parte dell’Agenzia delle Entrate, è che molti immobili all’estero sono stati acquistati tanti anni fa, per cui nell’atto di acquisto è riportato un valore sensibilmente inferiore all’attuale valore di mercato, e per di più in valuta estera.

Infine c’è da considerare che uno dei punti più deboli di questa tassazione è che l’imposta grava solo sulle persone fisiche e non su quelle giuridiche, per cui in tal modo è possibile essere esclusi dal prelievo fiscale, intestando l’immobile a delle società.

Articolo: IVIE: Imu su case all'estero
Valutazione: 5.15 / 6 basato su 208 voti.
  • Ti è piaciuto questo articolo?
    Condividilo sul tuo social!
  • 30
  • 1
  • 5
  • 0
Commenta su IVIE: Imu su case all'estero
Caratteri rimanenti
  • Ermanna
    Venerdì 6 Dicembre 2013, alle ore 18:28
    Residenti in Italia io e mio marito, abbiamo un piccolo appartamento in Francia e qui paghiamo taxe fonciere e taxe d'habitation.
    In Italia la casa è stata dichiarata sul mod.740 e paghiamo l'IVIE.
    Ora vorremmo affittare per brevi periodi attraverso internet.
    Come ci dobbiamo comportare per la dichiarazione dei redditi in Italia?
    E in Francia che cosa devo dichiarare?
    rispondi al commento
  • Tina Gerosa
    Venerdì 22 Novembre 2013, alle ore 18:29
    Mio figlio residente in Italia, ma titolare di una borsa di studio all'estero senza alcun reddito in Italia, ha deciso di comprasi una casa in Slovacchia dove in questo momento lavora.
    Non facendo la dichiarazione di redditi in Italia, deve comunque fare la dichiarazione dei redditi e pagare l'IVIE?
    rispondi al commento
  • Paul
    Giovedì 21 Novembre 2013, alle ore 01:08
    Buongiorno, sono inglese e possiedo un appartamento in Inghilterra dal 1996.
    Da divers'anni ho vissuto e lavorato in italia, con la mia famiglia.
    Non ho preso la cittadinanza italiana.
    Da 7 mesi vivo e lavoro in Inghilterra.
    A questo punto non devo pagare IVIE, visto che sono a casa mia.
    rispondi al commento
  • Maria Morisi
    Mercoledì 20 Novembre 2013, alle ore 12:49
    Buongiorno, posseggo un appartamento in Francia per il quale pago la taxe foncière e la taxe d'habitation.
    Vorrei sapere se entrambe le tasse si possono detrarre dall'Ivie.
    Grazie.
    rispondi al commento
  • 6eleonoir6@tiscali.it
    Lunedì 18 Novembre 2013, alle ore 12:14
    Buongiorno, se compro una casa in spagna cointestandola a due persone non sposate, e all'IVIE detraggo la tassa spagnola, quello che resta da pagare se è inferiore a 200 euro non va pagato, giusto?
    Ma si intende 200 euro a testa o 200 totali?
    Grazie.
    rispondi al commento
  • Claudio D.
    Lunedì 28 Ottobre 2013, alle ore 15:33
    Buongiorno, io e mia moglie (francese, ma residente in Italia con me), a titolo personale, abbiamo acquistato nel 2013 una casa a Parigi che stiamo per affittare a titolo oneroso ad una società italiana che lo utilizzerà come ufficio.
    Chi dovrà pagare l'IVIE?
    Noi proprietari, la società che lo prende in affitto o entrambi?
    Sarà tassato in Italia anche il reddito da locazione, sicuramente.
    Ma a che aliquota?
    Grazie infinite.
    rispondi al commento
  • Il Tuo Nome Sergio
    Martedì 22 Ottobre 2013, alle ore 17:45
    Buon giorno.
    Comprando casa in COSTRUZIONE in Francia: prenotazione nov 2013.
    Il rogito(x tutelare acquirenti in Francia) è fatto a gennaio 2014(prima della costruzione).
    Consegna casa giugno 2015.
    IVIE si paga da genn 2014 (rogito) o da giugno 2015 (consegna casa)?
    Tax foncier mi risulta si paghi dalla consegna.
    Grazie.
    rispondi al commento
  • Giancarlo
    Sabato 19 Ottobre 2013, alle ore 15:08
    Buon giorno, vorrei chiederle se da cittadino Italiano e da poco residente in Svizzera, con regolare iscrizione alla A.I.R.E., proprietario di un piccolo appartamento a Milano tenuto libero a mia disposizione, quale classificazione avrà con la nuova legge di stabilità: prima o seconda casa?
    Grazie anticipatamente per la sua eventuale risposta.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Giancarlo
      Lunedì 21 Ottobre 2013, alle ore 11:47
      Se non ci abita, seconda casa.
      rispondi al commento
      • Ci65 Arch.granata
        Domenica 27 Aprile 2014, alle ore 18:19
        Arch,Granata,però sè si ha un reddito in Italia la casa in Croazia và dichiarata e pagata l'Ivie del 0,4% come abitazione principaale?Grazie
        rispondi al commento
  • Claudia
    Venerdì 18 Ottobre 2013, alle ore 20:29
    Salve, sono un italiano, ho una casa in Croazia, con residenza.
    Devo pagare l'IVIE?
    Grazie per la risposta.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Claudia
      Lunedì 21 Ottobre 2013, alle ore 11:36
      Se non ha residenza in Italia, no.
      rispondi al commento
      • Boban1973 Arch.granata
        Lunedì 1 Settembre 2014, alle ore 17:11
        Archietetto Granata mi perdoni il disturbo.Sono un cittadino italiano con residenza in Italia e ho ereditato una casa proprio in Croazia...Mi potrebbe dire se devo fare L'Ivie avendo residenza qui in Italia, lei che ci e' gia' passata?Ringraziolascio mio cell. 3931536611
        rispondi al commento
    • Boban1973 Claudia
      Lunedì 1 Settembre 2014, alle ore 17:10
      Claudia mi perdoni il disturbo.Sono un cittadino italiano con residenza in Italia e ho ereditato una casa proprio in Croazia...Mi potrebbe dire se devo fare L'Ivie avendo residenza qui in Italia, lei che ci e' gia' passata?Ringraziolascio mio cell. 3931536611
      rispondi al commento
  • Nuria
    Martedì 15 Ottobre 2013, alle ore 12:00
    Salve, sono spagnola, residente in Italia e sono frontaliera entro la fascia di 30 km della Svizzera.
    Non ho mai fatto nessuna dichiarazione dei redditi perche' in Italia non possiedo nulla, e solo oggi che volevo fare il modello unico RW per i frontalieri, ho saputo che dovrei dichiarare la casa della Spagna, che secondo il consulente del CAF, sarebbe come seconda casa perche io risiedo in Italia, ma non sarebbe l'IVIE?
    Grazie.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Nuria
      Mercoledì 16 Ottobre 2013, alle ore 10:30
      Esatto, lei dovrebbe pagare l'IVIE, che è una cosa diversa dalle tasse sulle case in Italia, dove si fa differenza tra prima e seconde case.
      rispondi al commento
  • Francesco Martobgelli
    Mercoledì 2 Ottobre 2013, alle ore 11:53
    Posseggo un appartamento all'estero in Francia per cui pago la Taxe Fonciere e la Taxe d'habitation.
    Come rintraccio la circolare dell'Agenzie delle Entrate con le modalità per sottrarre dall'IVIE le tasse che già pago in Francia? Grazie.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Francesco Martobgelli
      Giovedì 3 Ottobre 2013, alle ore 10:02
      Può leggere la circolare qui.
      rispondi al commento
  • Alma
    Giovedì 26 Settembre 2013, alle ore 00:09
    Salve, sono residente in Italia da molti anni e da 3 anni ho avuto la cittadinanza.
    Ho una casa in Albania di proprietà dove torno due volte all'anno per qualche giorno,poi durante l'anno rimane chiusa.Dovrei pagare la tassa dell'IVIE di 600 euro.
    Premetto che qui sono coproprietaria di una casa del 50% che sarebbe la prima casa.
    E' giusto che pago tutti questi soldi per una casa che uso solo per 10 giorni all'anno?
    Grazie.
    rispondi al commento
  • Claudio
    Sabato 21 Settembre 2013, alle ore 15:35
    Se si abolirà l'IMU sulla Prima casa, anche l'Ivie sulla Prima casa dovranno Farlo, altrimenti sarà un altro aspetto di discriminazione, non vi Pare?
    Invito a tutti di scrivere a Bruxelles per denunciare questo aspetto e gli altri aspetti nefasti dell'Ivie.
    rispondi al commento
  • Luigi Carella
    Martedì 17 Settembre 2013, alle ore 00:51
    Luigi Buongiorno, devo fare il modello unico per una casa in Francia, volevo sapere se la presentazione della dichiarazione MOD. UNICO.
    La posso fare solo io, oppure devo farla congiunta con mia moglie?
    Premetto che mia moglie è casalinga, io sono pensionato, la casa in cui viviamo in Italia è di nostra proprietà, ho presentato mod. 730 a giugno perchè avevo delle detrazioni da fare e l'anno scorso lo fatta solo a mio nome.
    rispondi al commento
    • Roberta Luigi Carella
      Martedì 17 Settembre 2013, alle ore 11:31
      Per Luigi Carella: chiedere al commercialista.
      rispondi al commento
  • Michele
    Giovedì 5 Settembre 2013, alle ore 14:18
    Buongiorno, sono residente in Italia ma abito in Slovenia (frontaliero tutti i giorni).
    Stamattina all'Agenzia delle Entrate di Trieste mi hanno detto che per avere il diritto all'aliquota 0,4% riguardo all'IVIE, nell'immobile all'estero ci si deve essere residenti (io non lo posso essere) in quanto "Abitazione principale=residenza anagrafica"
    Ma allora se ci fossi residente avrei il diritto a NON PAGARLA questa benedetta IVIE.
    Grazie.
    rispondi al commento
  • Lucrezia
    Giovedì 29 Agosto 2013, alle ore 07:52
    Poichè ora la parola IMU dovrebbe essere eliminata sostituita da una service tax comunale e poichè anche se unilateralmente dalla ADE l'Ivie era stata paragonata all'IMU per seconde case, ora che appunto IMU sparisce cosa succede all'IVIE?
    Nessuno se ne è occupato mi sembra!
    Tassa ingiusta e discriminatoria che colpisce solo gli onesti.
    rispondi al commento
  • Pippo
    Mercoledì 28 Agosto 2013, alle ore 11:03
    Una circolare dell'Agenzia delle Entrate prevede per l'IVIE la possibilità di mettere in detrazione l'equivalente tassa patrimoniale estera che per la Grecia è la foros akinitis periousias.
    In realtà però questa tassa in Grecia si applica solo oltre i 200.000 euro.
    Inoltre nel frattempo tutte le case (anche inferiori ai 200.000 euro) pagano un'altra tassa patrimoniale applicata sulla bolletta elettrica.
    Si può mettere in detrazione quest'ultima?
    rispondi al commento
    • Arch.granata Pippo
      Mercoledì 28 Agosto 2013, alle ore 11:46
      Per Pippo: no, perchè ovviamente essa non sarebbe l'equivalente di una tassa patrimoniale sulla casa.
      rispondi al commento
      • Pippo Arch.granata
        Mercoledì 28 Agosto 2013, alle ore 16:47
        Per Arch. Carmen Granata: E perchè?
        Anche queste tasse pagate sulla bolletta elettrica sono patrimoniali.
        rispondi al commento
        • Arch.granata Pippo
          Venerdì 30 Agosto 2013, alle ore 10:00
          Per Pippo: per tassa patrimoniale intendo quella leggata al possesso della casa.
