Infiltrazioni d'acqua: responsabilità legale

News di Condominio
Il tema della responsabilità per danni derivanti da infiltrazioni d'acqua ha dato origine, negli anni, a una vasta e consolidata giurisprudenza in materia.
Infiltrazioni d'acqua: responsabilità legale

Le infiltrazioni d'acqua sono, in genere, conseguenza di danni alle opere murarie, alle condutture o agli impianti di proprietà condominiale o di singoli condomini, nonchè di altre cause, non legate necessariamente alla presenza di danni specifici, quali umidità di risalita o condensa.

Al fine di stabilire di chi sia la responsabilità dei danni conseguenti a un problema di infiltrazione d'acqua, è necessario, in prima analisi, stabilire quali siano i beni di proprietà comune e quali quelli di proprietà esclusiva.

Generalmente, l'elenco delle aree comuni condominiali è riportato in ogni regolamento di condominio, tuttavia, laddove non si disponga di una copia del suddetto regolamento, è possibile consultare il codice civile che, all'art.1117 definisce quali sono le parti comuni di un edificio.


I motivi di contrasto più frequenti nascono a causa di infiltrazioni d'acqua provenienti da tubazioni o opere murarie condominiali danneggiate (condotti dell'acqua o del riscaldamento, lastrici solari, aree sovrastanti locali interrati, ecc.) che recano danno, in maniera più o meno grave, agli immobili di proprietà individuale.

Nel caso di danni alle tubature bisogna distinguere tra quelle di adduzione, di proprietà condominiale sino al contatore privato del singolo condomino, e quelle di scarico di proprietà del condominio sino al collegamento con il tubo del singolo appartamento.

Se la perdita avviene all'interno di tali limiti, gli eventuali danni sono a carico totale del singolo proprietario, altrimenti la spesa viene ripartita tra tutti i condomini in proporzione ai millesimi di proprietà.


Nel caso, invece, di infiltrazioni attraverso il lastrico solare, laddove questo sia di completa proprietà condominiale, il danno va risarcito dal condominio, viceversa, qualora esso sia di pertinenza o di proprietà esclusiva di uno o più condomini, ed assolve funzione di copertura del fabbricato, corre l'obbligo di provvedere alla sua riparazione o ricostruzione nella misura di un terzo della spesa tra i condomini aventi uso esclusivo dello stesso e di due terzi tra tutti gli altri condomini, come stabilito dall'art. 1126 del c.c., sempre che il danno non sia dovuto esclusivamente a fatti imputabili ad una cattiva condotta del condomino proprietario.

Nel momento in cui si intenda richiedere il risarcimento dei danni subiti a causa di infiltrazioni per difetto di manutenzione dal lastrico solare di un edificio condominiale e l'esecuzione dei lavori necessari all'eliminazione di dette cause, il proprietario dell'appartamento danneggiato deve, in ogni caso, presentare la domanda di risarcimento all'amministratore del condominio, anche se l'infiltrazione provenga da un lastrico solare non di uso condominiale ma di uso esclusivo.
Il proprietario o titolare dell'uso esclusivo del lastrico, in tal caso, può essere citato in giudizio soltanto qualora causi impedimento all'esecuzione dei lavori di ripristino deliberati dall'assemblea condominiale.

Diversamente, laddove il danno da infiltrazione d'acqua ad un lastrico solare sia derivato da fatto illecito, come stabilito dal codice civile all'art. 2043, il proprietario dell'appartamento danneggiato deve richiedere il risarcimento dei danni direttamente al proprietario esclusivo della terrazza sovrastante e non può rivolgersi al condominio che resta estraneo anche ad un'eventuale contesa giudiziaria tra le due parti.

Nel caso, infine, di infiltrazioni attraverso soffiti o solai, compresi i balconi, intesi come prolungamento del solaio stesso, il proprietario del piano inferiore è legittimato ad agire nei confronti del proprietario del piano superiore, per il risarcimento dei danni subiti configurandosi per tali strutture, come stabilito dall'art. 1225 c.c., un compossesso da parte dei suddetti proprietari.

In ogni caso, qualora ci si trovi ad affrontare un problema di infiltrazioni d'acqua, è sempre buona norma rivolgersi a tecnici competenti per individuare e bloccare prontamente la causa del fenomeno e valutare la consistenza del danno e, successivamente, richiedere l'assistenza di un legale per intraprendere la richiesta di risarcimento dei danni nelle sedi opportune.

www.aduc.it
www.confabitare.it

Articolo: Infiltrazioni d'acqua: responsabilità legale
Valutazione: 3.54 / 6 basato su 115 voti.

