Distanze da rispettare

News di Normative
Una delle cause più frequenti delle liti tra vicini riguarda le distanze da rispettare tra le singole proprietà: vediamo come sono regolate dal codice civile.
Distanze da rispettare
Arch. Carmen Granata

Distanze tra fabbricati


distanze da rispettareUna delle cause più frequenti delle liti tra vicini riguarda le distanze da rispettare tra le singole proprietà.

Le distanze tra i fabbricati e i confini delle proprietà sono regolati dal Codice Civile, ed è proprio il mancato rispetto di queste norme che provoca queste liti.
Per quanto riguarda il condominio, invece, la Corte di Cassazione ha ribadito che le norme condominiali hanno il sopravvento su quelle del Codice Civile.

Prima di costruire sul proprio suolo, bisognerebbe porsi alcuni interrogativi, come:

- Quale distanza devo rispettare dalla casa del mio vicino?
- A che distanza posso piantare gli alberi?
- Posso sempre recintare il giardino?

Infatti se si realizzano opere o piantano alberi che infrangono le norme che regolano queste distanze, si può essere chiamati a risarcire il danno o ad abbattere il manufatto.


Distanze da rispettare e codice civile


il codice civileGli articoli del Codice Civile che stabiliscono le distanze minime da rispettare e regolano in maniera precisa i confini tra le proprietà, sono quelli che vanno dal numero 873 al numero 907, con qualche eccezione che vedremo più avanti.

I piani regolatori, i vincoli ambientali, i Regolamenti edilizi locali, le norme di sicurezza sugli impianti e anche il codice della strada, possono aumentare le distanze minime imposte dalla Legge, ma non diminuirle.

Se due costruzioni non sono aderenti, la distanza minima tra di esse in linea d'aria deve essere di almeno 3 metri.


Eccezioni alle distanze minime dai confini


Esistono, però, delle eccezioni anche alle distanze minime fissate dal codice civile.


Prima eccezione


La Cassazione, con la sentenza numero 2331 del 1983 ha riconosciuto ai proprietari di terreni confinanti la possibilità di stabilire tra loro un accordo per ridurre la distanza minima.

Questo vale solo però nel caso in cui il regolamento edilizio locale non abbia fissato le distanze minime.


Seconda eccezione


le eccezioni
Se due fabbricati costruiti da oltre venti anni, hanno una distanza inferiore a quella fissata dalla legge e i proprietari non hanno mai opposto alcuna obiezione, può scattare il diritto all'usucapione cioè il diritto o il possesso protratto per un lungo periodo di tempo si trasforma in diritto o proprietà vera.

Tale diritto è regolato dagli articoli 1158 e seguenti del codice civile e deve essere fatto valere in giudizio con una sentenza.


Cosa si intende per costruzione?


È bene precisare che il concetto di costruzione non si esaurisce semplicemente in quello di edificio, manufatto costituito da muri perimetrali, ma per la giurisprudenza essa è costituita da qualsiasi opera stabilmente infissa al suolo.

balconeCon sentenze succedutesi nel corso degli anni la Cassazione ha stabilito che devono intendersi come costruzioni manufatti quali la tettoia che avanzi rispetto all'edificio già esistente, i balconi, una pensilina costruita su un terrazzo con materiali metallici, una scala esterna in muratura, un manufatto, con finestra, coperto da tettoia formata da travi con soprastanti lamiere, destinata a fienile, magazzino e pollaio, un barbacane quale elemento costruttivo di completamento dell'edificio.

Allo stesso modo ha stabilito che non rientrano in tale concetto le condutture elettriche ed i pali che le sostengono, uno zoccolo basso in muratura con rete metallica infissa, i manufatti realizzati all'interno di preesistenti costruzioni eseguite in appoggio o in aderenza ad un muro comune sul confine, un campo da tennis ad uso privato, dato che la rete metallica che di solito circonda simili campi, non può formare un'intercapedine e come tale non rientra nella previsione dell'art. 873, il muro di contenimento di una scarpata o di un terrapieno, il muro di cinta con altezza non superiore ai tre metri.

In generale, quando in un edificio sono presenti sporti o aggetti, essi non devono essere considerati costruzione quando hanno una funzione meramente decorativa e non hanno alcun compito strutturale.