          Le bollette sono legate al suo utilizzo.
          rispondi al commento
          • Giovanni Arch.granata
            Sabato 21 Dicembre 2013, alle ore 16:40
            In Grecia si paga con la bolletta luce sia la tassa comunale sulle case, tipo imu ed inoltre dal 2011 la E.E.T.A una vera e propria patrimoniale legata al valore di acquisto o di mercato con aliquote diverse in base alla localizzazione.
            Tale tassa viene pagata in varie rate addebitate sulla bolletta luce solo perchè così lo stato ha la quasi certezza del pagamento.
            rispondi al commento
  • Angelo
    Martedì 27 Agosto 2013, alle ore 17:34
    Sono residente all'estero e abito in una casa in affitto in Inghilterra, ho una casa di proprietà in Italia.
    Solo una devo pagare l'IMU, oppure no perche risulta la prima casa?
    E se devo pagare l'IMU ho uno sconto, oppure devo pagare di più perche residente all'estero?

    rispondi al commento
    • Arch.granata Angelo
      Mercoledì 28 Agosto 2013, alle ore 11:30
      Per Angelo: La legge stabilisce che i Comuni possono considerare direttamente adibita ad abitazione principale l'unità immobiliare posseduta dai cittadini italiani non residenti nel territorio dello Stato a titolo di proprietà o di usufrutto in Italia a condizione che non risulti locata.
      Quindi deve vedere cosa è stato deliberato dal suo comune.
      Se è stata sfruttata questa possibilità, pagherà come prima casa, altrimenti come seconda.
      rispondi al commento
  • Claudio
    Martedì 13 Agosto 2013, alle ore 10:04
    Secondo un articolo de il Sole 24 ore L'imposta è dovuta solo dall'usufruttuario e limitatamente al valore dell'usufrutto.
    Ho acquistato un immobile in Francia come usufruttuario mentre la nuda proprietà a mia figlia, secondo l'articolo dovrei pagare solo la quota relativa al valore dell'usofrutto?
    rispondi al commento
  • Paolo
    Mercoledì 24 Luglio 2013, alle ore 20:36
    Buongiorno, ho letto che per una casa in Germania si deve pagare sul valore con cui si calcola la Grundsteuer, ma qual è?
    E' la einheitswerts?
    rispondi al commento
    • Arch.granata Paolo
      Giovedì 25 Luglio 2013, alle ore 10:52
      Per Paolo: la Grundsteuer è l'equivalente tedesco dell'imposta comunale sugli immobili, mentre la einheitswerts è il valore su cui si calcola, quindi l'equivalente del nostro valore catastale.
      rispondi al commento
      • Carla Arch.granata
        Venerdì 23 Agosto 2013, alle ore 00:42
        Per Arch. Carmen Granata: Buonasera, io ho una casa in Croazia , doppia cittadinanza vorrei sapere cortesemente visto che abito là per alcuni mesi all'anno se l'IVIE la devo pagare per tutto l'anno o solo per i mesi che sono in Italia e se devo denunciare il periodo a qualcuno. grazie
        rispondi al commento
        • Arch.granata Carla
          Martedì 27 Agosto 2013, alle ore 10:54
          Per Carla: un soggetto è considerato residente in Italia se risulta iscritto, per la maggior parte dell'anno (183 o, in caso di anno bisestile, 184 giorni), nell'anagrafe della popolazione residente.
          Se ricade in tale caso, è tenuta a pagare interamente l'Ivie.
          rispondi al commento
  • Valentina
    Lunedì 15 Luglio 2013, alle ore 12:31
    Buongiorno, io sono italiana ma sto comprando una casa all'estero (Spagna) per trasferirmici definitivamente quindi metterò li anche la residenza.
    Volevo sapere, devo dichiarare la mia proprietà spagnola qui in Italia anche se risiedo in Spagna?
    Grazie mille.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Valentina
      Martedì 16 Luglio 2013, alle ore 10:36
      Per Valentina: no, se non effettua dichiarazione dei redditi in Italia.
      rispondi al commento
  • Lidia
    Domenica 14 Luglio 2013, alle ore 18:20
    Ho comprato nel 2012 un appartamentino in Croazia.
    Come si chiamano in Croazia le imposte che posso dedurre dall'importo da versare in Italia?
    Grazie.
    rispondi al commento
    • Dino Lidia
      Martedì 23 Luglio 2013, alle ore 12:16
      Per Lidia: la tassa sul terreno non la puoi dedurerre, se quest' anno ti arriva da pagare come a me una tassa su casa di riposo (dalla traduzione croazia) in teoria dal prossimo anno si dederra dall'IVIE.
      Se hai fatto società non paghi nessuna IVIE.
      rispondi al commento
  • Charly
    Venerdì 5 Luglio 2013, alle ore 11:37
    Buongiorno, io ho venduto una casa in Francia nel 2011, non è mai stata dichiarata in Italia, c'è un periodo e se esiste di quanto tempo prima che gli eventuali accertamenti/controlli vadano in prescrizione?
    Grazie.
    rispondi al commento
  • Loredana
    Giovedì 27 Giugno 2013, alle ore 10:31
    Per un immobile in Svizzera, quali imposte pagate in Svizzera posso dedurre, tutte e tre: federale, cantonale e comunale?
    rispondi al commento
  • Sabato Di Domenico
    Sabato 22 Giugno 2013, alle ore 07:33
    Non avendo alcuna proprietà in italia, devo pagare l'IVIE di una piccola casetta in condominio?
    rispondi al commento
    • Arch.granata Sabato Di Domenico
      Lunedì 24 Giugno 2013, alle ore 12:57
      Per Sabato Di Domenico: se fa dichiarazione dei redditi in Italia, sì.
      rispondi al commento
  • Sergio
    Venerdì 14 Giugno 2013, alle ore 11:51
    Risiedo in Italia e possiedo un appartamento con annessi cantina e due posti auto in Spagna, dove vivono i miei due figli e mia moglie spagnola, dalla quale sono legalmente separato.
    Devo pagare l'IVIE su questi immobili?
    Devo dichiarare qualcosa?
    Grazie.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Sergio
      Lunedì 17 Giugno 2013, alle ore 09:32
      Per Sergio: deve pagare l'Ivie, con detrazione di 50 euro per ogni figlio minore di 26 anni.
      rispondi al commento
      • Sergio Arch.granata
        Lunedì 17 Giugno 2013, alle ore 17:56
        Per Arch. Carmen Granata: grazie per la sua rapida risposta.
        rispondi al commento
  • Asdrubale
    Mercoledì 12 Giugno 2013, alle ore 20:44
    Salve, come posso calcolare la base imponibile?
    E' lo stesso modo in cui calcola quella dell'IMU?
    Grazie.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Asdrubale
      Venerdì 14 Giugno 2013, alle ore 09:58
      Per Asdrubale: E' spiegato alle prime righe del paragrafo "Come si calcola l'Ivie?".
      rispondi al commento
  • Gianfranco1
    Mercoledì 12 Giugno 2013, alle ore 09:44
    Gentile Arch. Granata, sto valutando l'acquisto di un appartamento in Francia: vorrei aver chiaro se devo pagare la tassa o meno.
    Mia moglie è francese ed io sono residente in Italia.
    Domanda:
    1) La tassa si paga sul valore di mio possesso (50% dell'appartamento) e che superi i 200k?
    2) Quindi nel caso di appartamento di 410.000, dovrei applicare l'aliquota dello 0,76% a 5000?
    Cioe 205-200=5
    3)Devo sottrarre la tassa francese?
    Grazie.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Gianfranco1
      Mercoledì 12 Giugno 2013, alle ore 11:53
      Per Gianfranco1: non ho capito il suo esempio, comunque la tassa si applica alla sua quota di possesso, applicando lo 0,76% e sottraendo tassa francese ed eventuali detrazioni.
      rispondi al commento
  • Saro
    Martedì 4 Giugno 2013, alle ore 23:07
    Ho comperato un appartamento in Spagna fine anno 2011 pagandolo 205.000 + 15.000 spese (IVA e notaio).
    Il valore catastale è 64500 su cui ho pagato l'IBI nel 2012 (IMU spagnola).
    Su che cifra calcolo l'IVIE e che importi inserirò nel modulo RW ed RM?
    Ho letto che se è un paese UE si calcola sul valore catastale.
    È corretto?
    rispondi al commento
  • Claudio Isoardi
    Martedì 4 Giugno 2013, alle ore 20:05
    Gentile arch. Granata, se ho ben capito l'articolo, avendo pagato l'IVIE a giugno del 2012 quest'anno posso usarlo come acconto.
    Ora avendo pagato la taxe fonciere nel 2011 inferiore al 2012 l' importo dell'IVIE risulta inferiore a quanto già pagato, come faccio a faccio a ricuperare la differenza?
    Grazie per la Sua risposta.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Claudio Isoardi
      Giovedì 6 Giugno 2013, alle ore 10:14
      Per Claudio Isoardi: l'Agenzia delle Entrate non ha dato ancora indicazioni per i casi in cui l'importo versato l'anno scorso sia superiore a quello dovuto per quest'anno.
      Quindi le consiglio di informarsi direttamente presso un ufficio dell'Agenzia su come avere l'eventuale rimborso.
      rispondi al commento
      • Isocla Arch.granata
        Giovedì 13 Giugno 2013, alle ore 10:37
        Per Arch. Carmen Granata: La ringrazio per la Sua risposta
        rispondi al commento
  • Francesco
    Martedì 4 Giugno 2013, alle ore 13:26
    Mia moglie dovrebbe ereditare un appartamento in Peru.
    I fratelli che vivono in Peru vorrebbero far costruire un palazzo a più piani sul luogo della casa.
    Si rivolgerebbero ad una banca, che a tutti gli effetti diventerebbe proprietaria dell'immobile, finché il mutuo necessario all'edificazione non sarà estinto.
    Come bisogna comportarsi in questi casi con l'IVIE ?
    rispondi al commento
  • Santo
    Lunedì 3 Giugno 2013, alle ore 13:00
    Gent.ma Arch. Carmen Granata: voglio ringraziare per la sua disponibilità e il suo aiuto.
    rispondi al commento
  • Santo
    Venerdì 31 Maggio 2013, alle ore 14:29
    Salve, ho acquistato nel 2010 in pesos argentinos, per fare il controvalore in euro devo prendere il provvedimento del Agenzia delle Entrate per il anno 2010 o 2012 (quello della dichiarazione annuale ai fine Ivie)?
    Grazie.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Santo
      Lunedì 3 Giugno 2013, alle ore 10:02
      Per Santo: il cambio va calcolato in base alle indicazioni di questa circolare dell'Agenzia delle Entrate.
      rispondi al commento
  • Aldo
    Giovedì 30 Maggio 2013, alle ore 12:57
    Gent.Arch. Carmen Granata, questa imposta sulle case all'estero si dimostra sempre più iniqua rispetto l'omologa IMU italiana.
    In Italia, per la prima casa e terreni agricoli c'è la sospensione e forse l'azzeramento, e per la prima casa all'estero niente sospensione?
    E poi verrà eliminata come in Italia?
    Addirittura si è pagata (0,76%) anche un anno prima rispetto l'IMU e solo adesso con riduzione (0,4%) prima casa estesa a tutti.
    Cordiali saluti
    rispondi al commento
    • Arch.granata Aldo
      Venerdì 31 Maggio 2013, alle ore 10:14
      Per Aldo: l'ultima affermazione non è veritiera, poichè l'Ivie si inizia a pagare solo da quest'anno.
      rispondi al commento
  • Antonio
    Giovedì 30 Maggio 2013, alle ore 08:48
    Siccome ho comprato appartamento alle canarie a gennaio 2013 dovrei pagare l'IVIE nel 2014.