Infiltrazioni d'acqua: responsabilità legale: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI Caratteri rimanenti
Alert Commenti
  • Aleaandro
    Aleaandro
    5 giorni fa
    Mi chiamo Alessandro e per la 5° volta e non sono poche mi trovo il mio appartamento allagato , causa inquilino del piano di sopra quando bagna le sue fioriere si dimentica spesso l'acqua aperta e causando al mio appartamento infiltrazioni dalla soletta.

    L'acqua schende dalle plafoniere come se piovesse rovinandomi tutti i soffitti i muri e quest'anno anche il parque.

    Quest'anno sono tornato dalle ferie e mi sono trovato 2 dita d'acqua in casa e per dirla tutta pioveva anche dall'appartamento sotto il mio.

    Come posso fare e a chi posso interpellare per far si che questo non accada più ?grazie Alessandro
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Aleaandro
      5 giorni fa
      Se tutte le strade percorse non hanno dato risultati sperati, non Le rimane di inviare una lettera di messa in mora con la richiesta di risarcimento danni ed affidarsi ad un legale di Sua fiducia. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Maria
    Maria
    Venerdì 19 Agosto 2016, alle ore 14:46
    Subisco con frequenza macchie di umidità nel mio soffitto sia di cucina che di bagno per perdite dell'appartamento del piano superiore (frequenza annuale).

    Il proprietario tutte le volte si limita a far riparare il danno, ma non intende cambiare le tubature di cucina e bagno (a detta degli idraulici ormai putride!).

    E' tenuto a cio' in vista del fatto che tutti gli anni ci sono perdite e danni per me?

    Grazie mille! Maria
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Maria
      5 giorni fa
      Il proprietario del piano sovrastante, oltre alla normale manutenzione dell'impianto di carico e scarico, è tenuto anche alla prevenzione. Vista la frequenza delle rotture e quindi delle infiltrazioni, Lei non l'ha mai inviato una lettera di messa in mora con la richiesta di risarcimento danni? Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Marco Siino
    Marco Siino
    Sabato 6 Agosto 2016, alle ore 22:52
    Ho avuto un problema di umidità sul tetto del mio appartamento causato dallo scarico della condensa del condizionatore del condomino del piano superiore al mio.
    In pratica il tubo di scarico era all'interno di un piccolo solaio mansardato (dove per altro si trova anche l'unità esterna del condizionatore) lasciato lì per terra senza alcun recipiente che potesse contenere l'acqua di scarico.
    In queste giornate estive molto calde la condensa che si crea tenendo il condizionatore acceso è tanta e si è creata un laghetto che si è pian piano infiltrato creando una grossa macchia di umidità sul mio tetto.
    Il proprietario dell'appartamento non sembra molto propenso a risarcirmi o comunque farmi ripristinare il tetto perché si ostina a sostenere che non è un problema creato da lui.
    Come posso intervenire?
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Marco Siino
      Martedì 9 Agosto 2016, alle ore 19:03
      Accertato che al di sopra del solaio di copertura della Sua unità immobiliare non vi siano altre tubazioni che possano mettere in discussione la tesi sostenuta, deve inviare una lettera raccomandata con ricevuta di ritorno dove lamenta il danno subito e intima il condomino all'eliminazione della causa ed al risarcimento del danno arrecato entro e non oltre i 5gg dalla data del ricevimento della missiva. Credo che con questa messa in mora qualcosa accadrà. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Antonio
    Antonio
    Martedì 2 Agosto 2016, alle ore 17:12
    Il condomino al piano di sopra, mi sta danneggiando il soffitto del bagno per infiltrazioni dal suo, dopo svariati solleciti diretti e all'amministratore.
    Si rifiuta al ripristino.
    Appartamento acquistato con mutuo bancario.
    Lo devo segnalare alla banca anche in quanto proprietario fino a scadenza mutuo?
    E cosa fare in quanto si rifiuta di ripristinare il suo bagno per non continuare a danneggiare il mio?
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Antonio
      Giovedì 4 Agosto 2016, alle ore 10:45
      Se il condomino del piano di sopra si ostina a non eseguire i lavori di riparazione dell'impianto di carico e scarico, l'unica strada è l'azione di citazione in giudizio (ex art. 700 del cpc), con la richiesta di risarcimento danni materiali e morali, oltre al rimborso delle spese legali. Priama di ciò, è fondamentale inviare una lettera raccomandata A/R, intimando al condomino, l'esecuzione dei lavori entro 5gg. dalla notifica. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Piero
    Piero
    Martedì 26 Luglio 2016, alle ore 11:31
    A chi spetta nominare i tecnici qualificati?
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Piero
      Mercoledì 27 Luglio 2016, alle ore 07:55
      In sede di contenzioso giudiziario è il magistrato che nomina il perito tra una lista di iscritti. Nelle liti condominiali il tecnico viene nominato dall'amministratore su proposta di uno o più condomini. Nelle cause ordinarie è la parte stessa ad incaricare un proprio tecnico di fiducia oppure, a volte, attraverso l'avvocato che segue il giudizio. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Daniele
    Daniele
    Sabato 25 Giugno 2016, alle ore 10:16
    Ho avuto un danno da umidità proveniente dal bagno del condomino che abita sopra di me.