Muri di confine


Il Codice Civile all'articolo 841 afferma che in qualsiasi momento si ha il diritto di recintare la propria proprietà.

muri di confineSe il muro è alto meno di tre metri l'edificio dovrà essere costruito a più di tre metri di distanza dalla costruzione del vicino, altrimenti i tre metri minimi vanno considerati dal muro di recinzione.

Se un muro è costruito su confine anche da uno solo dei proprietari, l'altro confinante può chiederne la comunione, a patto che divida le spese di costruzione e manutenzione.

Se una costruzione sorge a ridosso di un muro di confine, anche l'altro confinante potrà appoggiare la sua costruzione al muro comune.

Se un muro è a meno di un metro e mezzo dal confine è possibile chiedere la comunione al vicino che dovrà comunque acconsentire e richiedere a sua volta la costruzione del nuovo muro sul confine.

Il Codice Civile stabilisce alcune prove che si possono portare a sostegno del fatto di essere l'unico proprietario del muro, come per esempio la presenza da un lato del muro di cornicioni, mensole, ecc.


Alberi e piante


alberi e pianteIl Codice Civile stabilisce che i confini possono essere segnati anche da siepi o alberi che sono considerati in questo caso comuni.

Piantando nuovi alberi bisogna rispettare una distanza che va da 1 metro a 3 metri a seconda delle dimensioni delle piante, se cioè queste sono di alto, medio fusto o di altezza inferiore a 2,50 mt.
Se le piante sono più basse di un muro di recinzione nessuna distanza deve essere rispettata. (art. 892 c.c.)

Anche per le piante si può applicare il diritto di usucapione. Se muoiono però non è possibile rimpiazzarli.

È possibile pretendere il taglio delle radici o dei rami che invadono il terreno o lo spazio dell'altro confinante.

Articolo: Distanze da rispettare
Valutazione: 4.54 / 6 basato su 414 voti.

Distanze da rispettare: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI Caratteri rimanenti
Alert Commenti
  • Roberta
    Roberta
    1 giorni fa
    Chiedo informazione riguardo ad una copertina in lamiera che il confinante ha posizionato sopra al muro divisorio tra la sua e la mia proprietà.
    E' corretto che questa lattoneria sormonti il muro completamente e risvolti sul lato di mia proprietà, oppure avrebbe dovuto tenerla dalla sua metà, essendo tale lamiera un elemento di finitura del suo box costruito in appoggio al muro di cinta?
    rispondi al commento
  • Francesco
    Francesco
    4 giorni fa
    Vorrei avere anche io un chiarimento in riguardo!

    La mia abitazione possiede due case ai lati e nessuna davanti al cancello di ingresso.

    Posseggo un cancello sulla sinistra dell'abitazione mentre per il restante spazio ho 15 metri di muro che confina il mio terreno.

    Ho deciso di piantare all'eterno di tale muro piccole piante grasse e recintarle con mattoni dell'altezza di 20cm l'uno.

    E' possibile farlo?
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Francesco
      2 giorni fa
      Se il terreno, dove intende piantare le piantine grasse, è di Sua proprietà, puo farlo liberamente. Diversamente dovrà chiedere l'autorizzazione al confinante. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Michele73c
    Michele73c
    Martedì 13 Settembre 2016, alle ore 14:54
    Salve vorrei sapere a che distanza il comune può mettere una panchina sul marciapiede da una abitazione civile.

    Mi spiego meglio,  dove abito io il comune a messo una panchina a circa 2 metri dalla porta d'ingresso.Vorrei sapere se c'è un regolamento in merito a queste casistiche.
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Michele73c
      Mercoledì 14 Settembre 2016, alle ore 08:43
      Esistono due regole: una scritta che detta regole fisse e l'altra che non è scritta, quella del buon senso. In questo caso è la seconda che andava applicata. Faccia un'esposto alla polizia minicipale ed all'ufficio viabilità e decoro e urbano, motivando le Sue dimostranze, vedrà che la panchina verrà spostata. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
      • Michele73c
        Michele73c Pasquale
        Mercoledì 14 Settembre 2016, alle ore 11:52
        Buongiorno sig Pasquale e grazie per la sua disponibilità nell'argomentare il mio quesito, in particolare mi sono soffermato sulla regola scritta oppure del buon senso in riguardo nello specifico che significa che non c'è alcun regolamento che disciplina le distanze e quindi è a discrezione dell'amministrazione comunale e nello specifico dell'ufficio tecnico.

        Lei mi sta consigliando di fare un'esposto ma esistono dei regolamenti oppure mi devo avvalere solo del buon senso da quella amministrazione che è stata autore dei questo increscioso episodio.


        rispondi al commento
        • Pasquale
          Pasquale Michele73c
          Mercoledì 14 Settembre 2016, alle ore 18:35
          Nei fatti non esiste una norma che stabilisce la distanza minima sul posizionamento di una o più panchine. Spesso non seguono un ordine anzi a volte sono situazioni contingenti che però possono limitare i diritti del singolo. Le ho consigliato la seconda regola, perchè è quella più percorribile e trova più accoglienza. La prima, Le comporta ad entrare nel merito di un qualcosa di molto più grande, tipo una riqualificazione urbana, oppure un progetto di sistemazione viaria con aree pedonabili, di passeggio, ecc. che toccano diverse figure professionali, come il progettista, il direttore dei lavori, ecc. che mostrano i "muscoli" su delle cose che non ne hanno affatto bisogno. Segua il mio consiglio. Cordiali saluti.
          rispondi al commento
  • Marco
    Marco
    Lunedì 12 Settembre 2016, alle ore 17:45
    Il giardino di mia proprietà che si trova sul retro della casa, ed al quale si accede dalla porta-finestra della cucina, è diviso dal giardino del vicino attraverso una rete impiantata dal costruttore.

    Il mio vicino ha appena posizionato una casetta attrezzi prefabbricata lungo questa recinzione condivisa, a circa 1,5m (a occhio) di distanza dalla rete suddetta.

    Vorrei sapere se se quanto ha fatto è lecito e/o se vi siano distanze minime da rispettare.
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Marco
      Mercoledì 14 Settembre 2016, alle ore 08:09
      Per legge la distanza minima è di mt. 3,00 salvo diversa regolamentazione locale che, solitamente, è maggiore (mt. 5,00) a seconda del tipo di manufatto e dalla grandezza. In deroga alla distanza minima deve essere stipulato un accordo tra i confinanti con tanto di registrazione. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
      • Daniele Morandini
        Daniele Morandini Pasquale
        Mercoledì 14 Settembre 2016, alle ore 18:45
        Gentilissimo, La ringrazio infinitamente.
        rispondi al commento
  • Giancarlo
    Giancarlo
    Sabato 10 Settembre 2016, alle ore 21:58
    Ho di proprietà un terreno di circa 350 mq, definito area verde, confinante da un lato con una strada provinciale e dall'altra con un parcheggio comunale.

    É possibile montare dei pannelli fotovoltaici e che distanze devo tenere dai confini?

    Giancarlo da Modena
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Giancarlo
      Lunedì 12 Settembre 2016, alle ore 11:36
      Se non ci sono vincoli paesaggistico-ambientali, non dovrebbe avere particolari problemi, Ebbenne, comunque, consultare il regolamento comune perchè negli ultimi 18 mesi le norme sono state un pò ristrette, soprattutto nelle aree di pregio naturale. Se i pannelli sono in pianta fissa a livello del terreno, la distanza minima vera e propria non c'è, se sopraelevati e motorizzati è di 3 metri. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Giulia.bizzarri.9
    Giulia.bizzarri.9
    Martedì 6 Settembre 2016, alle ore 18:11
    Buonasera, avrei bisogno di un chiarimento... Sono proprietaria di una casa che ha in comune una corte con la villetta situata davanti. Abbiamo la servitù di passo per accedere a casa nostra ed un documento redatto dai precedenti proprietari dove si stabilisce che la corte in comune deve rimanere sgombra. La villetta davanti è stata messa in vendita e il proprietario dice che la corte può essere recintata al limite del nostro confine (un marciapiede di 1 metro dalla facciata di casa mia). Può farlo? A che distanza può eventualmente edificare muri o recinzioni? Che altezza massima può avere la recinzione (sia essa fissa o di piante in vaso) per evitare di togliere luce e aria alla camera che affaccia sulla corte?Grazie.
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Giulia.bizzarri.9
      Mercoledì 7 Settembre 2016, alle ore 09:13
      Le condizioni concordate non possono cambiare arbitrariamente, soprattutto qundo si è in presenza di servitù di passo, in quanto si tratterebbe di una limitazione di un diritto e la modifica dello stato dei luoghi. Quindi, indipendentemente dal tipo di siepe e dell'altezza, è un'azione che va fermata, anche legalmente. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Domenico
    Domenico
    Venerdì 2 Settembre 2016, alle ore 18:39
    C' è una distanza minima da rispettare o delle regole del " buon costruire" riguardo alle pavimentazioni esterne a confine?