    Appartamento registrato per 75000 euro; dovrei pagare 0,75% circa 500 euro?
    Grazie della risposta.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Antonio
      Giovedì 30 Maggio 2013, alle ore 11:36
      Per Antonio: sì, l'importo è però pari allo 0,76%
      rispondi al commento
  • Agnese
    Venerdì 24 Maggio 2013, alle ore 08:55
    Mia figlia ha un appartamento in Polonia ed è residente a Roma, essendo dipendente quale modulo deve compilare per pagare l'IVIE?
    rispondi al commento
  • Eva
    Venerdì 17 Maggio 2013, alle ore 12:33
    Sono residente in Italia ma sto per comprare un appartamento in Svezia (il mio paese d'origine) per poterci andare ogni tanto.
    In Svezia non si diventa proprietario di un appartamento in condominio.
    E il condominio ad essere il proprietario dell'appartamento e io compro solo il diritto di usofrutto dell'appartamento.
    E' anche il condominio a pagare le tasse sulla proprietà.
    Dovrò pagare IVIE in italia?
    rispondi al commento
    • Arch.granata Eva
      Lunedì 20 Maggio 2013, alle ore 09:51
      Per Eva: non posso risponderle esattamente, non conoscendo la normativa svedese.
      Lei parla di usufrutto, e in questo caso dovrebbe essere l'usufruttuario a pagare l'imposta.
      Tuttavia, dice anche che nel suo Paese è il condominio a pagare le tasse, per cui non so se dovrebbe pagare anche quelle all'estero.
      Del resto, anche se è il condominio a pagare, sono i condomini che pagano, a loro volta, il condominio, con delle quote.
      rispondi al commento
  • Janet
    Venerdì 17 Maggio 2013, alle ore 08:28
    Gentile Arch. Granata, sono una pensionata britannica residente in Italia in affitto con mio marito italiano.
    Non pago l'IMU.
    La mia pensione viene versta sul mio conto britannico con le tasse già pagate alla fonte.
    Oltre a una piccola somma provenienti dai diritto d'autore, anche essi tassati alla fonte.
    Non ho introiti in italia.
    Devo pagare l'IVIE sulla mia casa in Inghilterra?
    Grazie
    rispondi al commento
    • Arch.granata Janet
      Venerdì 17 Maggio 2013, alle ore 12:22
      Per Janet: essendo residente in Italia, sì.
      rispondi al commento
      • Corrado Barone Arch.granata
        Giovedì 20 Giugno 2013, alle ore 16:29
        Per Arch. Carmen Granata: Credo che la sua risposta sia errata; infatti l'IVIE deve essere pagata dai residenti FISCALI in Italia.
        LA signora dice di pagare le sue tasse in Inghilterra e di non avere nessun introito in Italia, per cui non paga tasse in Italia, dunque non è fiscalmente residente in Italia.
        Saluti.
        rispondi al commento
  • Grazia
    Giovedì 16 Maggio 2013, alle ore 16:12
    Gentile arch. Granata, ho un piccolo appartamento a Nizza acquistato nel maggio 2011 pagato 180 mila euro.
    Ho pagato la taxe foncière e la taxe d'habitation nel 2012 ma non l'IVIE per il 2011 in quanto dai miei calcoli risultava un importo inferiore a 200 euro.
    Ora, se ho ben capito, entro il 9 luglio devo pagare l'IVIE di 515 euro.
    Devo pagare in banca con il modello F24 e compilare sul sito dell'agenzia delle entrate il modello RM?
    Grazie.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Grazia
      Venerdì 17 Maggio 2013, alle ore 10:22
      Per Grazia: deve compilare la Sezione XVI del quadro RM del modello UNICO Persone fisiche.
      rispondi al commento
  • Luciana
    Giovedì 16 Maggio 2013, alle ore 15:15
    Grazie per la risposta.
    Ancora una domanda: a chi si dichiara l'immobile all'estero (anche se nuda proprietà)?
    rispondi al commento
    • Arch.granata Luciana
      Venerdì 17 Maggio 2013, alle ore 10:17
      Per Luciana: deve essere compilato uno specifico campo del modello per la dichiarazione dei redditi.
      Ma per questo, potrà essere più preciso il suo commercialista.
      rispondi al commento
  • Luciana
    Mercoledì 15 Maggio 2013, alle ore 14:26
    Buongiorno, sono nata in Perù e sono cittadina italiana da 25 anni.
    Tempo fa mia madre mi ha intestato la proprietà della casa dove abita (in Perù) con l'usufrutto da parte sua di abitarci finché vive.
    Vorrei sapere se devo pagare eventuali tasse in Italia e se devo comunque dichiarne il possesso nella dichiarazione dei redditi.
    Grazie.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Luciana
      Giovedì 16 Maggio 2013, alle ore 10:34
      Per Luciana: no, non deve pagare in quanto nuda proprietaria.
      L'immobile deve comunque essere dichiarato.
      rispondi al commento
  • Alexisursix
    Mercoledì 15 Maggio 2013, alle ore 13:15
    Sono austriaca e mio padre (morto ad Ottobre 2012) ha lasciato casa sua in eredità a noi 4 figli.
    Non so ancora qual'è l'esatto valore, non è ancora stato fatto il trapasso.
    Cosa devo fare?
    rispondi al commento
    • Arch.granata Alexisursix
      Giovedì 16 Maggio 2013, alle ore 10:31
      Per Ursula: la scadenza per il pagamento è il 9 luglio, quindi deve conoscere il valore dell'immobile (e quindi della sua quota di proprietà), entro quella data, per sapere se deve pagare.
      rispondi al commento
      • Alexisursix Arch.granata
        Giovedì 16 Maggio 2013, alle ore 14:01
        Per Arch. Carmen Granata: se è come penso, la mia quota dovrebbe essere intorno a 20-25 mila euro, di consequenza con la detrazione dei 200,00 nessun pagamento dovuto, devo dimostrare a qualcuno che è così?
        Come?
        rispondi al commento
        • Arch.granata Alexisursix
          Venerdì 17 Maggio 2013, alle ore 10:15
          Per Ursula: il suo commercialista saprà risponderle in maniera più corretta, ma credo che il valore dell'immobile vada indicato in sede di dichiarazione dei redditi e dal suo ammontare ne deriverà che nulla è dovuto.
          rispondi al commento
  • Jean-francois
    Martedì 14 Maggio 2013, alle ore 12:42
    Concordo su l'assoluta iniquità di questa tassa e del suo ammontare per i cittadini stranieri che vivono in Italia, in quanto la loro casa abbia potuto essere stata acquisita prima del loro trasloco (il mio caso) e quindi pagata con redditi già tassati provenienti del loro paese, ed in ogni caso costituisce un legame importante per niente speculativo ma anzitutto affettivo col loro paese d'origine.
    Nel mio caso devo pagare una IVIE di 3.200,00 € al fisco italiano a fronte di una "taxe foncière" francese di 720,00 €!!!
    Un vero e scandaloso furto di stato!
    rispondi al commento
  • Vittorio
    Lunedì 13 Maggio 2013, alle ore 15:29
    Ho un appartamento in "leasehold" in Gran Bretagna.
    Visto che non va pagata l'IVIE, volevo sapere se va dichiarato con il modello UNICO 2012.
    rispondi al commento
  • Igor
    Domenica 12 Maggio 2013, alle ore 21:00
    Buongiorno, mia moglie residente in Italia ha una casa di proprietà in Slovenia nella quale vive nostra figlia residente all'estero e iscritta all'AIRE per motivi di studio.
    Volevo sapere se mia moglie deve pagare l'Ivie o è esonerata in quanto non ha l'usufrutto del bene.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Igor
      Martedì 14 Maggio 2013, alle ore 10:12
      Per Igor: se è nuda proprietaria non paga l'IVIE.
      rispondi al commento
  • Ci65
    Domenica 12 Maggio 2013, alle ore 14:00
    Buongiorno, mia moglie possiede una casa in Slovenia nella quale risiede mia figlia iscritta all'A.I.R.E per motivi di studio.
    Mia moglie deve comunque pagare l'Ivie oppure viene ritenuta nudo proprietario e pertanto esente da Ivie?
    rispondi al commento
  • Santo
    Venerdì 10 Maggio 2013, alle ore 14:59
    Salve Arch, mi tocca pagare per un appartamento a Bs As, pago anche là come patrimoniale 0,50%.
    Il fatto è che se prendo il cambio valuta alla data di rogito pago di piu in Italia (0,76-0,50=0,26) per il fato che il peso argentino si è svalutato 30% in 3 anni.
    È possibile?
    rispondi al commento
  • Valentina
    Mercoledì 8 Maggio 2013, alle ore 10:02
    Ho un monovano a Londra e un leaselold per 159 anni quindi devo pagare Ivie?
    Ho un monovano a Londra con un leaseold di 159 anni pago tasse inglesi e son a credito, che fare?
    rispondi al commento
    • Arch.granata Valentina
      Mercoledì 8 Maggio 2013, alle ore 12:02
      Per Valentina: no, perchè di fatto il leasehold è un contratto di affitto e non di proprietà.
      rispondi al commento
  • Nicola
    Domenica 5 Maggio 2013, alle ore 14:18
    Sapete dirmi se in base al calcolo dell'IVIE sono sotto la soglia dei 200 euro, e quindi non devo pagare niente, devo fare lo stesso la dichiarazione con unico, con le relative seccature che ne conseguono?
    Se è così mi viene proprio voglia di non dichiarare niente. W Monti!!
    rispondi al commento
  • Veronica
    Mercoledì 1 Maggio 2013, alle ore 16:12
    Buongiorno, leggendo la legge 214 e l'IVIE mi sorge un dubbio: qual'è la prassi per un cittadino Italiano residente all'estero con proprietà nello stesso paese di residenza?
    Inoltre, non mi ritengo un'esperta, ma la domanda sorge spontanea:
    Perchè un italiano residente in Italia deve pagare delle tasse su una proprità di un immobile fuori dall'italia?
    L'Italia non detiene nessun diritto su quell'immobile, ma solo il paese dove si trova l'immobile..
    rispondi al commento
    • Arch.granata Veronica
      Giovedì 2 Maggio 2013, alle ore 11:39
      Per Veronica: neanche io sono un'esperta fiscale ma mi sembra ovvio che l'Italia non detiene nessun diritto su un immobile all'estero, ma l'imposta nasce dal presupposto (giusto o sbagliato che sia) che tale immobile si configuri come una fonte di reddito per il contribuente italiano, e pertanto vada tassato.
      rispondi al commento
      • Simone Arch.granata
        Martedì 17 Dicembre 2013, alle ore 00:51
        Ma se l'immobile si configura come una fonte di reddito e un Accordo Internazionale stabilisce che "I redditi che un residente di uno Stato contraente ritrae da beni immobili situati nell'altro Stato contraente sono imponibili in detto altro Stato" perchè devo pagare?
