Certificato conformità impianti

NEWS DI Leggi e Normative Tecniche
Vediamo che cos'è il certificato o dichiarazione di conformità di un impianto, chi è tenuto a rilasciarlo e in quali casi tale documentazione è obbligatoria.
14 Agosto 2012 ore 15:52
Arch. Carmen Granata

Che cos'è il certificato di conformità impianti?


impianto elettricoLa dichiarazione di conformità di un impianto è il documento, rilasciato dal tecnico installatore dello stesso, con il quale si attesta la sua conformità alle norme vigenti e alle specifiche tecniche richieste.

Questo documento venne istituito per la prima volta con la legge n. 46 del 1990, ormai sostituita dal Decreto Ministeriale n. 37 del 22 gennaio 2008, nato con l'intento di riordinare in un unico provvedimento legislativo le norme vigenti relative alla sicurezza degli impianti.
Lo scopo è stato anche quello di garantire la sicurezza e l'incolumità pubblica, scongiurando soprattutto gli incidenti domestici dovuti al cattivo funzionamento degli impianti.

L'impresa installatrice è tenuta alla consegna del certificato di conformità, al termine dei lavori di installazione di un impianto di qualsiasi tipo o del suo integrale rifacimento.

Per gli impianti realizzati prima dell'entrata in vigore della legge , o per i casi nei quali non sia possibile reperire la dichiarazione di conformità, invece, il decreto 37/08 ha introdotto la cosiddetta Dichiarazione di Rispondenza, che deve essere redatta a cura di uno dei soggetti previsti dall'art. 7 comma 6 del DM 37/08.

La dichiarazione di conformità è obbligatoria per tutti i tipi di immobili, quindi anche per le civili abitazioni, e per tutti i tipi di impianti, come:

- impianti elettrici;
- impianti di protezione dalle scariche atmosferiche;
- impianti di automazione di porte e cancelli;
- impianti radiotelevisivi;
- impianti di riscaldamento, condizionamento e climatizzazione;
- impianti idro – sanitari;
- impianti gas;
- impianti di sollevamento (ascensori, montacarichi, scale mobili e simili);
- impianti di protezione antincendio.


Contenuti del certificato di conformità impianti


Il certificato viene redatto sulla base di un modello pubblicato in allegato al D. M. 37/08.
Il modello è stato poi modificato con la pubblicazione del Decreto 19 maggio 2010 Modifica degli allegati al decreto 22 gennaio 2008, n. 37, concernente il regolamento in materia di attività di installazione degli impianti all'interno degli edifici.

impianto idricoPer la Dichiarazione di rispondenza, invece, non esiste un modulo standard, ma nella pratica l'installatore dovrà redigere una sorta di relazione tecnica nella quale si attesti l'esecuzione dell'impianto alla regola dell'arte.

La dichiarazione di conformità di un impianto deve contenere una serie di dati obbligatori, così come da modello approvato dal Ministero del Lavoro, come il tipo di impianto, i dati del responsabile tecnico dell'impresa, del committente e del proprietario dell'immobile, i dati relativi all'ubicazione dell'impianto, i materiali impiegati e la rispondenza alle norme vigenti.

Il certificato deve contenere una serie di allegati, la cui assenza ne determina la nullità, che sono:
- il progetto dell'impianto, obbligatorio solo per immobili con determinate caratteristiche dimensionali;
- lo schema di impianto (laddove non c'è il progetto);
- la relazione tipologica (o elenco dei materiali);
- il certificato di iscrizione alla Camera di Commercio della ditta.

La Dichiarazione di conformità deve essere redatta in diverse copie, che vanno consegnate all'utilizzatore dell'impianto e al committente, due delle copie vanno firmate dal committente per ricevuta, e una di esse deve essere presentata dall'installatore allo Sportello Unico dell'Edilizia del comune in cui è ubicato l'impianto.


Per quali usi è richiesto il certificato di conformità impianti?


È importante che l'impresa rilasci al committente il certificato di conformità degli impianti perché, oltre ad attestare la corretta esecuzione degli stessi, il suo utilizzo è obbligatorio per diversi adempimenti burocratici, come la richiesta del certificato di agibilità di un immobile.

Altri adempimenti per il quali può essere richiesto il certificato sono la richiesta di nulla osta sanitario per le attività commerciali e quella di Certificato Prevenzione Incendi.

In ogni caso ricordiamo che per il mancato rilascio del certificato da parte dell'impresa, sono previste sanzioni amministrative che vanno da 1.000 a 10.000 euro.

rogitoLa dichiarazione di conformità, inoltre, deve essere allegata all'atto di rogito in caso di vendita di un immobile o trasferimento a qualsiasi titolo.
Tuttavia, secondo le interpretazioni correnti della legge la mancata allegazione del documento nell'atto di rogito non ne determina la nullità.
In pratica l'allegazione del documento non è obbligatoria ma nel caso in cui esso non sia presente, ciò deve essere indicato nell'atto e l'acquirente dovrà impegnarsi a sue spese far adeguare l'impianto alle norme. Per questo motivo potrà richiedere al venditore uno sconto sul prezzo di acquisto.

La stessa documentazione prevista in caso di trasferimento dell'immobile, deve essere consegnata anche in caso di locazione, comodato o qualunque altro genere di utilizzo, anche se la legge consente di derogare a questo obbligo, su accordo di entrambe le parti.

riproduzione riservata
Articolo: Certificato conformità impianti
Valutazione: 4.98 / 6 basato su 291 voti.
  • fs
  • fs
  • fs
  • fs

Certificato conformità impianti: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Paola
    Paola
    Mercoledì 19 Luglio 2017, alle ore 16:43
    Buongiorno,
    un idraulico nel 2012 mi ha installato la caldaia a gas Turbo.
    Non mi ha detto che con una caldaia turbo era necessaria l’intubazione interna in acciaio della canna fumaria.
    Quindi ha installato la caldaia senza intubarmi la canna fumaria e SENZA RILASCIARMI IL CERTIFICATO DI CONFORMITA’.
    Ho soltanto la fattura rilasciatami all’idraulico per il saldo della caldaia che attesta che lui me l'ha installata.
    Essendo inesperta, mi sono accorta di tutto ciò quando la caldaia ha iniziato a darmi problemi.
    Ho chiesto ripetutamente all’idraulico di rilasciarmi il certificato di conformità per avere un documento che attesti il suo errore e procedere legalmente.
    Lui dice che mi rilascia il certificato di conformità senza problemi, ma passano i giorni e non mi rilascia nulla.
    Come posso procedere per sbloccare questa situazione?
    Posso chiedere un risarcimento all’idraulico?  
    Grazie.
    Cordiali saluti
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Paola
      Mercoledì 19 Luglio 2017, alle ore 18:31
      Le consiglio di scrivere una lettera raccomandata con avviso di ricevimento all'idraulico installatore, intimandogli entro 5 giorni dalla ricezione di eseguire tutte le verifiche di legge, di adeguare e/o mettere in sicurezza la caldaia con annesse opere conseguenziali e di rilasciare la relativa certificazione di conformità, oltre tale termine sarà costretta ad adire le vie legali per la tutela dei propri interessi. Avrà un seguito favorevole. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
      • Paola
        Paola Pasquale
        Mercoledì 19 Luglio 2017, alle ore 19:28
        Grazie infinite per l'immediata risposta che mi è di grande aiuto.
        Le chiedo ancora se le spese per la messa in sicurezza della caldaia (suppongo l'intubazione in acciaio della canna fumaria) sono a mio carico o spettano all'idraulico che mi ha messo a rischio.
        rispondi al commento
        • Pasquale
          Pasquale Paola
          Sabato 22 Luglio 2017, alle ore 22:23
          Le spese dei materiali sono a Suo carico mentre la posa in opera sarà a cura dell'idraulico installatore. Cordiali saluti.
          rispondi al commento
  • Mauro
    Mauro
    Lunedì 17 Luglio 2017, alle ore 15:59
    Il condominio in cui vivo sta valutando la dismissione dell’impianto centralizzato di riscaldamento.
    Nel mio appartamento, all’atto della ristrutturazione effettuata nel 1995, è stata prevista la possibilità di funzionamento dell’impianto di riscaldamento sia centralizzato che autonomo mediante un collettore azionabile manualmente: ciò mi ha indotto, erroneamente, a pensare che la dismissione dell’impianto centralizzato non avrebbe avuto impatto sulla mia unità.
    Il problema è che l’impianto di casa non ha mai avuto una DiCo.
    E’ possibile risolvere il problema attuale con una DiRi oppure devo necessariamente effettuare un nuovo intervento di realizzazione dell’impianto in accordo alle normative 2017?
    Oltre al costo della DiRi dovrò pagare anche una multa al comune?
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Mauro
      Martedì 18 Luglio 2017, alle ore 08:39
      Dal momento del distacco dall'impianto centralizzato, dovrà adeguare il Suo impianto alla normativa vigente allo stato attuale. Quindi, Le servirà una dichiarazione di conformità in quanto risulterà un impianto ex-novo, conformato successivamente alla delibera della dismissione dell'impianto centralizzato. In questo caso non infrange la legge e non dovrà pagare nessuna sanzione. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Giovanni
    Giovanni
    Lunedì 10 Luglio 2017, alle ore 22:44
    Sto valutando l'acquisto di un immobile per il quale è stata aperta una DIA nel 2001 che non è mai stata chiusa.
    Ora il venditore per poter vendere l'immobile chiuderà la DIA.
    Domanda: per chiudere la DIA è tenuto anche a presentare i certificati di conformità degli impianti elettrico- termo idraulico - gas ?
    Ci sono altri impianti da tenere in considerazione?
    A quale normativa eventualmente si deve fare riferimento?
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Giovanni
      Martedì 11 Luglio 2017, alle ore 09:59
      La Dia non chiusa del 2001 è soggetta a sanzioni amministrative ed alla verifica dello stato di conformità tra il progetto realizzato e quello approvato. Tutte le difformità che saranno riscontrate sono difficilmente sanabili. Allegata alla comunicazione di ultimazione dei lavori, che va presentata entro 15 gg., dovrà essere trasmessa al comune tutta la documentazione relativa agli impianti eseguiti e le certificazioni di conformità redatte dalle ditte installatrici, per la richiesta di agibilità/abitabilità. La norma di riferimento è il D.P.R. del 6 giugno 2001, n. 380 artt. 24 e 25. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Andrea
    Andrea
    Lunedì 10 Luglio 2017, alle ore 00:21
    Vorrei sapere se ci sono delle specifiche da rispettare nella redazione dello schema elettrico.
    Mi è stata consegnata la certificazione di casa mia, ma non ci sono indicazioni su come sono stati eseguiti i collegamemnti e tanto meno che cavi elettrici sono stati utilizzati nelle varie tratte.
    Mi aspettavo che la sezione dei cavi venisse dichiarata.
    Prese da 16A dovrebbero avere dei cavi più grossi delle prese da 10A.
    Tutto questo da dove di dovrebbe drdurre nella documentazione consegnata?
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Andrea
      Martedì 11 Luglio 2017, alle ore 09:10
      Il certificato di conformità dell'impianto elettrico, è sempre corredato dai seguenti allegati obbligatori: a) progetto; b) relazione con tipologie dei materiali utilizzati; c) schema di impianto realizzato; d) riferimento a dichiarazioni di conformità precedenti o parziali, già esistenti; e) copia del certificato di riconoscimento dei requisiti tecnico-professionali; f) attestazione di conformità per impianto realizzato con materiali o sistemi non normalizzati. Se il tutto è stato fatto nella regola, dallo schema deduce e si chiarisce tutti i dubbi e perplessità sull'eseguito. Cordiali saluti. 
      rispondi al commento
  • Diego
    Diego
    Venerdì 7 Luglio 2017, alle ore 10:35
    Ho appena finito dei lavori di ristrutturazione classici: nuova distribuzione interna e quindi impianti nuovi; ma abbiamo dei contenziosi con impresa e vorrei essere sicuro di una cosa:
    le certificazioni finali che devono essere consegnate sono:
    GAS; ELETTRICO; e anche quello per gli impianti idrico-sanitari giusto?
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Diego
      Martedì 11 Luglio 2017, alle ore 08:23
      Ha inteso tutto correttamente. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Antonio
    Antonio
    Giovedì 29 Giugno 2017, alle ore 15:41
    Nel 2005 ho effettuato una ristrutturazione di un appartamento preso in affitto dove ho fatto l'impianto elettrico, sanitario, gas , tutto nuovo ora per avere un afitto agevolato mi chiedono là conformità dell'impianto ma le ditte che anno eseguito i lavori non trovano questi certificati.
    Come devo comportarmi?
    Li posso trovare al comune di residenza?
    Se queste ditte non hanno fatto là conformità a suo tempo che devo fare per averli e quanto mi vengono a costare?
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Antonio
      Lunedì 3 Luglio 2017, alle ore 11:58
      Se le opere realizzate nel 2005 sono state eseguite secondo le direttive di legge, il deposito delle certificazioni di conformità è custodito presso l'U.T. del Suo comune, dove potrà recuperare una copia.  Diversamente dovrà incaricare un tecnico abilitato, il quale esperite le verifiche del caso, Le rilascerà una certificazione di Rispondenza "DiRi" con costi che si aggirano intorno ai 500/800 euro, oltre CPA ed Iva, per ciascun impianto analizzato. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Carlo
    Carlo
    Martedì 27 Giugno 2017, alle ore 10:09
    Buongiorno,
    ho un grosso problema, da neanche un anno una ditta specializzata mi ha installato la caldaia a gas a regola d'arte. Purtroppo il titolare, nonché colui che doveva emettere la certificazione, è morto per una malattia improvvisa prima di consegnarmi il certificato che diceva di avere emesso. Cosa devo fare? la ditta non esiste più anche se era abilitata.  Dall'art. 7 c.6 del DM 37/08 non posso neanche far fare la dichiarazione di rispondenza perché impianto del 2016. 
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Carlo
      Venerdì 30 Giugno 2017, alle ore 23:36
      Innanzitutto la certificazione doveva essere rilasciata al termine dell'installazione della caldaia e non molti mesi dopo. Nel Suo caso Le consiglio di rivolgersi ad un'altra ditta del settore, regolarmente iscritta alla CCIAA e spiegare l'accaduto. La stessa eseguirà una attenta verifica dell'impianto e della messa in opera della caldaia, con eventuali adeguamenti normativi, ed al termine dovrà rilasciare il relativo documento. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Utente
    Utente
    Lunedì 26 Giugno 2017, alle ore 13:12
    Buongiorno,
    avrei un quesito da porre: un impianto elettrico realizzato/modificato nel 2003 di cui non si trova la certificazione da allegare ad una compravendita. Il venditore dichiara di aver chiesto al proprio elettricista, che "ristampa la certificazione con la data del 2003". Secondo voi, è possibile?
    Grazie per l'attenzione.
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Utente
      Martedì 27 Giugno 2017, alle ore 19:05
      Se il documento rilasciato dall'installatore non risulta depositato agli atti del comune, a cui sarebbe lecito chiedere una copia conforme, la ditta può rilasciare una copia della conformità ma in data odierna facendo riferimento al lavoro eseguito nel 2003, allegando l'apposita visura camerale anch'essa aggiornata. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Utente
    Utente
    Domenica 18 Giugno 2017, alle ore 18:26
    Vorrei sapere se esiste un limite di tempo oltre il quale decade la responsabilità dell'installatore e se la dichiarazione di conformità ha una qualche scadenza.
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Utente
      Lunedì 19 Giugno 2017, alle ore 17:46
      La responsabilità dell'installatore ha una diversa tempistica: a) corta, per la manutenzione va in base alla periodicità delle verifiche dell'impianto o dell'apparecchio (fissate per legge); b) lunga, per la dichiarazione di conformità che ha valenza fino a quando non vengono effettuate opere di manutenzione straordinaria che ne modificano lo stato iniziale dell'impianto o dell'apparecchio, oppure l'introduzione di nuove norme o regolamenti. Cordiali saluti. 
      rispondi al commento
      • Utente
        Utente Pasquale
        Martedì 20 Giugno 2017, alle ore 11:19
        La ringrazio per la risposta, scusi la mia ignoranza, ma questo punto mi sorge un dubbio: visto che il DM 37/08 è entrato in vigore appunto nel 2008 si rendono nulle le dichiarazioni rilasciate dalla 46/90 fino all'entrata in vigore del decreto?
        rispondi al commento
        • Pasquale
          Pasquale Utente
          Mercoledì 21 Giugno 2017, alle ore 11:36
          Il D.M. 37/08 è stato emanato con lo scopo di mettere ordine nelle competenze tra gli impianti civili ed industriali ed individuare le figure professionali di riferimento senza, però, modificare la sostanza. Sotto l'aspetto pratico ha recepito pienamente la legge n. 46/90.  Se il vecchio impianto è stato certificato in base alla 46/90 e non viene sottoposto a modifiche, la relativa certificazione, ha tutt'ora la sua validità. Cordiali saluti.
          rispondi al commento
          • Utente
            Utente Pasquale
            Venerdì 23 Giugno 2017, alle ore 19:51
            La ringrazio per avermi chiarito i dubbi che avevo e per il tempo che mi ha dediato, è stato molto gentile, 
            rispondi al commento
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Certificato conformità impianti che potrebbero interessarti
Certificato di agibilità

