Cucina a penisola

News di Cucina
Una scelta a volte solo estetica può rivelarsi un'ottima soluzione pratica: i mille volti della penisola in cucina, da contenitore a libera.
Cucina a penisola
Arch. Raffaella Pierri
Arch. Raffaella Pierri

Penisola come piano d'appoggio/lavoro.La penisola in cucina, il più delle volte, è semplicemente una scelta estetica, perchè magari vista sulla rivista specializzata o in qualche stand fieristico.

Se, infatti, lo spazio a disposizione è  sufficiente, è questa una delle opzioni più richieste nelle composizioni di cucine, soprattutto per creare una suddivisione fra spazio cucina e living.

E' una soluzione con tante variabili. Innanzitutto, la prima distinzione da fare riguarda la scelta se renderla più funzionale, attrezzandola con basi contenitive, oppure lasciarla libera, a fare da semplice piano d'appoggio, di lavoro o da tavolo.

Tale scelta è legata anche agli spazi a disposizione, oltre che all'estetica finale che si vuole raggiungere.

E' da considerare, infatti, lo spazio di manovra per gestire le basi della parte della cucina montata sulla parete, parallelamente al piano penisola, e delle basi eventualmente da sistemare sotto la penisola stessa.

Partendo da una soluzione con spazi minimi a disposizione, è ovvio optare per la penisola solo con piano, di profondità 64 cm circa, rifinito su tutti i lati, in continuità con il resto del top, oppure indipendente, appoggiata al muro.

Il materiale del piano sarà in entrambi i casi lo stesso del top della cucina, per uniformità dei materiali delle superfici orizzontali.

Penisola non attrezzata, appoggiata al muro.L'altezza da terra del piano-penisola,  nel primo caso, è la stessa delle altre basi, quindi 85-90 cm, dipende dall'altezza dello zoccolo e dalla modularità degli articoli dell'azienda scelta.

Poichè risulta più alta rispetto ad un normale tavolo, ci saranno gli sgabelli al posto delle sedie.

Nel secondo caso, quando in appoggio sul muro, se si opta per un'altezza inferiore, allora si possono sistemare delle normali sedie.

Se, invece che sul muro, la penisola, più bassa, si appoggia alla base terminale del resto della composizione, allora  il materiale del piano può anche essere diverso rispetto al top, e riprendere magari il colore della struttura dei mobili della cucina, oppure del piano del tavolo presente eventualmente nella zona pranzo.

Penisola attrezzata, con basi prof.60 cm.Quando si sceglie di fare la penisola attrezzata, la profondità del piano può essere la stessa, cioè 64 cm, oppure arrivare a 94 cm circa, se lo spazio lo consente.

Nel primo caso i mobili su cui poggia avranno la stessa profondità delle altre basi, cioè 60 cm, senza però la possibilità di sfruttare la penisola come tavolo-pranzo o snack, oppure profondità 33-35, come i pensili, lasciando circa 30 cm di sporgenza da un lato per poter stare seduti comodamente.

Nel secondo caso, con il piano profondo 94 cm, le basi hanno profondità 60 cm, con lo spazio a disposizione per stare seduti. Saranno attrezzate con cassetti, cestoni portapentole, semplici ripiani a giorno o chiusi da ante.

Visto che la profondità lo consente, infatti, non ci sono problemi per le guide e i meccanismi che normalmente sono a corredo dei mobili.Penisola attrezzata con piano cottura schermato.

Addirittura, è possibile, in entrambi i casi, prevedere di posizionare sulla penisola il piano cottura ovviamente, sarebbe preferibile farlo solo nel caso della profondità maggiore, così da lasciare più spazio davanti al piano cottura stesso.

Molte composizioni, a questo proposito, prevedono una sorta di schermo in vetro o altro materiale, per proteggere dagli schizzi durante l'uso del piano cottura, nel caso di utilizzo della penisola anche come tavolo pranzo o snack.

Arclinea_ Convivium con cappa d'appoggio.Arclinea_ Cappa da top a scomparsa.L'ultima tendenza è quella di sistemare una cappa da appoggio, fissa o a scomparsa, direttamente sul piano, che faccia contemporaneamente anche da paraschizzi.

Va da sè che, oltre al piano cottura, sulla penisola si può pensare di sistemare anche il lavello, (nel caso sia possibile portare gli impianti in quella posizione), il che risulta anche la soluzione da preferire, in quanto è sicuramente molto più comodo riunire le due zone lavoro in uno stesso spazio.

Penisola attrezzata con piano cottura e lavello e con piano per pranzo.In questi casi, cioè in presenza di piano cottura e lavello, sconsiglio comunque di prevedere un utilizzo della penisola anche come tavolo pranzo o snack, nonostante le riviste patinate siano piene di foto che illustrano situazioni del genere.

Tali soluzioni sono concepibili solo in ambienti molto grandi, ed in cui la penisola è davvero molto lunga, tanto da permettere una suddivisione razionale, a livello spaziale, delle funzioni che su di essa si svolgono.

Vismap- mod. IkoUna soluzione alternativa, che risolve, a volte, problemi di spazio, è quella di dare forme particolari al piano penisola, in questo caso, ovviamente, non attrezzata con basi.

Oltre ai classici terminali semitondi di una volta, c'è la possibilità di dare una forma a goccia, rientrante, in modo da permettere più superficie a disposizione senza ingombrare troppo verso l'esterno, oppure addirittura far fare la penisola su misura, inviando in ditta un disegno con la forma desiderata.

Resta poi una scelta ancora molto apprezzata quella della penisola tonda, variabile nel diametro, che, nella soluzione più piccola, è più che altro un terminale, normalmente più bassa rispetto al resto del top.

Queste soluzioni tonde o tondeggianti permettono la seduta di più persone, grazie alla mancanza di spigoli.
Penisola attrezzata in presenza di altro tavolo.
E' sempre valido il consiglio di evitare l'effetto mensa, cioè l'inserimento di una penisola rettangolare nello stesso ambiente dove c'è già un tavolo.

In questo caso, se proprio si vuole, si può scegliere di fare la penisola di altezza diversa sicuramente da quella del tavolo, e sarà una penisola chiusa sotto, attrezzata con basi anche poco profonde, oppure con dei semplici pannelli rifiniti come le ante dei mobili della cucina, per camuffare quanto più possibile la sua funzione, eventuale, di tavolo snack.

Resta invece una soluzione valida quando il tavolo da pranzo ufficiale è posizionato lontano, o comunque in uno spazio dichiaratamente altro da quello in cui si trova la penisola.

www.vismap.it

www.arclinea.it


Articolo: Cucina a penisola
Valutazione: 4.44 / 6 basato su 9 voti.
  • Ti è piaciuto questo articolo?
    Condividilo sul tuo social!
  • 0
  • 0
  • 0
  • 0
Commenta su Cucina a penisola
Caratteri rimanenti
  • Laura Giacometti
    Domenica 9 Dicembre 2012, alle ore 10:45
    Esistono delle soluzioni di chiusura con un vetro della penisola che funge solo da appoggio di lavoro, ma non da tavolo snack. Mi piacerebbe poter guardare la sala/soggiorno quando cucino, ma chiudere per odori ecc.
    rispondi al commento
Notizie che trattano Cucina a penisola che potrebbero interessarti
Una cucina per ogni spazio

Una cucina per ogni spazio

I mobili di una cucina possono essere collocati in diversi modi, a seconda della forma e delle dimensioni del vano che si ha a disposizione. Vediamo diverse soluzioni.
Cucina con penisola

Cucina con penisola

Cucina con penisola: regola del triangolo rettangolo, per attrezzare gli spazi. Cappa a isola, nella mensola diagonale: link aereo tra le pareti, per dilatare il volume.
Penisola in cucina

Penisola in cucina

Un piano di lavoro ben attrezzato e funzionale è il cuore della cucina, ove poter dar vita alle preparazioni tipiche della tradizione culinaria italiana.
Penisola estraibile in cucina

Penisola estraibile in cucina

In cucina abbiamo la possibilità di far scomparire la penisola sotto al top, per estrarla solo quando serve.
Cucina anni '50

Cucina anni '50

Cucina anni '50 in realistica rappresentazione a mano libera, per i nostalgici. Forme arrotondate e materie prime naturali, danno valore aggiunto al più attuale design.
COSTI DI RISTRUTTURAZIONE?
Costi di ristrutturazione per CUCINA
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE







SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
    • Laica bilancia da cucina digitale elettronica massimo peso rilevabile 3 kg precisione 1 g ks 3009
      Laica bilancia da cucina digitale...
      30.30
    • Monocottura cucina
      Monocottura cucina...
      15.95
    • Cucina laccata lucida
      Cucina laccata lucida...
      3490.00
    • Monoblocco cucina
      Monoblocco cucina...
      650.00
    • Tristar kw-2431 bilancia cucina
      Tristar kw-2431 bilancia cucina...
      8.90
    • Beurer ks 65 - bilancia da cucina elettronica
      Beurer ks 65 - bilancia da cucina...
      39.99
    • Cucina laminato lucido
      Cucina laminato lucido...
      4600.00
    • Cucina completa
      Cucina completa...
      3900.00
    • Cucina completa
      Cucina completa...
      1899.00
    • Cucina componibile modello serena
      Cucina componibile modello serena...
      1590.00
    • Monoblocco cucina
      Monoblocco cucina...
      1490.00
    • Laica bx9300 bilancia da cucina elettronica, 3 kg/1 g, acciaio
      Laica bx9300 bilancia da cucina...
      12.00

BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE