Responsabilità del conduttore in caso di incendio

News di Immobiliare
Il conduttore è responsabile della perdita o del deterioramento derivanti da incendio, se non prova che essi siano stati provocati da causa a lui non imputabile.
26 Agosto 2015 ore 15:55

Obbligo di custodia e incendio


Incendio di un'abitazioneNel contratto di locazione rientra tra gli obblighi del conduttore quello di custodire la cosa locata; ai sensi dell'art. 1587 c.c. egli deve prendere in consegna la cosa e osservare la diligenza del buon padre di famiglia nel servirsene e ai sensi dell'art. 1590 c.c. egli dovrà restituire la cosa al locatore nello stato medesimo in cui l'ha ricevuta, in conformità della descrizione che ne sia stata fatta dalle parti, salvo il deterioramento o il consumo risultante dall'uso della cosa in conformità del contratto.

In mancanza di descrizione, si presume che il conduttore abbia ricevuto la cosa in buono stato di manutenzione.

Il conduttore non risponde del perimento o del deterioramento dovuti a vetustà.

Le cose mobili si devono restituire nel luogo dove sono state consegnate.

In generale, poi, l'art. 1177 c.c. statuisce che l'obbligazione di consegnare una cosa determinata include quella di custodirla fino alla consegna.

Come conseguenza di tale obbligazione è prevista espressamente dalla legge (v. art. 1588 c.c.) la responsabilità del conduttore per il caso in cui la cosa locata perisca o si deteriori nel corso della locazione; la legge specifica che ciò vale anche quando tali eventi siano conseguenza di un incendio, a meno che non sia fornita la prova che la causa di tali eventi non sia imputabile al conduttore.

Dunque, si tratta di una responsabilità presunta, superabile solo fornendo la prova cosiddetta liberatoria.

Recentissimamente la sentenza della Corte di Cassazione n. 15721 del 27 luglio 2015 ha infatti ribadito che risponde della perdita e del deterioramento della cosa locata anche se derivante da incendio, qualora non provi che il fatto si sia verificato per causa a lui non imputabile, pone una presunzione di colpa a carico del conduttore, superabile soltanto con la dimostrazione che la causa dell' incendio, identificata in modo positivo e concreto, non sia a lui imputabile, onde, in difetto di tale prova, la causa sconosciuta o anche dubbia della perdita o del deterioramento della cosa locata rimane a suo carico.


La prova liberatoria


Normalmente spetta a chi dichiara di avere subito un torto darne prova ai sensi dell'art. 2697 c.c. (per il quale chi vuol fare valere un diritto in giudizio deve provare i fatti che ne costituiscono il fondamento); senza tale prova non vi è infatti alcun responsabile.

In alcuni casi specifici ed espressamente indicati dalla legge, viceversa, il responsabile è individuato direttamente dalla legge e, mediante una tecnica detta di inversione dell'onere della prova, sarà questi a dover fornire la prova che potrà appunto liberarlo dalla responsabilità.

Le espressioni utilizzate in questi casi dalla legge (caso fortuito, causa non imputabile etc.) sono talmente vaghe da complicare le cose, invece che semplificarle.

Va da sè che il contenzioso che deriva intorno al contenuto da attribuire a dette espressioni al fine di individuare nel caso concreto il responsabile è cospicuo; anche perchè i danni prodotti sono spesso ingenti e pesanti le spese che ne derivano.

È dunque la giurisprudenza a delineare i contenuti di tali concetti.


La causa non imputabile nell'incendio della cosa locata


Quale può essere la causa non imputabile al conduttore?

Ad esempio, l'agire di un terzo (o, comunque una causa esterna): se si dà prova che terzi hanno causato l'incendio sicuramente aumentano le chances di esclusione dalla responsabilità.

Ciò però non basta; oltre all'intervento del terzo il conduttore deve comunque dare prova di avere osservato le norme di diligenza: infatti l'azione del terzo potrebbe essere stato favorita, ad esempio, dall'assenza di controlli.

Anzi, premesso l'accertamento del rispetto delle norme di diligenza, la responsabilità potrà essere esclusa con la prova che l'incendio è stato causato da terzi o comunque da una causa esterna.

Sarà il giudice ad accertare se lo standard di misure custodiali adottate sia, con valutazione ex ante, idoneo alla qualità e alle caratteristiche del bene locato ed a tutti gli elementi di contesto, secondo la comune coscienza sociale di cui il giudice è interprete.

In altri termini che non vi sia stato un comportamento, quanto meno colposo, da parte del conduttore che si sia tradotto in una anche involontaria cooperazione nella produzione dell'evento, in violazione dell'obbligazione accessoria della custodia (v. da ultimo Cass. n. 15721/2015).