    Tale pavimentazione è aderente al muro portante della mia casa provocando all'interno dei miei ambiente umidità e quindi muffa.
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Domenico
      Sabato 3 Settembre 2016, alle ore 21:28
      In questo caso non è la distanza, ma la cattiva esecuzione delle opere realizzate dal vicino. Se l'area pavimentata si trova a confine con un'altra proprietà edificata, è opportuno che alla base del costruzione venga apposta una guaina impermeabile e che la pendenza sia in senso opposto alla muratura. In ogni caso va inviata una lettera A/R al proprietario confinante nella quale si denuncia il danno da Lei subito e si intima l'eliminazione entro i 10gg. dalla ricezione e la richiesta di ristoro deldanno cagionato. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Marco
    Marco
    Giovedì 25 Agosto 2016, alle ore 17:17
    Ho comprato un piccolo appartamento che presenta una veranda, la quale confina con un piccolo appezzamento di terra che si trova ad una quota più alta.

    Il vicino vuole annaffiare le piante del giardino e l'acqua crea umidità al muro che funge sia da confine che da contenimento della terra del vicino.

    C'è una norma che mi consente di chiedere al vicino di distanziarsi o fare delle opere di contenimento dell'umidità?
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Marco
      Venerdì 26 Agosto 2016, alle ore 19:21
      Le norme che regolano il rapporto di vicinato vanno dall'art. 873 all'art 888 del codice civile. Dette norme sono di carattere preventivo, indipendentemente dall'eventuale danno arrecato. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Betty
    Betty
    Giovedì 11 Agosto 2016, alle ore 19:23
    Ho comprato una casa 3 anni fa e ho scoperto di avere l'acqua in comune con l'appartamento di sotto che era disabitato.

    Mi avevano detto che se volevo un contatore nuovo lo avrei pagato 200 euro.

    Dopo scopro che il terreno di fronte, che una volta era un unica unità insieme al mio appartamento, ha un rubinetto dell'acqua che è collegato alla mia rete idrica in quanto unica intestataria.Il vicino ora sta facendo dei lavori mi ha comunicato tramite raccomandata che intende chiudersi al confine.

    l'acquedotto mi comunica che è di mia competenza fino al contatore.

    40 mila euro preventivoL'inquilina di sotto non si interessa visto che vende ed io mi trovo a non poter mettere un'altro contatore visto che di fronte non ci passano le tubature.

    Inoltre dovrei chiedere permessi alla strada statale per la posa delle nuova tubazione con un preventivo di spesa di circa 40 mila euro.

    Ora come faccio a fargli dividere dal mio contatore visto che pago solo io?

    Deve rispondere a chi mi ha venduto l'appartamento?
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Betty
      Venerdì 19 Agosto 2016, alle ore 09:49
      Non vi è alcun dubbio che il contratto di compravendita è "viziato" da dichiarazioni mendaci o palesementnte occultate da parte del vecchio proprietario che Le ha venduto la casa. In questo caso è Lui ad essere chiamato a rispondere delle spese ed eventuali danni, gli altri centrano relativamente. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
  • 0
  • 1
  • 0
  • Condividi questo articolo
Notizie che trattano Distanze da rispettare che potrebbero interessarti
Distanze tra fabbricati

Distanze tra fabbricati

Una delle cause più frequenti di lite tra vicini è costituita dalle distanze tra le proprietà o dai muri di confine, regolamentate dal c.c. e dalle norme locali.
Deroga distanze minime e barriere architettoniche

Deroga distanze minime e barriere architettoniche

Una sentenza della Corte di Cassazione ribadisce che gli impianti necessari al superamento delle barriere architettoniche possono derogare alle distanze minime.
Componenti igienici

Componenti igienici

Distanze minime tra i componenti igienici.
Ascensori esterni e distanze minime tra le costruzioni

Ascensori esterni e distanze minime tra le costruzioni

Una sentenza del Consiglio di Stato esclude dal concetto di costruzione gli ascensori esterni ritenendo non applicabili le disposizioni sulle distanze tra immobili.
Approvati bonus volumetrici

Approvati bonus volumetrici

Previsti dalla normativa nazionale premi di cubatura per incentivare l'isolamento termoacustico.
Registrati come Utente
260221 UTENTI REGISTRATI
Registrati come Azienda
20681 AZIENDE REGISTRATE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
    • Cancelleria colla poster removibile instant 50gr 75 pz 53131
      Cancelleria colla poster...
      1.11
    • Kitchenaid 5kmt2204eca tostapane
      Kitchenaid 5kmt2204eca tostapane...
      184.31
    • Annaffiatoio
      Annaffiatoio...
      7.00
    • Lavatrice carica frontale beko wb 10806 it 6kg 800 giri classe a+ wb10806 lavatrici e asciugatrici
      Lavatrice carica frontale beko wb...
      181.90
    • Serie 450 N Imq I Livello
      Serie 450 n imq i livello...
      17.14
    • Tinteggiatura esterna al mq
      Tinteggiatura esterna al mq...
      8.00
    • Supporto a parete orientabile auna
      Supporto a parete orientabile auna...
      59.90
    • Ibanez sr600 ntf basso natural
      Ibanez sr600 ntf basso natural...
      569.00
    • Lulabi 2 tovagliette disney frozen - lulabi
      Lulabi 2 tovagliette disney frozen...
      3.77
    • Howell mini frigo frigobar minibar capacità in litri 50 classe energetica a+ - frg50
      Howell mini frigo frigobar minibar...
      107.94
    • Princess piastra per waffle princess churros cake maker 132401 [132401]
      Princess piastra per waffle...
      27.79
    • Frescura sdraio alluminio textil.5 posizioni nero
      Frescura sdraio alluminio textil.5...
      30.99
    • Denver ifm 100 ipod iphone
      Denver ifm 100 ipod iphone...
      88.90
    • Trappola per talpa a tubo
      Trappola per talpa a tubo...
      8.78
    • Pappylait cane 250 gr
      Pappylait cane 250 gr...
      13.42
    • Compo floranid prato con diserbante
      Compo floranid prato con diserbante...
      24.97
    • Ciatti staffa vesa braccio per televisori supporto tv murale per tv led lcd e plasma colore nero - enmono30
      Ciatti staffa vesa braccio per...
      9.11
    • Msi wind top pro 22et 4bw-007xeu 1.6ghz n3150 21.5 1920 x 1080pixels touch screen bianco all-in-one pc
      Msi wind top pro 22et 4bw-007xeu 1...
      392.41
    • Foppapedretti appendiabiti portaombrelli portabastoni in legno colore noce mod.sebastian h 170 cm foppapedretti cod.07434
      Foppapedretti appendiabiti...
      141.90
    • Consolle shabby chic thomas
      Consolle shabby chic thomas...
      149.00
    • Legatrice
      Legatrice...
      34.77
    • Palla grasso piccola pz 6
      Palla grasso piccola pz 6...
      2.97
    • Pompa xl 300 electric pro
      Pompa xl 300 electric pro...
      330.38
    • Pompa libertis 5 l multi
      Pompa libertis 5 l multi...
      110.90
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Murprotec
  • Mansarda.it
  • Geosec
  • Vimec
  • Officine Locati
  • Kone
  • Claber
  • Black & Decker
  • Faidatebook
MERCATINO DELL'USATO

Casa indipendente a pochi km darimini...

€ 400 000.00
foto 3 Rimini
31 Ottobre 2016 ore 00:00

Appartamenti liberi diverse metrature...

€ 350.00
foto 4 Torino
30 Settembre 2016 ore 00:00

Tegole

€ 80.00
foto 1 Catania
30 Settembre 2016 ore 00:00

Scaldapiedi elettrico

€ 25.00
foto 3 Pistoia
30 Settembre 2016 ore 00:00
VENDI SUBITO IL TUO USATO DI CASA
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
62093

Utilizzo dei Cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, navigando ne accetti l'utilizzo. Leggi l'informativa.