        (Ho citato Accordo Italia-Croazia - art. 6, Legge 75/2009).
        rispondi al commento
  • Miriam
    Domenica 28 Aprile 2013, alle ore 20:46
    Buongiorno. Mio padre ha casa in Svizzera che viene dichiarata e tassata al 100 % in Svizzera. Deve mio padre pagare l'IMU per questa casa anche in Italia? Grazie.
    rispondi al commento
  • Andrea
    Lunedì 22 Aprile 2013, alle ore 16:08
    Salve, se ho ben capito la tassa non si paga se non supera i 200 euro, giusto? e nel caso in cui si possedessero più di un immobile? Ad esempio 2 o 3 mini appartamenti il cui valore per ciascuno è sui 20 mila euro? Grazie.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Andrea
      Venerdì 26 Aprile 2013, alle ore 09:30
      Per Andrea: il concetto si applica ad ogni singolo immobile.
      rispondi al commento
  • Carla
    Lunedì 22 Aprile 2013, alle ore 00:20
    Buonasera, sono cittadina italiana e residente in Italia, ma ho anche la cittadinanza croata, ho un appartamento in Croazia che non ho pagato in quanto mi è stato dato in cambio di un terreno ereditato, vorrei sapere se devo pagare l'IVIE lo stesso. grazie
    rispondi al commento
    • Arch.granata Carla
      Lunedì 22 Aprile 2013, alle ore 11:55
      Per Carla: se fa dichiarazione dei redditi in Italia, sì.
      rispondi al commento
      • Carla Arch.granata
        Mercoledì 24 Aprile 2013, alle ore 00:32
        Per Arch. Carmen Granata: la ringrazio per la cortese risposta, ma avrei un'altra domanda come posso fare per avere il valore dell'immobile visto che non ho un atto di acquisto e sui documenti non risulta?
        E' possibile ricavarlo qui in Italia o devo farlo valutare in Croazia? Grazie
        rispondi al commento
        • Arch.granata Carla
          Venerdì 26 Aprile 2013, alle ore 10:11
          Per Carla: è spiegato nel paragrafo "Come si calcola l'IVIE".
          rispondi al commento
  • Franco
    Mercoledì 17 Aprile 2013, alle ore 12:47
    Arch. Carmen Granata buon giorno mi chiamo franco è sono cittadino e residente in Italia avrei bisogno dei chiarimentiio in Italia non possiedo immobili e vorrei acquistare un immobile intorno alle 60/70 mq alle Tenerife da affittare ai vacanzieri da 1 a 2 settimane.
    Questo immobile risulterebbe al fisco italiano come seconda casa avvalendomi della detrazione come per la prima casa e detraendo equivalente dell'IMU che pagherei alle Tenerife? grazie
    rispondi al commento
    • Arch.granata Franco
      Giovedì 18 Aprile 2013, alle ore 10:27
      Per Franco: dovrà pagare la tassa prevista dalla Spagna per Tenerife, e poi l'IVIE all'Italia, se dovuta.
      rispondi al commento
  • Dino
    Mercoledì 17 Aprile 2013, alle ore 11:32
    Ho un bilocale al mare in Francia per le vacanze. Ho pagato, taxe foncieres e la taxe d'habitation per complessivi 1516 euro nel 2012. Se il valore dell'immobile all'atto d'acquisto (2004) è stato € 120.000, in base ai calcoli credo di non dover pagare IVIE.
    E' corretto? Piccolo ma "grande" problema.
    Essendo lavoratore dipendente senza necessità di compilare 730 o Unico non ho mai dichiarato nulla.
    Adesso mi stinge il "fondoschiena". Consigli?
    rispondi al commento
  • Franco
    Lunedì 15 Aprile 2013, alle ore 08:39
    L'IVIE è dovuta anche se sono iscritto all'AIRE?
    rispondi al commento
    • Arch.granata Franco
      Lunedì 15 Aprile 2013, alle ore 12:37
      Per Franco: no, perchè in tal caso lei dovrebbe essere residente all'estero.
      rispondi al commento
  • Livio
    Giovedì 4 Aprile 2013, alle ore 12:29
    Per Arch. C. Granata: mia moglie possiede i 2/3 di una casa in SLO (l'1/3 è mio ma io sono AIRE e mia moglie no) che non ha dichiarato l'anno scorso. Adesso con il Patto di stabilità che fa scivolare di un anno i pagamenti vorremmo metterci a posto dichiarando la casa come previsto.Vorremmo sapere se andiamo incontro a sanzioni per gli anni precedenti e se sono tenuto a versare la mia quota anch'io che son iscritto AIRE da più di un anno?
    rispondi al commento
    • Arch.granata Livio
      Venerdì 5 Aprile 2013, alle ore 10:26
      Per Livio: per quanto riguarda l'IVIE, il pagamento entra in vigore da quest'anno, quindi non ci sono arretrati per gli anni passati da pagare.
      rispondi al commento
      • Dario Arch.granata
        Lunedì 8 Aprile 2013, alle ore 09:11
        Per Arch. Carmen Granata: mi scusi ma non si pagava a luglio 2012?? sa dirmi qualcosa a proposito dell'Australia?
        rispondi al commento
        • Arch.granata Dario
          Martedì 9 Aprile 2013, alle ore 09:55
          Per Dario: se legge il sottotitolo dell'articolo, vedrà che la scadenza è slittata di un anno. Inoltre nel testo è indicata anche, in grassetto, la data di tale scadenza.
          rispondi al commento
  • Roberto
    Mercoledì 3 Aprile 2013, alle ore 20:17
    Considerato che l'IVIE ha il senso di adeguare il prelievo sugli immobili acquistati all'estero alla situazione italiana, perchè non è possibile scaricare le rate annuali di mutuo, relative a quell'immobile e pagate nel paese estero, sulla propria dichiarazione dei redditi in Italia.
    Il mutuo non può essere, infatti, scaricato nel Paese estero quando si hanno redditi solo in Italia.
    rispondi al commento
  • Piccolo Patrizia
    Venerdì 29 Marzo 2013, alle ore 14:34
    Si veramente un'ottima notizia, grazie mille.
    rispondi al commento
  • Piccolo Patrizia
    Sabato 23 Marzo 2013, alle ore 14:21
    Gent.ma Arch. Granata, non avendo avuto risposta da parte Sua ho cercato in internet cosa ne dice della legge 28/E del 2/7/2012 ?
    rispondi al commento
    • Arch.granata Piccolo Patrizia
      Lunedì 25 Marzo 2013, alle ore 10:21
      Per Piccolo Patrizia: quella da lei citata non è una legge, ma una circolare dell'Agenzia delle Entrate. Sicuramente è il documento migliore da cui trarre informazioni per ciò che riguarda l'IVIE.
      rispondi al commento
      • Piccolo Patrizia Arch.granata
        Martedì 26 Marzo 2013, alle ore 17:35
        Per Arch. Carmen Granata: la ringrazio per la risposta ma non ho ben capito mio figlio che ha acquistato la casa con la formula Viager in Francia e pertanto non percepisce niente anzi paga all'inquilina ogni mese una rendita vitalizia deve o non deve pagare l'IVIE ?
        La ringrazio anticipatamente per la risposta. Saluti.
        rispondi al commento
        • Arch.granata Piccolo Patrizia
          Mercoledì 27 Marzo 2013, alle ore 11:03
          Per Piccolo Patrizia: suo figlio è entrato pienamente nella titolarità dell'immobile con l'acquisto, quindi secondo me sì.
          rispondi al commento
          • Piccolo Patrizia Arch.granata
            Mercoledì 27 Marzo 2013, alle ore 13:46
            Per Arch. Carmen Granata: la ringrazio ero convinta di no pensando facesse parte del possesso di nuda proprietà.
            Cordiali saluti.
            rispondi al commento
            • Arch.granata Piccolo Patrizia
              Giovedì 28 Marzo 2013, alle ore 10:00
              Per Piccolo Patrizia: Beh, allora in questo caso mi devo correggere, perchè suo figlio non è entrato nella piena titolarità dell'immobile: si tratta di un viager riservato, e non di un viager libero, quindi non è tenuto a pagare l'IVIE.
              Una buona notizia.:-)
              rispondi al commento
  • Conti
    Martedì 19 Marzo 2013, alle ore 01:17
    Sto valutando l'acquisto di un appartamento in Germania al prezzo di euro 100,000 circa. Quando e quanto dovrei pagare la IVIE? Devo anche denunciare l'affitto che ne dovrei ricavare? grazie
    rispondi al commento
  • Fabio
    Lunedì 18 Marzo 2013, alle ore 21:59
    Comprerò casa a Cuba intestandola a mio cognato e mia moglie, e me ne infischio di queste tasse inutili.
    rispondi al commento
  • Piccolo Patrizia
    Lunedì 18 Marzo 2013, alle ore 13:31
    Mio figlio ha acquistato all'estero una casa con la formula Viager, per cui non può usufruire della casa ed in più paga ogni mese un vitalizio alla persona che vi abita, è tenuto a pagare anche IVIE?
    rispondi al commento
  • Miriam
    Martedì 12 Marzo 2013, alle ore 11:35
    Buongiorno, sono italiana e vivo in Svizzera dalla nascita dove posseggo una casa.
    Devo pagare l'IVIE allo stato Italiano, dato che già pago le tasse in Svizzera per l'immobile?
    Grazie e saluti da Zurigo.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Miriam
      Martedì 12 Marzo 2013, alle ore 12:22
      Per Miriam: se non è residente in Italia, no.
      rispondi al commento
  • Gianfranco
    Martedì 12 Marzo 2013, alle ore 11:02
    Lo stato italiano non mi ha dato mai niente e adesso gli devo pagare le tasse persino dall'Estero?
    Sto morendo dalle risate. Quindi non solo dovrei pagare le tasse alle autorità competenti qui, ma anche all'Italia. :D ALESSANDRA non ti preoccupare, non pagare nulla. La pagassero i POLITICANI che l'hanno approvata sta legge del piffero, oppure prendetevi la cittadinanza francese.
    rispondi al commento
  • Alessandra
    Lunedì 11 Marzo 2013, alle ore 10:46
    Mia madre, cittadina italiana, vive da 13 anni in Francia dove è proprietaria di una casa in cui vive; in Italia non ha nessun bene immobile né mobile, vi percepisce solo la sua pensione e ne paga le tasse.
    In Francia, sulla sua casa, paga ogni anno sia l'IMPOT FONCIER che la TAXE D'HABITATION; con la nuova legge italiana, ora dovrebbe pagare l'IVIE su questa casa anche allo stato italiano? Grazie per la risposta...
    rispondi al commento
  • Graziella
    Lunedì 4 Marzo 2013, alle ore 18:17
    Buongiorno, vivo e pago le tasse in Italia, possiedo in Costa Azzurra un appartamento dove trascorriamo le vacanze con la famiglia e uno studio in affitto.
    Pago regolarmente le tasse in Francia, nel 2012 le ho pagate anche in Italia, posso chiedere il rimborso?
    La ringrazio
    rispondi al commento
  • Teia
    Lunedì 4 Marzo 2013, alle ore 10:19
    Possiedo casa in Spagna: posso detrarre anche IRNR (Impuesto Sobre la Renta de No Residentes) sia per IRPEF (la casa è affittata) che per calcolo IVIE?
    Pago regolarmente tale imposta tutti gli anni, oltre a IBI (l'unica che si può detrarre secondo l'Agenzia delle Entrate italiana).
    Qualcuno ha il mio stesso problema?
    Come vi siete comportati?
    rispondi al commento
  • Melis Altiok
    Mercoledì 27 Febbraio 2013, alle ore 13:06
    Buongiorno, sono una cittadina turca residente in Italia. Ho acquistato la prima casa in Turchia a Novembre 2012.
    Devo pagare due volte le tasse?
    Sull'importo del valore catastale scritto sull'atto di contratto?
    Grazie
    rispondi al commento
  • Alessandro
    Sabato 16 Febbraio 2013, alle ore 23:48
    Sono un cittadino Italiano nato a Panama (ho la doppia cittadinanza), da molti anni sono tornato a vivere a Panama (dove ho residenza e domicilio) e sono iscritto all'A.I.R.E. presso il consolato locale.
    La nuova IVIE mi impone di pagare le tasse in Italia su beni che ho a Panama (in Italia già pago le tasse per un immobile) come anche sui miei redditi?