La prova liberatoria della responsabilità del conduttore - si è detto - passa attraverso la dimostrazione positiva del caso fortuito, cioè mediante l'individuazione e l'accertamento del fatto esterno, ed estraneo alla sfera di controllo del conduttore, che abbia causato l'incendio (Cass. n. 15721/2015).

Non è dunque sufficiente l'esclusione di responsabilità in sede penale, dove i criteri di imputazione resteranno quelli ordinari: infatti, in assenza di prove in sede penale sarà possibile l'assoluzione mentre, invece, in sede civile - dove per l'esclusione della responsabilità sarà necessario individuare la causa non imputabile al conduttore – vi potrà ben essere la condanna: per l'esclusione della responsabilità occorre infatti che la causa esterna sia nota e non addebitabile al conduttore (v. da ultimo Cass. n. 15721/2015).

A tali fini non è però necessario identificare i responsabili; così ha stabilito sempre la citata sentenza n. 15721/2015 - cassando la decisione che in appello aveva addebitato la responsabilità del conduttore – perchè, pur essendo provato che l'incendio era stato dolosamente provocato da terzi, non era però provato chi fossero detti terzi.


La reponsabilità verso i terzi


Incendio all'interno di un'abitazioneNel caso di incendio troveranno applicazione gli artt. 2051 c.c., 2053 c.c. e 1588 c.c. indicati: dei tre il primo è applicabile a chiunque abbia in custodia il bene - e ne abbia quindi la disponibilità materiale e giuridica - mentre il secondo è applicabile solo al proprietario e il terzo al conduttore.

Mentre i primi due riguardano la responsabilità per i danni causati a terzi dalla rovina del bene, l'ultimo riguarda le responsabilità per i danni causati allo stesso bene locato.

La recente e già citata sentenza n. 15721/2015 precisa infatti che Nella struttura dell'art. 2051 c.c., infatti, il danno è procurato dalla cosa ad altro e non a se stessa, mentre con riferimento all'art. 1588 c.c. afferma che La responsabilità per custodia in ambito contrattuale, invece, sorge in virtù del rapporto, contrattuale appunto, che si instaura tra chi in virtù del contratto acquista la disponibilità materiale della cosa altrui per un certo periodo di tempo e il suo proprietario che gliela affida, e comprendono gli obblighi risarcitori che sorgono in capo al conduttore (o a chi acquisti la disponibilità materiale della cosa in base ad altro rapporto contrattuale) qualora, nel periodo in cui egli ha la disponibilità e quindi il controllo materiale della cosa, la stessa subisca dei danni.

Ad esempio, in applicazione dell'art. 2051 c.c., in caso di danni a terzi anche il proprietario può essere a sua volta ritenuto responsabile quando nè lui nè il conduttore siano riusciti a liberarsi fornendo la prova che l'altro ha omesso di rispettare le norme di diligenza (v. Cass. n. 23945/2009).

Se poi l'evento colpisce quelle parti dell'immobile della cui custodia resta sempre e comunque responsabile il proprietario, sarà questi a essere ritenuto responsabile; ciò varrà, ad esempio, nel caso di danni derivati dalle strutture murarie dell'immobile o dagli impianti in esse inseriti; esempio frequente può essere l'incendio scaturito da guasto all'impianto elettrico.

In tal caso, la responsabilità è stata infatti addossata al proprietario (v. Cass. n. 14745/2007).

Ciò, salvo rivalsa verso il conduttore, se questi non lo ha avvertito della necessità di riparazioni che non erano a suo carico (v. art. 1577, co.1, c.c.).


Incendio della cosa assicurata


Infine, per completezza, si segnala che ai sensi dell'art. 1589 c.c. se la cosa distrutta o deteriorata per incendio era stata assicurata dal locatore o per conto di questo, la responsabilità del conduttore verso il locatore è limitata alla differenza tra l'indennizzo corrisposto dall'assicuratore e il danno effettivo.

Quando si tratta di cosa mobile stimata e l'assicurazione è stata fatta per valore uguale alla stima, cessa ogni responsabilità del conduttore in confronto del locatore, se questi è indennizzato dall'assicuratore.

Sono salve in ogni caso le norme concernenti il diritto di surrogazione dell'assicuratore.

Articolo: Incendio e locazione: responsabilità del conduttore
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 2 voti.