    Per il ripristino del danno il condomino è tenuto a risarcire solo una "toppa" oppure deve risarcire l'intera tinteggiatura del soffitto del bagno ?
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Daniele
      Domenica 26 Giugno 2016, alle ore 20:21
      Per uniformità va ritinteggiata l'intera soffitta. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Angelo
    Angelo
    Martedì 21 Giugno 2016, alle ore 16:07
    Mentre facevo dei lavori ti tinteggiatura, ho notato umidità sulla la parete dietro l'armadio della camera da letto.

    L'intonaco si era gonfiato e sgretolato, il direttore dei lavori ha sostenuto da prima che l'umidità era causata dalla condensa , poi gli ho detto che e nell'appartamento confinante vi è un bagno, ed in seguito ad un sopralluogo abbiamo visto che sulla parete in comune vi è un lavandino attraverso cui passano i tubi dell'acqua.

    Secondo il tecnico potrebbe essere una perdita d'acqua ma non visibile perché il bagno è piastrellato ed il proprietario non intende far fare un sopralluogo da un suo tecnico di fiducia.

    Come posso fare per trovare la causa effettiva dell'umidità e a chi spetta pagare i lavori ?
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Angelo
      Martedì 21 Giugno 2016, alle ore 20:17
      Il proprietario confinante non può ostacolare l'accertamento delle infiltrazioni, nè l'esecuzione delle opere di riparazione. Le consiglio di esporre il problema all'Amministratore ed in caso contrario inviare una raccomandata A/R con la denunzia dei fatti e danni arrecati con l'invito a provvedere entro 5gg. Il passo successivo è un atto di citazione. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Andrea
    Andrea
    Venerdì 3 Giugno 2016, alle ore 21:22
    Ho un locale commerciale di proprietà in una palazzina di 4 unita abitative senza amministratore.

    I miei locali a piano terra hanno infiltrazioni d'acqua derivante al terrazzo sovrastante.

    I locatari dei miei locali continuano a scrivere lettere per eseguire opere di manutenzione straordinaria del terrazzo.

    Non riuscendo a dialogare con il proprietario del terrazzo sovrastante per risolvere il problema come posso risolvere il problema e come posso tutelarmi in un eventuale causa con la parte locatrice ?

    E di chi è la responsabilità del terrazzo tetto dei miei locali commerciali ?

    Grazie
    Andrea
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Andrea
      Domenica 5 Giugno 2016, alle ore 18:12
      Quando la controparte non dà risposte alle Sue lamentele, c'è solo la via legale. Prima di arrivare ad un atto di citazione è necessaria una notifica a mezzo raccomandata alla proprietà sovrastante i Suoi locali, le problematiche insorte, i danni fino a quel momento arrecati ed accertati, indicando una data entro la quale va risolta la causa delle infiltrazioni. Se tutto ciò non dà nessun risultato, sarà costretto a nominare un tecnico per una perizia estimativa ed un legale che darà seguito alle Sue legittime dimostranze nelle sedi più opportune. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Peppo82
    Peppo82
    Giovedì 17 Settembre 2015, alle ore 10:04
    Salve vorrei chiedere un consiglio . Ho comprato una casa lo ristrutturata tutta appena mi sono arrivati i mobili ho notato che rimaneva della luce sottoallora ho chiamato il muratore facendomi spiegare come mai e lui mi ha risposto chesi e dovuto addattare alle porte e finestron i tramite un mio amico muratore ho controllato che il pavimento non è in bolla lui mi a detto che di legge la sua tolleranza max e di 6 mm
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
  • 1
  • Condividi questo articolo
Notizie che trattano Infiltrazioni d'acqua: responsabilità legale che potrebbero interessarti
Come trasformare un lastrico solare in un terrazzo

Come trasformare un lastrico solare in un terrazzo

Lastrico solare e terrazzo, sebbene svolgano entrambi la funzione di copertura di un edificio sono tra loro differenti, ecco perchè e come cambiare da uno all'altro.
Spese di ristrutturazione del terrazzo

Spese di ristrutturazione del terrazzo

La copertura dell'edificio condominiale, sia essa del tipo tetto o terrazzo, necessita periodicamente d'interventi manutentivi.
Quando si applica l?art. 1126 del codice civile?

Quando si applica l?art. 1126 del codice civile?

L'art. 1126 del codice civile disicplina la ripartizione delle spese per i lastrici di uso esclusivo. Vediamo se si può applicare anche in altri casi.
Lastrico solare in condominio: che cos'è, di chi è e chi paga la manutenzione

Lastrico solare in condominio: che cos'è, di chi è e chi paga la manutenzione

Il lastrico solare è la parte piana di copertura del'edificio e vista la sua ineliminabile funzione è da considerarsi parte comune o comunque d'interesse comune...
Lastrici solari e manutenzione

Lastrici solari e manutenzione

Le Sentenze della Corte di Cassazione possono essere utili per gestire le suddivisioni, tra i vari condomini, delle spese di manutenzione dei lastrici solari.
Registrati come Utente
258010 UTENTI REGISTRATI
Registrati come Azienda
20633 AZIENDE REGISTRATE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
    • Cancelleria colla poster removibile instant 50gr 75 pz 53131
      Cancelleria colla poster...
      1.27
    • Kitchenaid 5kmt2204eca tostapane
      Kitchenaid 5kmt2204eca tostapane...
      188.75
    • Jocca compressore aria jocca
      Jocca compressore aria jocca...
      18.00
    • Annaffiatoio
      Annaffiatoio...
      7.00
    • Rinforzo strutturale
      Rinforzo strutturale...
      400.00
    • Solaio in latero-cemento
      Solaio in latero-cemento...
      70.00
    • Ricerca infiltrazioni
      Ricerca infiltrazioni...
      550.00
    • Verifica infiltrazioni acqua
      Verifica infiltrazioni acqua...
      880.00
    • Trixie mesh complex zincato
      Trixie mesh complex zincato...
      79.45
    • Arblu appendino cm. 10 x 3,5 h 5,5 aqua art. 15200
      Arblu appendino cm. 10 x 3,5 h 5,5...
      42.77
    • Electrolux forni eob6840bax
      Electrolux forni eob6840bax...
      496.91
    • Bonsaischule wenddorf vaso bonsai 6.8x6.8x4.5cm oliva quadrato in grès smaltato
      Bonsaischule wenddorf vaso bonsai...
      5.20
    • Trappola per talpa a tubo
      Trappola per talpa a tubo...
      8.78
    • Pappylait cane 250 gr
      Pappylait cane 250 gr...
      13.42
    • Compo floranid prato con diserbante
      Compo floranid prato con diserbante...
      24.97
    • Legatrice
      Legatrice...
      34.77
    • Dcg yogurtiera elettrica dcg con 7 vasetti 150 ml yogurteria macchina yogurt maker cucina
      Dcg yogurtiera elettrica dcg con 7...
      18.90
    • Pignatti armadietti spogliatoio serie"miss": modello ad 1 posto singolo verticale dim.cm.38x35xh180.
      Pignatti armadietti spogliatoio...
      134.20
    • Gigaset as120 duo
      Gigaset as120 duo...
      22.00
    • Chicco 6079065260000 - seggiolone new polly 2 in 1, colore: happy land
      Chicco 6079065260000 - seggiolone...
      98.00
    • Palla grasso piccola pz 6
      Palla grasso piccola pz 6...
      2.97
    • Pompa xl 300 electric pro
      Pompa xl 300 electric pro...
      330.38
    • Pompa libertis 5 l multi
      Pompa libertis 5 l multi...
      110.90
    • Wonderweed 300 canna da diserbo
      Wonderweed 300 canna da diserbo...
      24.34
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Mansarda.it
  • Vimec
  • Geosec
  • Protech-Balcony
  • Officine Locati
  • Murprotec
  • Black & Decker
  • Claber
  • Kone
  • Faidatebook
MERCATINO DELL'USATO

Specchiera da appoggio

€ 100.00
foto 4 Pistoia
30 Settembre 2016 ore 00:00

Scultura guerriero mongolo

€ 200.00
foto 3 Modena
31 Dicembre 2016 ore 00:00

Quattro appartamenti ed una mansarda...

€ 59 000.00
foto 6 Torino
30 Settembre 2016 ore 00:00

Vari titoli

€ 1.00
foto 0 Caserta
30 Settembre 2016 ore 00:00
VENDI SUBITO IL TUO USATO DI CASA
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI

Utilizzo dei Cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, navigando ne accetti l'utilizzo. Leggi l'informativa.