    Cordiali saluti e grazie.
    rispondi al commento
  • Rsm
    Venerdì 15 Febbraio 2013, alle ore 17:45
    Gent.ma Arch. Granata, nel commento "riduzioni o esenzioni IVIE", non mi riferivo alle detrazioni prima casa, ma per par condicio, al diverso trattamento Estero/Italia per chi possiede terreni montani improduttivi e/o casali antichi, vecchie costruzioni storiche in precario stato di conservazione che, se non vado errato, sono esenti da IMU in Italia o comunque, per i terreni agricoli, calcolati su valori dominicali rivalutati.
    Cordiali saluti
    rispondi al commento
  • Rsm
    Giovedì 14 Febbraio 2013, alle ore 17:05
    Discutibile, per italiani che hanno investito all'estero. Assurda per stranieri. Un extraUE, solo domiciliato, con reddito da lavoro dipendente, e nessuna proprietà in IT, paga IVIE, calcolata sul valore reale, con importi superiori anche a 3 volte IMU (perché i valori catastali italici, sono anche 3 volte minori del valore reale), in più non ci sono esenzioni o riduzioni (case storiche, inagibili ecc.., terreni montani). Persone giuridiche=ZERO IVIE
    rispondi al commento
    • Arch.granata Rsm
      Venerdì 15 Febbraio 2013, alle ore 10:52
      Per Rsm: non è corretto dire che non ci sono esenzioni e riduzioni: oltre a dedurre come credito d'imposta quanto già versato come tassazione nello stato in cui si trova l'immobile, c'è una aliquota ridotta per la prima casa e detrazioni di 200 euro sempre per prima casa e di 50 euro per figli.
      Inoltre, si è esenti dal pagamento, per importi inferiori a 200 euro.
      rispondi al commento
  • Saverio
    Martedì 12 Febbraio 2013, alle ore 15:16
    Gentilissima Arch. Granata, che succede in caso di evasione di IVIE?
    Credo che convenga evadere e sperare nella prescrizione o in qualche condono.
    Cosa mi consiglia. Grazie
    rispondi al commento
  • Miriam
    Giovedì 7 Febbraio 2013, alle ore 08:03
    Buongiorno, sono italiana e vivo in Svizzera dalla nascita dove posseggo una casa.
    Devo pagare l'IVIE allo stato Italiano, dato che già pago le tasse in Svizzera per l'immobile?
    Grazie e saluti da Zurigo.
    rispondi al commento
  • Paolo Bombelli
    Mercoledì 6 Febbraio 2013, alle ore 18:51
    Buongiorno Architetto, vivo, lavoro e pago le tasse in Ingliterra da circa 6 anni, benchè rimanga cittadino italiano.
    Sono propietario di un immobile qui in territorio Inglese (per cui pago un mutuo ad una banca Inglese) e non ho nessuna proprietà in territorio italiano.
    Per quanto ora detto, ritiene che io debba pagare alcuna tassa in Italia relativa a questo immobile?
    Distinti saluti.
    rispondi al commento
  • Luigi Pancini
    Lunedì 4 Febbraio 2013, alle ore 17:25
    Buongiorno Architetto sono propietario di 1/3 (il cui valore è pari ad €. 25.000,00) di una casa in Croazia.
    In questo stato pago una tassa sulla casa, il cui importo della mia quota è pari a €.65,00.
    Stando al calcolo e alla detrazione dei 65,00 euro, l'importo è ampiamente sotto i 200,00 euro! Devo pagare comunque l'IVIE?
    Grazie e salutoni.
    rispondi al commento
  • Franco
    Giovedì 31 Gennaio 2013, alle ore 18:27
    Gentile Arch. Granata, la domanda: uno straniero che compra la casa il Italia (prima casa), deve pagare l`IMU così come prima casa ed esattamente come gli italiani o ci sono eccezioni?
    Se lo straniero non possiede altra casa nel suo Paese di residenza se non locazione in affitto dovrà pagare in Italia o nel Paese di residenza?
    rispondi al commento
    • Arch.granata Franco
      Venerdì 1 Febbraio 2013, alle ore 11:14
      Per Franco: lo straniero che acquista casa in Italia deve pagare IMU in Italia, niente tasse su case all'estero se ovviamente non si hanno proprietà.
      rispondi al commento
      • Iside Cagnoni Arch.granata
        Mercoledì 24 Aprile 2013, alle ore 15:44
        Per Arch. Carmen Granata: abbiamo una figlia in Spagna che è proprietaria di una prima ed unica casa in Italia, una commercialista spagnola sostiene che debba pagare il 2% sul prezzo della casa, a Lei risulta che debba pagare tasse in Spagna pur pagando già l'IMU in Italia? Grazie.
        rispondi al commento
        • Arch.granata Iside Cagnoni
          Venerdì 26 Aprile 2013, alle ore 10:26
          Per Iside Cagnoni: è plausibile, potrebbe essere qualcosa di simile all'IVIE per l'Italia, ma non sono aggiornata sulle imposte che si pagano in Spagna.
          rispondi al commento
  • Aldo
    Giovedì 24 Gennaio 2013, alle ore 17:39
    Sono un sammarinese con residenza a RSM dal 1999, luogo che ha sempre eletto come sede principale degli interessi.
    In Italia non ho proprietà, ma solo reddito da lavoratore dipendente che ivi dichiaro.
    A RSM ho ereditato un podere improduttivo pertinente a vecchia casa colonica, che dal 1997 è diventata la mia prima casa, perché quando lavoro in Italia dimoro da figlio.
    Pagata assurda Ivie, 3/4 volte maggiore dell'imu seconda casa perché calcolata sul valore reale.
    E' dovuta? Saluti
    rispondi al commento
  • Manuela
    Giovedì 24 Gennaio 2013, alle ore 16:01
    Possediamo una casetta in Grecia ma paghiamo già le tasse sulla proprietà tramite bolletta della luce secondo le nuove regole di tassazione.
    Dobbiamo pagare anche l' Ivie?
    rispondi al commento
  • Paradisi Massimo
    Mercoledì 23 Gennaio 2013, alle ore 10:03
    1) nella spiegazione, molto chiara, non si parla del fatto che se l'IVIE o comunque la tassa sulla casa viene pagata nel paese dove si trova l'immobile, se è superiore non deve essere pagata in Italia.
    2) se invece l'eventuale differenza è inferiore ai 200 euro (es. 50 euro) si deve pagare?
    3) se io faccio il mod. 730, come faccio a indicare il pagamento, il pagamento effettuato all'estero o la differenza?
    rispondi al commento
    • Arch.granata Paradisi Massimo
      Mercoledì 23 Gennaio 2013, alle ore 12:15
      Per Paradisi Massimo:
      1) è implicito, visto che l'IVIE si detrae dalla tassa che si paga all'estero che, se questa è maggiore, l'IVIE non si paga.
      2) no
      3) il commercialista potrà darle maggiori ragguagli su questo quesito.
      rispondi al commento
  • Roberto
    Martedì 22 Gennaio 2013, alle ore 22:05
    Ho comperato casa in Svizzera per motivi di lavoro, sono frontaliere con rientro settimanale (residenza in Italia, permesso di lavoro da frontaliere).
    Premetto che l'acquisto è legalmente vincolato al permesso di lavoro.
    Rientro nel 0.4% aliquota ridotta oppure no?
    rispondi al commento
  • Piera Piazza
    Sabato 19 Gennaio 2013, alle ore 16:52
    Desidero sapere quale tassa vado a pagare se compro casa all'estero e vi trasferisco residenza per sei mesi?
    Da notare che in Italia posseggo casa! Grazie
    rispondi al commento
    • Arch.granata Piera Piazza
      Lunedì 21 Gennaio 2013, alle ore 12:35
      Per Piera Piazza: per il periodo in cui sarà residente all'estero, pagherà solo la tassa locale.
      Quando ritornerà in Italia, pagherà l'IVIE se dovuta.
      rispondi al commento
  • Praghese
    Venerdì 11 Gennaio 2013, alle ore 01:51
    Monti dice che in tutti i paesi europei c'è l'imposta patrimoniale sugli immobili e anche tutti i trattati europei sono per tassare il reddito dove sorge e sono contro la doppia imposizione.
    Quale è il senso di una imposta che c'è in tutti i paesi e che non può essere duplicata e che può essere detratta.
    Per favore Monti spiegamelo.
    rispondi al commento
  • Giovanni
    Mercoledì 9 Gennaio 2013, alle ore 20:05
    Grazie per la sua cortesia, ma il valore dei terreni chi la stabilise l'Italia o lo stato dove è sito il terreno e quanto è il valore all'ettaro, si parla di circa 8 ettari edificabili 5 ettari agricoli, 1 ettaro di bosco, tutta terra lasciata dal padre.
    In attesa di una vostra risposta distinti saluti.
    rispondi al commento
  • Mariano
    Mercoledì 9 Gennaio 2013, alle ore 15:46
    Per arch. Granata: buongiorno, sono un pensionato propietario di una casa in Croazia ereditata dai miei genitori, la casa è al 50% mia e al 50% di mio cugino che è cittadino sloveno.
    Come devo calcolare l'IVIE.
    Aggiungo che la casa è ad uso vacanze estive.
    Grazie
    rispondi al commento
    • Arch.granata Mariano
      Giovedì 10 Gennaio 2013, alle ore 10:02
      Per Mariano: l'IVIE va calcolata per il 50% di sua proprietà.
      rispondi al commento
  • Edo No Ivie
    Martedì 8 Gennaio 2013, alle ore 22:13
    Grazie! Edo NO IVIE
    rispondi al commento
  • Barbara
    Martedì 8 Gennaio 2013, alle ore 20:36
    Per Arch.Granata: Buonasera.
    Possiedo una casa in Spagna, e ho pagato l' IVIE qualche mese fa.
    Ricevo solo oggi dal fisco spagnolo la richiesta del pagamento dell'imposta sull'immobile per il 2012.
    Se la legge prevede la possibilità di dedurre un credito d'imposta, mi chiedo come sia possibile calcolare tale credito dal momento che i termini per i pagamenti in Italia e Spagna sembrano non coincidere.
    Grazie
    rispondi al commento
  • Darkos
    Martedì 8 Gennaio 2013, alle ore 19:43
    Salve, sono un cittadino italiano che ha ereditato casa e terreno in Croazia.
    L'atto di successione non riporta alcun valore.
    In croazia il catasto non indica alcun valore.
    In vent'anni non ho mai pagato alcunchè al fisco croato in quanto esente.
    Non ho mai indicato le proprietà sul mod. RW.
    Al momento della successione, avvenuta nel 1994 quindi in piena guerra, questi immobili avevano un valore prossimo allo zero.
    Cosa mi consiglia di fare?
    rispondi al commento
  • Giovanni
    Martedì 8 Gennaio 2013, alle ore 15:08
    Buon giorno, vi scrivo per chiedere informazioni per una amica se è proprietaria di terreni edificabili agricoli e 1 ettaro di bosco, come viene calcolato l'IVIE?
    In attesa di una vostra risposta distinti saluti e grazie.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Giovanni
      Mercoledì 9 Gennaio 2013, alle ore 10:40
      Per Giovanni: sempre come percentuale sul valore dei terreni.
      rispondi al commento
  • Marcella
    Lunedì 7 Gennaio 2013, alle ore 22:44
    Mio marito era proprietario di un appartamentino in Francia.
    In fase di successione abbiamo due possibilità: intestarlo ai tre eredi (moglie e due figli) o intestarlo ai figli con usufrutto alla moglie.
    In quest'ultima eventualità chi deve denunciare e pagare l'IVIE?
    La tassa francese è a carico dell'usufruttuario.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Marcella
      Mercoledì 9 Gennaio 2013, alle ore 10:37
      Per Marcella: anche l'IVIE è a carico dell'usufruttuario.
      rispondi al commento
  • Franco
    Lunedì 7 Gennaio 2013, alle ore 18:47
    Buonasera. Ho una casa in Croazia e già nel corso del 2012 ho pagato con modello RW l'IVIE, corrispondendo allo stato lo 0,76% del prezzo d'acquisto detratta la tassa croata sulle case per vacanza.