Incendio e locazione: responsabilità del conduttore: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI Alert Commenti
Notizie che trattano Incendio e locazione: responsabilità del conduttore che potrebbero interessarti
Inquilino, appartamento e danni

Inquilino, appartamento e danni

Il conduttore, quale custode della cosa oggetto del contratto, è gravato da una presunzione di colpa per i danni che derivano dal bene concesso in locazione.
Il locatore deve garantire il conduttore anche per danni da beni condominiali

Il locatore deve garantire il conduttore anche per danni da beni condominiali

Nei contratti di locazione di un'unità immobiliare ubicata in condominio, il proprietario deve garantire il conduttore anche per quanto riguarda le parti comuni.
Successione nel contratto di locazione

Successione nel contratto di locazione

Il contratto di locazione, come quasi tutti i contratti, vincola solamente le parti che lo sottoscrivono, ma la legge prevede delle eccezioni a questo principio.
Si può smettere di pagare il canone di locazione in caso di infiltrazioni?

Si può smettere di pagare il canone di locazione in caso di infiltrazioni?

È legittima l'interruzione del pagamento del canone di locazione solo se i vizi impediscono completamente (e non semplicemente limitano) il godimento dell'immobile.
Gravi motivi del conduttore per il recesso dal contratto di locazione

Gravi motivi del conduttore per il recesso dal contratto di locazione

Il recesso del conduttore per gravi motivi per essere esercitabile senza poter essere contestato deve fondarsi su motivi reali e deve essere comunicato nei modi di legge.
Registrati come Utente
274786 UTENTI REGISTRATI
Registrati come Azienda
21009 AZIENDE REGISTRATE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
    • Fermaporta a forma di zampa di gatto
      Fermaporta a forma di zampa di...
      12.99
    • Fermaporte crash dummy door stop
      Fermaporte crash dummy door stop...
      17.99
    • Bottos fertilizzante duraprato 10-6-15 c+b+zn - 5 kg
      Bottos fertilizzante duraprato...
      9.70
    • Argo wally - termoventilatore
      Argo wally - termoventilatore...
      54.53
    • Detergente active clean
      Detergente active clean...
      27.00
    • Gustomax greentherapy gr500
      Gustomax greentherapy gr500...
      9.57
    • Distributore d'acqua autonomo Oasis Claber
      Distributore d'acqua autonomo...
      70.50
    • Behringer nox 404 mixer dj
      Behringer nox 404 mixer dj...
      204.00
    • Arredo giardino salotto da esterno giardino completo divano poltrone tavolino mod. duet set colore bianco
      Arredo giardino salotto da esterno...
      335.00
    • Dolphin maytronics dolphin cosmos 30 digital con telecomando - robot elettrico pulitore per piscina fino a 15 mt
      Dolphin maytronics dolphin cosmos...
      999.00
    • Meliconi stendibiancheria in alluminio 22mt di stendibilita
      Meliconi stendibiancheria in...
      15.90
    • Vivida luce joyo classic: lampada tavolo vivida luce
      Vivida luce joyo classic: lampada...
      85.40
    • Behringer nox 303 mixer dj
      Behringer nox 303 mixer dj...
      208.00
    • Behringer nox 202 mixer dj
      Behringer nox 202 mixer dj...
      172.90
    • Robot lavapavimenti lucidante
      Robot lavapavimenti lucidante...
      85.90
    • Fosfati stop askoll
      Fosfati stop askoll...
      6.71
    • Beghelli 3330 - purificatore acqua e gasatore macchina dell'acqua
      Beghelli 3330 - purificatore acqua...
      68.90
    • Barbecue a gas e pietra lavica lambada 3
      Barbecue a gas e pietra lavica...
      199.00
    • Saldatore a gas dremel versatip completo di accessori
      Saldatore a gas dremel versatip...
      72.50
    • Deodorante granulare per aspirapolvere menta-citronella
      Deodorante granulare per...
      5.90
    • Persiana alluminio eclissa quadra
      Persiana alluminio eclissa quadra...
      200.00
    • Controsoffitti cartongesso idrorepellente antiumidità Milano
      Controsoffitti cartongesso...
      39.00
    • Pd canine zd ultra allergen
      Pd canine zd ultra allergen...
      36.54
    • Sera silikat test
      Sera silikat test...
      16.47
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Mansarda.it
  • Immobiliare.it
  • Weber
  • Onlywood
  • Officine Locati
  • Faidacasa.com
  • Faidatebook
  • Black & Decker
MERCATINO DELL'USATO

Vendita

€ 200.00
foto 0 Roma
Scade il 31 Marzo 2017

Affitasi libero , 5 locali, bagni,...

€ 700.00
foto 3 Milano
Scade il 02 Maggio 2017

Scrivania porta computer in acciaio...

€ 150.00
foto 6 Parma
Scade il 31 Dicembre 2017

Cambio vasca con doccia

€ 1.50
foto 0 Messina
Scade il 01 Gennaio 2018
VENDI SUBITO IL TUO USATO DI CASA
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
86552

Utilizzo dei Cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, navigando ne accetti l'utilizzo. Leggi l'informativa.