Certificato di agibilità

Il certificato di agibilità è un documento che attesta il verificarsi delle condizioni di sicurezza, igiene e salubrità di un immobile e dei suoi impianti.
Agibilità parziale di un edificio

Agibilità parziale di un edificio

Il certificato di agibilità parziale, introdotto dal Decreto del Fare, può essere richiesto per singoli edifici, porzioni di edificio o unità immobiliari.
Agibilità anche con difformità dal progetto approvato

Agibilità anche con difformità dal progetto approvato

Per il Consiglio di Stato il certifcato di agibilità è un provvedimento scollegato dal titolo abilitativo e può essere concesso anche in difformità da quest'ultimo.
Legge 4 Aprile 2012 e Dichiarazione Conformità

Legge 4 Aprile 2012 e Dichiarazione Conformità

Il Decreto Legislativo 5/12, noto come Decreto semplificazioni, è stato convertito dalla Legge 4 aprile 2012 n. 35: cambia molto per le dichiarazioni di conformità.
Anagrafica condominiale e dichiarazioni di conformità e rispondenza

Anagrafica condominiale e dichiarazioni di conformità e rispondenza

L'anagrafica condominiale deve contenere una serie informazioni e dati. Che cosa accade se il condomino non dispone delle dichiarazioni di conformità o di rispondenza?...
accedi al social
Registrati come Utente
276405 UTENTI REGISTRATI
Registrati come Azienda
21002 AZIENDE REGISTRATE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
    • Cordivari impianto solare termico cordivari b2 a circolazione forzata 1-3 persone
      Cordivari impianto solare termico...
      1.67
    • Papillon tagliasiepi con potatore sega elettrico con prolunga multifunzione elettrosega mod tes 94605
      Papillon tagliasiepi con potatore...
      125.00
    • Anticalcare addolcitore per acqua gel zerocal basic dima codice prodotto 10507610
      Anticalcare addolcitore per acqua...
      88.00
    • Systemplus 2 kit filtri depuratore acqua purificatore ad osmosi inversa 10 filtri mod. 920
      Systemplus 2 kit filtri depuratore...
      115.00
    • Vogue sauna sauna tradizionale finlandese 3-4 posti gamma prestige lofoten ii
      Vogue sauna sauna tradizionale...
      1.20
    • Cordivari impianto solare termico cordivari a circolazione naturale natural evo 3-4 persone
      Cordivari impianto solare termico...
      1.25
    • Impianto di climatizzazione
      Impianto di climatizzazione...
      5500.00
    • Impianto termico
      Impianto termico...
      45.00
    • Impianto telegestione
      Impianto telegestione...
      665.00
    • Impianto elettrico
      Impianto elettrico...
      2500.00
    • Ristrutturazioni. imbiancature, impianto idraulico a Milano
      Ristrutturazioni. imbiancature,...
      1000.00
    • Lavabo
      Lavabo...
      600.00
    • Mondini cavi cavo elettrico prolunga multipolare sezione 3x1 colore bianco lunghezza 10 metri - h05vv-f
      Mondini cavi cavo elettrico...
      8.19
    • Cordivari impianto solare termico cordivari b2 a circolazione forzata 4-5 persone
      Cordivari impianto solare termico...
      2.09
    • Rowenta powerline rh7843we scopa elettrica con sacco
      Rowenta powerline rh7843we scopa...
      67.13
    • Brennenstuhl premium-line ciabatta multipresa 10 prese estensione 3 m
      Brennenstuhl premium-line ciabatta...
      30.11
    • Systemplus depuratore acqua purificatore 4 stadi osmosi inversa a produzione diretta 900 a
      Systemplus depuratore acqua...
      450.00
    • Depuratore acqua 400gpd cabin da sottolavello ad osmosi per casa modello a 5 stadi computer lcd a bordo - membrana da 400gpd
      Depuratore acqua 400gpd cabin da...
      53.68
    • Impianto irrigazione per giardini
      Impianto irrigazione per giardini...
      500.00
    • Ristrutturazione bagno con impianto idraulico
      Ristrutturazione bagno con...
      3400.00
    • Impianto riscaldamento tradizionale
      Impianto riscaldamento tradizionale...
      10.00
    • Impianto domotica, installazioni automatismi
      Impianto domotica, installazioni...
      180.00
    • Pioneer smc 3 k impianto
      Pioneer smc 3 k impianto...
      284.00
    • Acquapure comfort top impianto sopralavello tower
      Acquapure comfort top impianto...
      1889.99
    • Inline® cavo alimentazione classe ii prolunga, spina europlug cee 7-16 a presa europlug cee 7-16, 2m, bianco - 16682w
      Inline® cavo alimentazione...
      4.87
    • Nbrand stufa a legna con forno potenza 16.0 kw volume 220 m3 con vetro ceramico resistente colore nero - fime
      Nbrand stufa a legna con forno...
      402.96
    • Refrigeratori gasatori acqua depuratore acqua erogatore fredda gasata ambiente refrigeratore gasatore everpure e 2kg-co2 esterni
      Refrigeratori gasatori acqua...
      969.00
    • Rubinetti per depuratori rubinetto miscelatore unico 4 vie per acqua depurata - fine serie -
      Rubinetti per depuratori rubinetto...
      196.16
    • Valex potatore elettrico su asta di prolunga telescopica valex et 300 - sega a catena
      Valex potatore elettrico su asta...
      85.50
    • Waldbeck timer rock presa da giardino 2 attacchi 3m timer pietra porta-prese
      Waldbeck timer rock presa da...
      39.99
    • Ristrutturazioni di interni completo
      Ristrutturazioni di interni...
      800.00
    • Auna tt 186e impianto stereo
      Auna tt 186e impianto stereo...
      89.90
    • Auna tt 190 impianto stereo
      Auna tt 190 impianto stereo...
      139.90
    • Acquapure comfort impianto sottolavello c-miscelatore
      Acquapure comfort impianto...
      1605.00
    • Acquapure freeze impianto sottolavello c-miscelatore
      Acquapure freeze impianto...
      958.00
    • Ristrutturazione appartamento completa di impianti
      Ristrutturazione appartamento...
      330.00
Cersaie
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Weber
  • Mansarda.it
  • Policarbonato online
  • Vimec
  • Officine Locati
  • Onlywood
  • Immobiliare.it
  • Ceramica Rondine
  • Faidatebook
  • Black & Decker
MERCATINO DELL'USATO
€ 4 500.00
foto 4 geo Milano
Scade il 31 Dicembre 2017
€ 150.00
foto 6 geo Parma
Scade il 31 Dicembre 2017
€ 500.00
foto 3 geo Milano
Scade il 30 Settembre 2017
€ 1.50
foto 0 geo Messina
Scade il 01 Gennaio 2018
€ 800 000.00
foto 6 geo Parma
Scade il 31 Dicembre 2017
€ 900.00
foto 4 geo Parma
Scade il 31 Dicembre 2017
VENDI SUBITO IL TUO USATO DI CASA
Inserisci annuncio
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
97534
cookie

Utilizzo dei Cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, navigando ne accetti l'utilizzo. Leggi l'informativa.
ok