    Leggo ora che l'IVIE entra in vigore da quest'anno.
    Ho forse pagato una tassa non dovuta?
    Grazie
    rispondi al commento
    • Arch.granata Franco
      Mercoledì 9 Gennaio 2013, alle ore 10:34
      Per Franco: La legge di Stabilità 2013 ha differito al periodo d'imposta 2012 l'entrata in vigore dell'IVIE, pertanto l'imposta già pagata nel 2012 con riferimento al 2011 sarà considerata in acconto di quella dovuta per il 2012.
      rispondi al commento
  • Rohirrim
    Lunedì 7 Gennaio 2013, alle ore 01:40
    Per Massimo: "Chi ha detto loro che ho una casa in Slovenia? Semplice il catasto Sloveno e lo stanno facendo con tutti i paesi europei."
    Ma scusa, non avete una convenzione contro le doppie imposizioni cui poterti appellare?
    rispondi al commento
  • Edo No Ivie
    Domenica 6 Gennaio 2013, alle ore 15:49
    Segnalo che dal 9 febbraio 2012 esiste una pagina Facebook sull'argomento che si prefigge lo scopo di informare e unire i cittadini per combattere ed eliminare questa imposta ingiusta.
    La pagina si chiama NO IVIE.
    rispondi al commento
  • Bruno G.
    Venerdì 4 Gennaio 2013, alle ore 20:48
    Volevo raccontare una storia di un "Cittadino" Italiano.
    Con molti sacrifici ed un mutuo abbiamo acquistato un immobile in Francia, per pagare il mutuo lo abbiamo dato in locazione.
    Per la dichiarazione dei redditi ci eravamo rivolti ad un CAf che ci ha indicato i redditi ma non il mod RW.
    Per questo nel 2009 ci siamo resi conto che eravamo dei fuorileggge ed impauriti abbiamo pagato lo scudo un 5% anche sul mutuo e senza aver evaso niente....
    rispondi al commento
  • Marisa
    Venerdì 4 Gennaio 2013, alle ore 14:45
    Vale anche per Antigua o chi possiede un impero immobiliare all'estero come al solito sfuggirà allegramente grazie ai suoi furbissimi legali?
    rispondi al commento
  • Tania
    Venerdì 4 Gennaio 2013, alle ore 14:00
    Io ho una casetta in Grecia ed un terreno ereditati dai miei genitori.
    Il terreno non so nemmeno dove sia e la casa è regolarmente affittata.
    Pago l'IMU greca e le varie tasse...che altro devo pagare?
    E poi dico...se non la dichiaro come la scoprono?
    Se non faccio trasferimenti di denaro e una volta l'anno mi faccio un viaggetto per prendere due soldini che mi danno la possibilità di mangiare in questo paese di ladri dove sta il problema?
    rispondi al commento
  • Massimo
    Venerdì 4 Gennaio 2013, alle ore 12:19
    La mia casa in Slovenia, avuta da mia nonna materna non l'ho dichiarata:
    PUM!!! mi hanno comminato una multa, il valore e l'1% sul dal 2009 per mancata dichiarazione.
    Chi ha detto loro che ho una casa in Slovenia?
    Semplice il catasto Sloveno e lo stanno facendo con tutti i paesi europei.
    L'unica cosa è quella di organizzarci e fare un ricorso all'EUROPA, se esiste l'Europa.
    rispondi al commento
    • Bruno Massimo
      Venerdì 4 Gennaio 2013, alle ore 17:20
      Per Massimo: Attenzione Massimo, credo che il tuo caso abbia poco a vedere con l'IVIE, nel senso riguardi piuttosto la successione da parte della nonna.
      Mentre invece per il Sig. Quintilio con immobile negli States, un consiglio spassionato, io non dichiarerei nulla.
      Infatti come detto dallo stesso Quintilio, vi sono in essere accordi tra gli Stati che renderebbero vana l'applicazione della tassa.
      E poi parliamoci chiaro, non credo proprio che l'Agenzia delle Entrate riesca a sapere queste informazioni.
      Una volta dichiarato ci si frega con le proprie mani.
      Qui non si tratta di evadere il fisco, ma non rientra proprio nei rigori di logica, credo ci siano gli estremi di incostituzionalità.
      rispondi al commento
    • Bambinone Massimo
      Sabato 12 Gennaio 2013, alle ore 17:22
      Per Massimo: scusa l' 1% su cosa?
      Sul valore della casa?
      Se cosi vorrebbe dire che se la casa vale 100.000 euro...dovresti pagare 1000?
      E' cosi?
      rispondi al commento
  • Quintilio Crovetti
    Venerdì 4 Gennaio 2013, alle ore 10:45
    Dalla fine novembre 2011 posseggo una casa in California per uso personale aggiunta alle due in Italia dove sono residente fiscalmente.
    Tra USA e Italia esiste l'accordo per evitare il pagamento delle doppie imposizioni.
    Come mi devo comportare nella prossima denuncia dei redditi avendo pagato di già le tasse al governo americano per l'immobile sito in California?
    rispondi al commento
  • Adriano
    Giovedì 3 Gennaio 2013, alle ore 22:51
    Gentile Arch.Granata, avrei bisogno di chiarire un argomento.
    L'imposta minima del' IVIE di 200 € da non pagare, è al netto dei detrazioni di 50 € per figli sotto 26 anni o no?
    Brevemente: se IVIE calcolata è di 300 € avendo 2 figli sotto i 10 anni, devo pagare l'imposta della mia casa?
    Grazie
    rispondi al commento
    • Arch.granata Adriano
      Venerdì 4 Gennaio 2013, alle ore 11:31
      Per Adriano: l'imposta è al netto delle detrazioni ma, restando al suo esempio, lei dovrebbe pagare, perchè 200 euro è l'importo minimo.
      rispondi al commento
  • Carlo
    Giovedì 3 Gennaio 2013, alle ore 18:25
    Porco e cannibale che continua a succhiare il sangue alla povera gente, questo stronzo non sa che paghiamo la tassa alla nazione di dove è situato l'immobile? Ma solo in Italia si poteva fare questo.
    Siamo un branco di pecoroni, non riusciamo a ribellarci di nessun modo facciamo schifo.
    Avete saputo che il porco di Monti ha stanziato per i politici che finiscono il mandato, non avendo un lavoro, continuerà a percepire lo stipendio, i nostri...
    rispondi al commento
  • Andrea
    Giovedì 3 Gennaio 2013, alle ore 17:43
    Non vi preoccupate è semplice, non dichiarate la casa, come fanno a sapere dell'esistenza?
    rispondi al commento
  • Alberto
    Giovedì 3 Gennaio 2013, alle ore 15:27
    Imposta assurda considerando che già si pagano tassa d'abitazione allo stato in cui la casa é ubicata, si dovrebbe almeno dedurre dall'imposta italiana quella che già si paga allo stato dove ubicata.
    Così si obbliga il cittadino italiano a liberarsene vendendola.
    rispondi al commento
  • Maria
    Giovedì 3 Gennaio 2013, alle ore 14:51
    Gentile Arch. sono una cittadina rumena che da novembre 2012 possiedo anche la cittadinanza italiana.
    Anni fa possedevo una casetta in Romania che nel giugnio 2011 ha subito un incendio, attualmente risulta non abitabile, ora ho un progetto di costruzione possiedo il tereno, una parte da ricostruire e l'altra agricolo.
    Vorrei sapere in che misura devo pagare IVIE visto che costruzione non c'è più.
    Grazie.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Maria
      Venerdì 4 Gennaio 2013, alle ore 09:48
      Per Maria: se la casa risulta praticamente un rudere, non deve pagare l'IVIE, almeno finchè rimarrà tale.
      rispondi al commento
  • Francesco
    Giovedì 3 Gennaio 2013, alle ore 12:04
    Gentile arch. Granata, il suo è tra gli articoli più chiari che ho letto fino ad ora sull'ennesima tassa introdotta questa volta con la legge di bilancio. La mia è sola una richiesta di mera conferma. Mia mamma, italiana in pensione e non titolare di nessun diritto reale in Italia, ha ricevuto in donazione un immobile in sudamerica. Ne è comproprietaria al 50%. L'atto di donazione risale a 10 anni fa. Deve individuare il valore catastale dell'immobile indicato nell'atto di donazione, dividere per due, convertire la moneta estera in euro ed applicare l'aliquota. Concorda? Inutile aggiungere che l'immobile è già tassato nello stato in cui è sito e che la doppia tassazione di uno stesso bene è cosa che si commenta da sola. Un dubbio: in passato gli immobili all'estero andavano solo dichiarati? Non avendolo fatto abbiamo il terrore che oltre l'IVIE ci obblighino a pagare qualche centinaia di euro di qualche mora...
    rispondi al commento
    • Arch.granata Francesco
      Giovedì 3 Gennaio 2013, alle ore 12:14
      Per Francesco: il procedimento da lei indicato è giusto, ma non è esatto parlare di valore catastale, visto che questo concetto non vale per l'estero.
      Il valore da considerare come base imponibile sarà quindi quello indicato nell'atto.
      Non ci sono state altre tasse sugli immobili all'estero, prima dell'introduzione dell'Ivie.
      rispondi al commento
      • Francesco Arch.granata
        Venerdì 4 Gennaio 2013, alle ore 08:51
        Per Arch. Carmen Granata: La ringrazio molto per i chiarimenti che mi ha fornito.
        rispondi al commento
      • Fausto Arch.granata
        Martedì 29 Gennaio 2013, alle ore 17:04
        Per Arch. Carmen Granata: il 18 ottobre del 2012 ho acquistato casetta in Ibiza per un importo di 87300 € devo pagare l'IVIE?
        In quale modello fare la denuncia?
        rispondi al commento
  • Melchiore Gaspari
    Giovedì 3 Gennaio 2013, alle ore 03:28
    Se necessario, in ogni paese possiamo chiedere protezione.
    Questo é una violazione alla giurisdizione e sovranietá di molti paesi.
    E come possono trovare una casa in Perú, Russia ecc.?
    Tutto per pagare stipendi a politici italiani e a missioni NATO?
    rispondi al commento
  • Claudio Costantini
    Mercoledì 2 Gennaio 2013, alle ore 19:24
    Sono proprietario, assieme a mia moglie, di una casa in Francia.
    Da quanto leggo, devo essere tra i pochi che l'IMU sulla casa all'estero L'HANNO GIA' PAGATA!
    E' vero che il commercialista sembrava molto in difficoltà nel fare i conti, al momento della dichiarazione dei redditi del giugno scorso...
    Quali differenze ci sono tra l'IVIE e l'IMU su case all'estero della scorsa dichiarazione, per giustificare il titolo di "IVIE-nuova tassa"?
    La ringrazio anticipatamente.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Claudio Costantini
      Venerdì 4 Gennaio 2013, alle ore 09:46
      Per Claudio Costantini: l'IVIE è cosa diversa dall'IMU.
      Sulle case all'estero non si paga IMU, ma solo IVIE.
      Il titolo dell'articolo, nasce dal fatto che, come l'IMU, l'IVIE è una tassa sulla casa.
      rispondi al commento
  • Chiara
    Mercoledì 2 Gennaio 2013, alle ore 13:30
    Gent. Arch. Granata, buongiorno, vorrei chiederle un consiglio su questa situazione:
    Vivo e lavoro in Germania da 5 anni ma, al momento, ho ancora la residenza in Italia.
    Vorrei acquistare un'immobile in Germania come abitazione.
    In questo caso (residenza in Italia + immobile all'estero), sono tenuta a pagare l'IMU?
    Se sì, in che misura?
    Nel caso in cui prendessi la residenza in Germania, paese in cui acquisterei l'immobile per viverci, sarei tenuta a pagare l'IMU (oltre alle tasse di proprietà già applicate in Germania)?
    Se sì, in che misura?
    Specifico di non essere intestataria di ulteriori immobili, nè in Italia nè all'estero.
    Specifico anche che ho sempre presentato la dichiarazione dei redditi in Germania ma non in Italia.
    La ringrazio anticipatamente.
    Cordiali saluti, Chiara.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Chiara
      Giovedì 3 Gennaio 2013, alle ore 09:40
      Per Chiara: se ha residenza e casa di proprietà in Germania, non deve pagare alcuna tassa sulla casa in Italia.
      rispondi al commento
  • Sebastiano
    Mercoledì 2 Gennaio 2013, alle ore 08:15
    Mi chiedo che senso ha pagare questa tassa alle merde che stanno a Roma!
    Se io sono residente in un'altro paese, pagerò le tasse nel paese di residenza...dove vivo, non anche in italia!
    Non è una tassa questa è una ladrata, è ben diverso!!!
    rispondi al commento
  • Vf
    Mercoledì 2 Gennaio 2013, alle ore 00:55
    Hahhahahaha ... ma che pagliacciata!
    Solo delle menti bacate potevano pensare di imporre una tassa su immobili nel mondo, per di piu estesa anche agli stranieri.
    Da farsela addosso dal ridere. E per di piu alle solite persone fisiche che gia pagano tasse su tasse.
    Propongo come nel medioevo anche di tassare il numero di finestre.
    E poi aggiungiamoci anche dazi al passaggio dei limiti comunali, abito in Porta Romana e lavoro a San Donato Milanese: alt ... un fiorino ... mi sa che voto berlusconi ... pagiacci per pagliacci ...
    rispondi al commento
  • Rita
    Martedì 1 Gennaio 2013, alle ore 23:36
    Buonasera, mio marito ha ereditato un terreno in Grecia, dobbiamo pagare la tassa anche per questo?
    Grazie
    rispondi al commento
  • Cristina
    Martedì 1 Gennaio 2013, alle ore 23:18
    Ingiustitia...
    rispondi al commento
  • Antonio
    Martedì 1 Gennaio 2013, alle ore 20:29
    Porcata assurda, io consiglio a tutti i cittadini che hanno una casa all'estero di fare, con l'aiuto delle associazioni proprietari di case locali, una class action con le autorità del proprio paese e denunciare chi di dovere per estorsione aggravata!
    rispondi al commento
  • Santo
    Domenica 30 Dicembre 2012, alle ore 21:47
    Cittadino italiano possiede appartamento in Polonia.
    Non fa dichiarazione redditi perchè ha soltanto una pensione sociale INPS, non ha immobili in Italia.
    Deve pagare l'Ivie e presentare anche la dichiarazione dei redditi?
    La casa ereditata ha un valore di acquisto di €. 60.000,00
    Grazie
    rispondi al commento
  • Daniela Pagani
    Domenica 30 Dicembre 2012, alle ore 09:57
    Vorrei avere informazioni sull' IMU case estero. Grazie
    rispondi al commento
  • Barbara
    Venerdì 28 Dicembre 2012, alle ore 22:41
    Ho una casa in Italia e ho la residenza in Italia, ma lavoro regolarmente all'estero dove ho un'altra casa.
    Faccio dichiarazione dei redditi e pago le tasse nel paese estero.
    Ho pagato l'IMU per la casa in Italia dove però non ho redditi.
    Devo pagare l'Ivie per la casa all'estero?
    rispondi al commento
    • Alex Barbara
      Mercoledì 2 Gennaio 2013, alle ore 21:37
      Per Barbara: mi scusi, ma se lei ha la residenza in Italia, perchè mai effettua la dichiarazione dei rediti all'estero?
      La dichiarazione si effettua nel paese di residenza.
      rispondi al commento
  • Gugliemo
    Mercoledì 26 Dicembre 2012, alle ore 21:23
    Gent. Arch. Granata, buongiorno, desidererei sapere se una persona non italiana e residente all'estero, ma che presenta la dichiarazione dei redditi sia all'estero che in Italia (e quindi con domicilio fiscale, ma, come detto, non residenza, in Italia) è soggetta ad IVIE per una casa che possiede all'estero. Grazie e Buone Feste.
    rispondi al commento
  • Giuseppe
    Domenica 23 Dicembre 2012, alle ore 02:25
    Pazzesco!
    Ho appreso oggi di questa IVIE, una porcata degna solo di un paese miserabile come il nostro!
    Per gli italiani è chiaramente una patrimoniale, perché la ratio di tasse come l'IMU o l'ICI è quella di finanziare i servizi offerti dal comune in cui è ubicata l'abitazione, e se è all'estero, è giusto pagare l'ente estero che fa funzionare i servizi intorno alla vostra casa.
    Ma la deve pagare pure un cittadino straniero, residente in Italia, per la sua casa nel suo paese?!!
    Ma siamo matti?? Ma stiamo scherzando??
    Ai cittadini stranieri dico di non azzardarsi a pagare!
    Ignorate le deliranti circolari dell'Agenzia delle Entrate, sono solo dei pezzenti accattoni che non sanno più come spennare la gente!
    Non pagate! È un'imposta talmente folle, iniqua ed insensata, al punto che se gli zelanti esattori italiani osassero inoltrare una simile richiesta al vostro Paese (per il vostro inadempimento), verrebbero presi a sputi in faccia!
    rispondi al commento
    • Nuccia Giuseppe
      Lunedì 21 Gennaio 2013, alle ore 08:28
      Per Giuseppe: come hai ragione!
      rispondi al commento
  • Tony
    Giovedì 13 Dicembre 2012, alle ore 21:00
    Salve, sono un cittadino Italiano proprietario al 50% io ed al 50% mia moglie di una casa data in affitto in Inghilterra.
    La casa ha iniziato a produrre reddito dall'anno scorso (abbiamo pagato il restante mutuo).
    Io lavoro ma mia moglie è disoccupata da quando siamo rientrati in Italia.
    Nel 30 o unico di questi anni abbiamo sempre compilato (tramite il commercialista) i riquadri RW per l'esistenza di questa proprietà all'estero.
    Ora, io ancora non ho pagato per quest'anno.So di dover pagare ma mi chiedo se devo pagare solo il 50% per me o anche mia moglie deve pagare il 50% (lei è residente in Italia ma disoccupata) ho visto alcuni suoi commenti in merito a questo.
    Una cosa che mi fa ridere è che in Inghilterra le council tax (vecchia ICI) le paga chi abita nella proprietà e visto che sono già pagate, non crede che sia una dopppia imposizione sullo stesso immobile?
    Non è contro i diritti dei cittadini?
    Ringraziandola in anticipo. Cordialmente, Tony
    rispondi al commento
  • Nadia
    Venerdì 7 Dicembre 2012, alle ore 08:22
    Salve Arch. Carmen Granata. Io sono proprietaria di un piccolo appartamento (prima casa) all'estero. Purtroppo da qualche anno sono disoccupata e sono a carico di mia madre. La residenza ce l'ho in Italia, non l'ho mai cambiata. Vista la mia situazione, non faccio la dichiarazione dei redditi (di fatto, non percepisco nessun reddito da anni). Come mi devo comportare con l'IVIE? Sono esente o devo pagare comunque la tassa? Grazie.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Nadia
      Venerdì 7 Dicembre 2012, alle ore 10:21
      Per Nadia: sì, l'Agenzia delle Entrate ha chiarito che deve pagarla chiunque sia residente in Italia e sia titolare di ?diritti reali? su immobili all?estero a qualsiasi uso siano destinati.
      rispondi al commento
  • Etta
    Sabato 24 Novembre 2012, alle ore 10:43
    Salve, sono una cittadina tedesca che vive con residenza per una parte dell'anno da circa 25 anni in Italia.
    Il mio reddito proviene interamente dall'affitto di immobili che posseggo in Germania.
    Essendo anche residente in Germania, pago le tasse sulla rendita e rispettiva tassa (tipo IMU) sull'immobile in Germania. Qui in Italia non svolgo nessun lavoro possego una casa sulla quale pago regolarmente IMU, la mia domanda è:
    Devo pagare IVIE essendo residente in tutti e due i paesi?
    Posso detrarre le tasse immobiliari tedesche dal IVIE?
    Se non lavoro in Italia sono fiscalmente residente?
    Dovrei dichiarare anche il reddito estero in Italia?
    Grazie per una risposta.
    rispondi al commento
    • Arch.granata Etta
      Lunedì 26 Novembre 2012, alle ore 10:07
      Per Etta: l'IVIE sulla sua casa in Germania va pagata solo se effettua dichiarazione dei redditi in Italia.
      rispondi al commento
  • Barbara
    Venerdì 23 Novembre 2012, alle ore 11:34
    Buongiorno, la mia famiglia possiede una casa a Pola in Croazia. Mia madre , residente in Italia, l'ha eredita (assieme alla sorella però lì residente) dai suoi genitori. Non mi risulta lì si paghino tasse sugli immobili e per molti anni la successione e suddivisione non era chiara, risultava tutto a nome dei nonni. Mia madre è deceduta a fine aprile 2012, stiamo completando le pratiche di successione per i beni in Italia, ma non sappiamo come comportarci per l'immobile all'estero. Come posso io calcolare ivie se non ho ancora ufficialmente ereditato nulla? .. e l'immobile non è mai stato valorizzato in quanto non acquistato, non dato in locazione, usato solo per sporadiche giornate al mare?.. in pratica sempre chiuso? Se possibile, chiedo aiuto
    rispondi al commento
    • Arch.granata Barbara
      Venerdì 23 Novembre 2012, alle ore 11:41
      Per Barbara: Per gli immobili acquisiti per successione o donazione, il valore è quello dichiarato nel relativo atto.
      rispondi al commento
  • Alessandro Frattini
    Giovedì 1 Novembre 2012, alle ore 17:53
    E se l'immobile all'estero viene acquistato a proprio nome e poi conferito in una società la tassa è dovuta lo stesso?
    rispondi al commento
  • Cristian
    Martedì 23 Ottobre 2012, alle ore 22:51
    UNA NORMA ASSURDA "MADE IN ITALY" CHE OBLIGA PAGARE UN'IMPOSTA SUGLI IMMOBILI CHE ABBIAMO ALL'ESTERO: ITALIANI E STRANIERI RESIDENTI IN ITALIA! IVIE - una tassa che colpisce chi risulta fiscalmente residente in Italia (stranieri e non) e possiede un immobile all'estero. IVIE VIOLA il divieto della DOPPIA TASSAZIONE e introduce elementi di DISCRIMINAZIONE TRA I CITTADINI. Inoltre, l'IVIE contrasta, secondo gli interroganti, con il principio di libera circolazione dei capitali (Articolo 63) e con il principio di libera circolazione dei lavoratori (Articolo 45) all'interno dell'Unione europea. Qualcuno si sta già muovendo, aiutiamoli a combattere questa norma assurda. FIRMIAMO IN TANTI LA PETIZIONE: http://www.avaaz.org/it/petition/Contro_lImposta_sul_Valore_degli_Immobili_allEstero_NO_IVIE/
    rispondi al commento
  • Mario Sacco
    Lunedì 22 Ottobre 2012, alle ore 23:17
    Esempio: cittadino italiano, residente in Italia nell'abitazione con i genitori proprietari della medesima, lui proprietario di un immobile in Inghilterra dove si reca spesso per lavoro (pittore ritrattista), per l'immobile adempie agli obblighi fiscali di quel paese.
    Tale immobile è anche soggetto all'IMU? O va solo indicato nella dichiarazione dei redditi?
    rispondi al commento
  • Tamara
    Martedì 16 Ottobre 2012, alle ore 22:43
    Sono italiana sposata con un marocchino, questa estate abbiamo comprato un'immobile in Marocco la casa è intestata a mio marito mi domando anche al Marocco appartiene questa tassa IVIE?
    rispondi al commento
    • Arch.granata Tamara
      Mercoledì 17 Ottobre 2012, alle ore 10:25
      Per Tamara: se suo marito vive in Italia e fa dichiarazione dei redditi qui, sì.
      rispondi al commento
      • Guglielmo Arch.granata
        Mercoledì 26 Dicembre 2012, alle ore 20:13
        Per Arch. Carmen Granata: Gent. Arch. Granata, buongiorno, desidererei una precisazione:
        l'IVIE per una casa all'estero va pagata anche da persone fisiche non italiane che hanno la residenza all'estero, ma il domicilio fiscale in Italia e presentano la dichiarazione dei redditi sia all'estero che in Italia?
        Grazie e buona giornata.
        rispondi al commento
  • Nexhmije Qosja
    Martedì 16 Ottobre 2012, alle ore 21:53
    E' assurdo, io devo pagare IVIE per una casa che non è neanche abitabile sono scappata da li percchè era inpossibile vivere dentro adesso mi tocca anche pagare.
    rispondi al commento
  • Ana Paula Oliveira
    Mercoledì 3 Ottobre 2012, alle ore 12:11
    Salve, sono una cittadina brasiliana che vive in Italia, circa un mese fa ho comprato una casa nel mio paese insieme a mio fratello che abita in Brasile, qui non lavoro sono casalinga, sono a carico del mio marito su la sua dichiarazione di reddito, devo pagare la IVIE?
    Visto che la casa in Brasile è solo mia?
    rispondi al commento
  • Elisabetta
    Mercoledì 26 Settembre 2012, alle ore 21:42
    Salve, vivo all'estero da 4 anni, ma non mi sono ancora registrata all'aire (cambio di residenza).
    L'anno scorso mi sono sposata con un cittadino inglese e lo scorso ottobre abbiamo comprato un appartamento.
    Io non faccio la dichiarazione dei redditi in Italia e faro' al piu' presto il cambio di residenza.
    Sono tenuta ugualmente al pagamento dell'IVIE?
    E in questo caso, la base imponibile sarebbe solo il 50% del valore dell'appartamento visto che mio marito non è soggetto passibile di questa imposta?
    Ringrazio in anticipo chiunque vorra' rispondermi. Eli.
    rispondi al commento
  • Casoli Alfredo
    Martedì 25 Settembre 2012, alle ore 11:14
    25/09/2012 ok Vs info.
    Le chiedo per gli esuli dell'Istria che hanno salvato la loro proprietà ereditata dai genitori Italiani prima della 2° Guerra Mondiale;
    considerati dalla Croazia come stranieri e come tali assogettati alle locali imposte : come comportarsi con la nuova tassazione IVIE/IMU.
    Si deve calcolare il valore catastale per l'IMU e non IVIE come se fosse un immobile situato in ITALIA ?
    Esiste forse un accordo Ministeriale in tal senso?
    La prego di informarmi, grazie
    rispondi al commento
    • Arch.granata Casoli Alfredo
      Martedì 25 Settembre 2012, alle ore 16:58
      Per Casoli Alfredo: non conosco la normativa Croata. Di certo, se l'immobile è ubicato in Italia, è assogettato a IMU e non a IVIE.
      rispondi al commento
  • Ruggero
    Lunedì 24 Settembre 2012, alle ore 16:57
    Buongiorno, siccome in parecchi stati europei si paga già una tassa sulla proprietà della casa questo importo pagato all'estero si puo' poi portare in detrazione sula dichiarazione dei redditi? Se cosi' non fosse vuol dire che si paga due volte la tassa sulla stessa casa? grazie per la risposta
    rispondi al commento
    • Arch.granata Ruggero
      Martedì 25 Settembre 2012, alle ore 16:47
      Per Ruggero: si, poichè va paga una tassa all'Italia ed una al paese in cui è ubicato l'immobile.
      rispondi al commento
      • Ruggero Arch.granata
        Mercoledì 10 Ottobre 2012, alle ore 12:02
        Per Arch. Carmen Granata: grazie per la risposta; ho provato a fare un calcolo per un appartamento in Francia, valore d'acquisto 100000?, mi viene una IMU da versare impossibile, mi sa dire quanto si dovrebbe pagare? grazie
        rispondi al commento
        • Arch.granata Ruggero
          Mercoledì 10 Ottobre 2012, alle ore 12:31
          Per Ruggero: il valore è lo stesso dell'esempio riportato nell'articolo, quindi 760 euro.
          rispondi al commento
          • Ruggero Arch.granata
            Giovedì 11 Ottobre 2012, alle ore 19:06
            Per Arch. Carmen Granata: Grazie della risposta, ma il dubbio mi é venuto perché nella circolare 28/E della Agenzia delle Entrate del 02/07/2012 é scritto, se non erro:
            "In quattro Paesi europei, Belgio, Francia, Irlanda e Malta, il riferimento non è il valore catastale ma il prezzo d'acquisto.
            Se questo non è disponibile, si utilizza il valore di mercato oppure il reddito medio ordinario, eventualmente previsto dalle legislazioni locali, che va però moltiplicato per i coefficienti IMU (160 per le abitazioni, 80 per gli uffici, 55 per i negozi e così via)" Sembrerebbe quindi che si debba moltplicare per 160 ma così il risultato sarebbe aberrante!!!
            Che ne pensa?
            rispondi al commento
            • Arch.granata Ruggero
              Martedì 16 Ottobre 2012, alle ore 10:21
              Per Ruggero: non conosco questa circolare. Se legge bene l'articolo, vedrà che l'IVIE si calcola in maniera completamente diversa dall'IMU.
              I coefficienti di cui lei parla servono per calcolare l'IMU in Italia e il valore ottenuto, ovviamente, si moltiplica per un'aliquota che va in genere dal 4 al 7 per mille (quindi non si paga il valore ottenuto!).
              rispondi al commento
  • Grace
    Domenica 12 Agosto 2012, alle ore 03:36
    Ho un appartamento in Italia, sono cittadina americana, non vivo in Italia, e stato comprato via permuta mel 1986 con usufrutto ai miei genitori. Purtroppo loro sono morti, consigliatemi per quanto riguarda la legge della dichiazione reditti in Italia. Adesso starei cercando di vendere l'appartamento, non ho un rendito, solo spese e l'immobile è vuoto. Cosa fare ? Qualcuno di voi può risponderermi dandomi un pò di luce su questo problema ? Grazie Grace Fishter
    rispondi al commento
    • Arch.granata Grace
      Venerdì 24 Agosto 2012, alle ore 16:44
      Per Grace: trattandosi di un immobile ubicato in Italia, è tenuta al pagamento dell'Imu.
      rispondi al commento
  • Arch.granata
    Venerdì 27 Luglio 2012, alle ore 10:07
    Dovrebbe pagare 140.000x0,76%= 1.040 euro. A meno che non si tratti di prima abitazione, caso in cui pagherebbe 140.000x0,4%= 560-200= 360 euro. Se lei è residente in Italia, paga sia in Spagna che in Italia.
    rispondi al commento
  • LuluDaniela
    Giovedì 26 Luglio 2012, alle ore 14:31
    Ho comprato casa in Spagna pagandola 140.000 euro. Quanto dovrei pagare? Premetto ho già pagato 175 euro di tassa in Spagna. Pago 2 volte?
    rispondi al commento
    • Roby LuluDaniela
      Domenica 2 Settembre 2012, alle ore 00:32
      Per LuluDaniela: non sanno piu come spillare soldi qui in Italia, vergogna!
      rispondi al commento
Notizie che trattano IVIE: Imu su case all'estero che potrebbero interessarti
Rapporti tra Imu e imposte sui redditi

Rapporti tra Imu e imposte sui redditi

Ciroclare N.5/E dell'Agenzia delle Entrate: quando si applica l'effetto sostitutivo dell'Imu rispetto all'Irpef e addizionali in caso di immobili non locati.
Manuale Fiscale: Quando si acquista un Immobile

Manuale Fiscale: Quando si acquista un Immobile

Quando si acquista una casa a seconda che il venditore sia un privato o un soggetto Iva (es. costruttore), bisogna versare le imposte di registro e le imposte ipotecarie e catastali.
Detrazioni 50% e 65% per casa, ditta o banca all'estero

Detrazioni 50% e 65% per casa, ditta o banca all'estero

Cosa prevede la normativa sulle detrazioni per case all'estero di proprietà di italiani, per opere eseguite da ditte estere o per bonifici eseguiti con banca estera?...
Federalismo Municipale

Federalismo Municipale

Il Consiglio dei Ministri ha varato ieri sera il decreto sul Federalismo Municipale i cui contenuti interessano soprattutto i proprietari di immobili.
Agevolazioni fiscali per immobili vincolati

Agevolazioni fiscali per immobili vincolati

Anche se ci sono state modifiche con l'entrata in vigore del Decreto Semplificazioni, permangono molte agevolazioni fiscali previste per gli immobili vincolati.
IMMOBILIARE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
    • Sverniciatore pistola termica ad aria calda 350? 550? 2000w einhell tc-ha 2000-1
      Sverniciatore pistola termica ad...
      14.90
    • Cuscino in gommapiuma a ferro di cavallo
      Cuscino in gommapiuma a ferro di...
      25.60
    • ScotchBlue Scotch Blue 20963650 Nastro adesivo per verniciatura ideale per grandi superfici 36 mm x 50 m blu
      Scotchblue scotch blue 20963650...
      10.99
    • Morsa universale ampiezza ganasce 70 mm
      Morsa universale ampiezza ganasce...
      22.37
    • Pompa co2 life 2 da
      Pompa co2 life 2 da...
      76.62
    • Compo composter kg2
      Compo composter kg2...
      9.15
    • Kitchenaid k5 heavy duty impastatrice planetaria
      Kitchenaid k5 heavy duty...
      608.78
    • Scaldasalviette dritto termoarredi cromato radiatore termosifone calorifero bagno varie misure
      Scaldasalviette dritto termoarredi...
      144.90
    • Carrello a mano pieghevole capacit di carico max 45 kg
      Carrello a mano pieghevole capacit...
      27.94
    • Einhell 4513385 Cacciavite a Batteria BTSD 361 Li
      Einhell 4513385 cacciavite a...
      19.95
    • Compo cactea terriccio per cactacee
      Compo cactea terriccio per cactacee...
      4.37
    • Pulsante 1p 10a nc matix
      Pulsante 1p 10a nc matix...
      3.22
    • Fraschetti stufa a pellets foko 6 bordeaux fraschetti
      Fraschetti stufa a pellets foko 6...
      748.60
    • Bragagnolo carriola orione gancio bragagnolo
      Bragagnolo carriola orione gancio...
      74.00
    • Set cacciaviti con impugnatura obliqua Torx T9T10T15T20T27T30T40T50 9 pezzi
      Set cacciaviti con impugnatura...
      32.40
    • Spazzola per WC
      Spazzola per wc...
      16.99
    • Ibiza la 6led faretto effetto
      Ibiza la 6led faretto effetto...
      169.90
    • Murale
      Murale...
      1000.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Novatek
  • Casa.it
  • Sicurezzapoint
  • Velux
  • Uretek
  • WaterBarrier
  • Casa.it
  • Officine Locati
  • Faidatebook
  • Geosec
  • Zaccaria Monguzzi
  • Murprotec
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
CHIEDI PREVENTIVI DEL SETTORE: