Autorizzazione paesaggistica semplificata 2017: cosa cambia?

NEWS DI Normative
Il DPR 31 del 2017 apporta importanti modifiche alla disciplina dell'autorizzazione paesaggistica semplificata e non solo. Vediamo cosa cambia e che cosa resta.
11 Maggio 2017 ore 11:47

Autorizzazione paesaggistica semplificata e ordinaria


Bene immobileLa modifica dei beni d'interesse paesaggistico è in genere soggetta ad autorizzazione, cioè alla verifica della compatibilità del progetto con l'interesse paesaggistico.

La forma ordinaria di autorizzazione paesaggistica è prevista e disciplinata dal D.Lgs. n. 42-2004, detto Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio.
Il Codice, nella parte III disciplina i beni paesaggistici e, in particolare, agli artt. 146 e ss. regola le norme relative all'autorizzazione paesaggistica.

Esiste poi una forma semplificata di tale provvedimento; prevista dall'art.146, co.9 del Codice, essa è stata poi disciplinata dal DPCM n.139-2010, oggi abrogato e sostituito dal DPR 31 del 13 febbraio 2017, in vigore dal 6 aprile 2017.

Esistono infine interventi per i quali lo stesso Codice esclude la necessità di autorizzazione.


Autorizzazione paesaggistica: le novità del DPR 31-2017


Il DPR 31-2017 non modifica solo la disciplina dell'autorizzazione semplificata: infatti, ridisegna l'ambito di applicazione della normativa con riferimento agli interventi liberi e a quelli soggetti ad autorizzazione semplificata.

Apporta poi significative modifiche alla procedura per il rilascio dell'autorizzazione semplificata. Non è invece toccata direttamente la disciplina della procedura di autorizzazione ordinaria.

Facciamo dunque una premessa legata all'autorizzazione paesaggistica ordinaria, per poi dedicarci all'autorizzazione paesaggistica semplificata e vedere cosa cambia con il DPR 31-2017.

Come sempre, non possiamo avere pretesa di esaustività, data la complessità dell'argomento trattato, ma cercheremo di rendere un po' più comprensibili le parole utilizzate dai testi normativi.

Anche perché dette parole, apparentemente così lontane, possono avere un effetto decisamente concreto nella nostra vita quotidiana.


Autorizzazione paesaggistica ordinaria


Beni soggetti ad autorizzazione paesaggisticaIl provvedimento è disciplinato dagli artt. 146 e ss. del Codice. I soggetti che sono proprietari, posseggono o detengono beni di interesse paesaggistico, non possono distruggerli e non possono nemmeno modificarli andando a danneggiare quei valori paesaggistici che sono oggetto di protezione.

Se intendono effettuare degli interventi, essi sono tenuti a richiedere un'autorizzazione, detta appunto autorizzazione paesaggistica, e fino a che non l'hanno ottenuta, a non iniziare i lavori.

Sono tenuti a depositare il progetto che intendono realizzare, con la documentazione idonea a consentire la

la verifica della compatibilità fra interesse paesaggistico tutelato e intervento progettato (art. 146, Codice)

Gli immobili e le aree che rientrano nel concetto di interesse paesaggistico sono definiti tali direttamente dalla legge , ai sensi dell'art. 142, D.Lgs. n. 42-2004 oppure da un'autorità amministrativa, secondo le norme di cui ai capi II e III del Codice o secondo i provvedimenti indicati dall'art. 157 dello stesso Codice.

L'art.146 definisce l'autorizzazione paesaggistica come

un atto autonomo e presupposto rispetto al permesso di costruire o agli altri titoli legittimanti l'intervento urbanistico-edilizio (art. 146, Codice)

Una volta ottenuto il provvedimento di autorizzazione, l'intervento deve essere realizzato nei 5 anni successivi e concluso non oltre il primo anno successivo alla scadenza del quinquennio.

Per il periodo successivo deve essere chiesta una nuova autorizzazione.

Però il periodo di efficacia del provvedimento inizia quando inizia il periodo di efficacia del titolo edilizio, a meno che il ritardo (sul rilascio di questo e sulla conseguente acquisizione di efficacia dello stesso) non siano addebitabili all'interessato.


Autorizzazione paesaggistica e competenze


La competenza a pronunciarsi spetta alla Regione, dopo avere acquisito il parere della soprintendenza.

Vi sono casi in cui detto parere è vincolante; altri casi, indicati da specifiche norme, in cui è obbligatorio ma non vincolante.

La Regione può comunque delegare l'esercizio della funzione autorizzatoria ad altri enti, purché questi dispongano delle adeguate competenze tecnico-scientifiche e possano esercitare in maniera differenziata l'attività di tutela paesaggistica e le funzioni amministrative in materia urbanistico-edilizia.


Autorizzazione paesaggistica ordinaria: il procedimento


L'amministrazione competente, ricevuta la domanda, verifica se si verte in un caso di interventi non soggetti ad autorizzazione paesaggistica.

Se l'intervento è soggetto ad autorizzazione paesaggistica, l'autorità verifica la documentazione prodotta (eventualmente, ne chiede un'integrazione) e svolge gli accertamenti necessari.

Autorizzazione paesaggistica ordinaria)
Entro quaranta giorni dalla ricezione dell'istanza, l'amministrazione provvederà ad accertare la conformità dell'intervento con le prescrizioni delle dichiarazioni di interesse pubblico e dei piani urbanistici e successivamente a inviare il tutto al soprintendente, con allegata una relazione tecnica e una proposta di provvedimento; dà inoltre comunicazione all'interessato dell'avvio del procedimento e dell'inoltro del tutto alla soprintendenza, secondo le norme in materia di procedimento amministrativo.

L'interessato può chiedere che intervenga in via sostitutiva la Regione, se l'amministrazione è inerte; se la stessa Regione non abbia delegato altri enti ed è essa stessa inerte, la richiesta è rivolta al soprintendente.

L'autorizzazione paesaggistica è poi inviata alla soprintendenza (che ha reso il parere nel corso del procedimento), nonché, insieme con il parere,

alla regione, ovvero agli altri enti pubblici territoriali interessati e, ove esistente, all'ente parco nel cui territorio si trova l'immobile o l'area sottoposti al vincolo (art. 146, Codice)


La soprintendenza dovrà esprimersi entro quarantacinque giorni; la norma sembra distinguere i casi di parere non vincolante, per i quali prevede un tempo massimo di quarantacinque giorni, oltre i quali l'amministrazione competente deve provvedere comunque (co.5), dai casi in cui il parere della soprintendenza va comunque reso entro quarantacinque giorni (e l'amministrazione deve provvedere in conformità entro venti giorni), ma poi è previsto che in sua assenza l'amministrazione si esprima, comunque, passati sessanta giorni.

La Regione o il Ministero possono inibire e/o sospendere lavori che siano senza autorizzazione o comunque capaci di recare pregiudizio al paesaggio; il provvedimenti sono anche comunicati al comune.

L'autorizzazione paesaggistica può essere impugnata davanti al Tar o con ricorso straordinario al Presidente della Repubblica

dalle associazioni portatrici di interessi diffusi individuate ai sensi delle vigenti disposizioni di legge in materia di ambiente e danno ambientale, e da qualsiasi altro soggetto pubblico o privato che ne abbia interesse (art. 146, Codice)


Le sentenze e le ordinanze del TAR a loro volta possono essere appellate da chiunque vi abbia interesse, anche se non abbia proposto ricorso in primo grado.



DPR 31-2017: interventi liberi, esonerati e soggetti ad autorizzazione


interesse paesaggisticoCome già detto, il nuovo DPR 31-2017 aumenta gli interventi non soggetti ad autorizzazione.

Già il codice prevede all'art. 149 alcuni casi in cui l'autorizzazione non è richiesta.

Il DPR 31/2017 aggiunge gli interventi indicati nell'allegato A, nonché quelli esonerati (dalla procedura semplificata),

qualora nel provvedimento di vincolo, ovvero nel piano paesaggistico, siano contenute le specifiche prescrizioni d'uso intese ad assicurare la conservazione e la tutela del bene paesaggistico (art.4)


Gli interventi di lieve entità soggetti ad autorizzazione paesaggistica semplificata non sono più indicati nell'allegato 1 del DPR 139, ma sono previsti nell'allegato B del decreto 31.

Ammessi alla procedura semplificata, a determinate condizioni, anche i rinnovi delle autorizzazioni ordinarie (art. 7).


Autorizzazione paesaggistica semplificata, la nuova procedura


Vediamo qui le differenze più salienti tra la nuova e la vecchia disciplina del procedimento.

Il nuovo procedimento prevede la compilazione dell'istanza anche per via telematica, secondo un modello indicato nell'allegato C dello stesso decreto, mentre la relazione paesaggistica da allegare alla domanda va redatta secondo il modello D) del medesimo decreto (in precedenza il modello per la relazione paesaggistica semplificata era nel dpcm del 12 dicembre 2005).

Alla presentazione della domanda si applicano ora le norme in materia di amministrazione digitale.

In precedenza l'amministrazione doveva verificare la conformità dell'intervento alla normativa edilizia e urbanistica (e dichiarare l'improcedibilità della domanda in caso negativo) e, superata tale fase, avrebbe dovuto valutare

la conformità dell'intervento alle specifiche prescrizioni d'uso contenute nel piano paesaggistico o nella dichiarazione di pubblico interesse o nel provvedimento di integrazione del vincolo, ovvero la sua compatibilità con i valori paesaggistici presenti nel contesto di riferimento (dpr 139/2010)

Ora l'amministrazione valuta

la conformità dell'intervento o dell'opera alle prescrizioni d'uso, ove presenti, contenute nel provvedimento di vincolo o nel piano paesaggistico, anche solo adottato, ai sensi del Codice, nonché, eventualmente, la sua compatibilità con i valori paesaggistici che qualificano il contesto di riferimento (art.11)


Ora l'amministrazione valuta

la conformità dell'intervento o dell'opera alle prescrizioni d'uso, ove presenti, contenute nel provvedimento di vincolo o nel piano paesaggistico, anche solo adottato, ai sensi del Codice, nonché, eventualmente, la sua compatibilità con i valori paesaggistici che qualificano il contesto di riferimento (art.4)



Tutela paesaggistica
Cambiano i termini: l'eventuale, motivata proposta di accoglimento dell'istanza a cura dell'amministrazione alla soprintendenza, prima da inviare entro 30 giorni, ora va inviata entro 20 giorni; la risposta positiva del soprintendente, costituente parere vincolante, prima da esprimere in 25 giorni, ora va espressa in 20; a quel punto l'amministrazione non ha più 5 ma 10 giorni per esprimere il provvedimento conforme al parere vincolante.

Se il soprintende valutava negativamente la proposta doveva comunicarlo entro 25 giorni; oggi la comunicazione di rigetto va fatta entro 10giorni.

Oggi però il soprintendente deve comunicare quelle modifiche indispensabili per l'accoglimento, a meno che il progetto non sia incompatibile con i valori paesaggistici e, entro 20 giorni dal termine assegnato al richiedente per le proprie osservazioni, deve formulare il provvedimento di diniego.

Le comunicazioni tra i soggetti coinvolti ora sono previste solo in forma telematica.

Viene ora espressamente richiamato il co.4 dell'art. 146 del Codice, secondo cui:

L'autorizzazione paesaggistica costituisce atto autonomo e presupposto rispetto al permesso di costruire o agli altri titoli legittimanti l'intervento urbanistico-edilizio. (art. 146, Codice)

Al di fuori dei casi di accertamento della compatibilità paesaggistica anche in assenza di rispetto delle norme (v. art. 167, co.4 e 5 del Codice)

l'autorizzazione non può essere rilasciata in sanatoria successivamente alla realizzazione, anche parziale, degli interventi.

L'autorizzazione è efficace per un periodo di cinque anni, scaduto il quale l'esecuzione dei progettati lavori deve essere sottoposta a nuova autorizzazione.
I lavori iniziati nel corso del quinquennio di efficacia dell'autorizzazione possono essere conclusi entro e non oltre l'anno successivo la scadenza del quinquennio medesimo. Il termine di efficacia dell'autorizzazione decorre dal giorno in cui acquista efficacia il titolo edilizio eventualmente necessario per la realizzazione dell'intervento, a meno che il ritardo in ordine al rilascio e alla conseguente efficacia di quest'ultimo non sia dipeso da circostanze imputabili all'interessato (art. 146, Codice)


Si rimanda come sempre alla lettura integrale dei testi e della giurisprudenza nonché alla consulenza di professionisti esperti per la soluzione dei casi specifici.

Con la circolare 15-2017 il Ministero per i Beni Culturali ha spiegato in quali termini la nuova disciplina ha applicazione immediata anche ai procedimenti i corso.

Articolo: Autorizzazione paesaggistica semplificata 2017
Valutazione: 1.00 / 6 basato su 1 voti.

Autorizzazione paesaggistica semplificata 2017: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Gino
    Gino
    Giovedì 6 Ottobre 2016, alle ore 23:36
    Devo costruire un nuovo recinto con rete metallica e cordolo in cemento, il terreno è sotto vincolo paesaggistico, quale permessi devo ottenere?
    Mi basta una autorizzazione paesaggistica semplificata e una scia o necessito di altro?
    E posso chiederle in contemporanea o devo aspettare l'autorizzazione e poi richiedere il permesso di costruire?
    rispondi al commento
  • Angela67
    Angela67
    Giovedì 14 Luglio 2016, alle ore 10:45
    Il mio immobile è situato in zona periferica (campagna) nella provincia di Ancona, zona comunque sottoposta a vincolo ambientale.

    Devo fare una manutenzione straordinaria del tetto e l'intonaco esterno.

    In questa occasione vorrei cambiare gli infissi esterni ed interni, ma per questi ultimi non so quali materiali posso utilizzare (se pvc o legno).

    Cosa si prevede in questi casi ?
    rispondi al commento
  • Francescom75
    Francescom75
    Martedì 29 Marzo 2016, alle ore 14:37
    Buongiorno io volevo installare nel mio giardino un barbecue in muratura ( quelli che si acquistano da Obi o brico), volevo sapere se questo caso rientra in quelli che richiedono l'autorizzazione semplificata. Eventualmente, se dovesse rientrare, si può ovviare non cementando le piastrelle sulle quali dovrebbe poggiare ( lasciando spazio tra le fughe)? Grazie
    rispondi al commento
  • Molly75
    Molly75
    Lunedì 15 Settembre 2014, alle ore 15:36
    Salve architetto ho letto il suo articolo e mi sembra chiaro. Devo fare una recinzione ho chiesto l'aut. ambientale semplificata e ho consegnato la domanda in regione data 19 agosto. Ora dalla consegna della domanda (data sulla ricevuta della posta interna alla regione) passano i 60 giorni? Allaregione sono vaghi e il mio architetto anche dice NON LO SO anche un anno...il 19 settempre scaduti i 30 gironi della regione io cosa posso fare?
    rispondi al commento
    • Anonymous
      Anonymous Molly75
      Martedì 16 Settembre 2014, alle ore 09:34
      I giorni necessari per il procedimento sono 60: non ne sono passati neanche la metà.
      rispondi al commento
  • Sara
    Sara
    Martedì 24 Settembre 2013, alle ore 11:23
    Buongiorno Arch. Granata, stiamo ristrutturando una casa con autorizzazione paesaggistica semplificata: il comune emette parere favorele, la pratica va alla Sopraintendenza che ha 25 giorni.
    Al 20° giorno chiede integr. di foto (la domanda era accompagnata da una relazione tecnica con 35 foto).
    Ora, quali sono i tempi della Sopraintendenza per emettere un parere?
    Ripartono i 25 giorni, essendo i termini precedenti?
    La ringrazio.
    rispondi al commento
  • Nino
    Nino
    Lunedì 27 Maggio 2013, alle ore 17:35
    Salve, nel 1989 il Comune rilascia Concessione edilizia relativamente ad una lavanderia ed un locale deposito.
    A seguito di accertamento si rileva la mancanza del nullaosta ambientale.
    Necessitava del provvedimento in esame, questo fabbricato posto entro 300 metri dalla battigia come ex lege galasso?
    Grazie.
    rispondi al commento
    • Anonymous
      Anonymous Nino
      Martedì 28 Maggio 2013, alle ore 11:49
      Per Nino: sì, perchè la zona rientrava in regime di vincolo, e quindi necessitava di un iter autorizzativo più rigido.
      rispondi al commento
  • Stefania
    Stefania
    Giovedì 21 Marzo 2013, alle ore 23:05
    Buongiorno, secondo voi si possono iniziare i lavori a 60 giorni dalla presentazione della richiesta anche nel caso non mi sia pervenuta comunicazione alcuna da parte del Comune? Esempio:
    15 marzo: presentazione pratica di richiesta autorizzazione paesaggistica semplificata;
    16 maggio: inizio lavori.
    Cordialmente.
    rispondi al commento
    • Anonymous
      Anonymous Stefania
      Venerdì 22 Marzo 2013, alle ore 12:05
      Per Stefania: se il Soprintendente non si esprime entro i termini, l'Amministrazione provinciale senza indire la conferenza dei servizi, emette l'autorizzazione.
      Ma deve comunque attendere questa autorizzazione per iniziare i lavori.
      rispondi al commento
  • Alberto
    Alberto
    Martedì 4 Dicembre 2012, alle ore 11:48
    Devo realizzare un impianto fotovoltaico sul tetto di un edificio che ricade soltanto in zona di interesse archeologico (art. 142 co. 1, lettera m del D.Lgs 142/04). Per ottenere il relativo nulla osta da consegnare in Municipio insieme alla CIL basta fare la richiesta alla Soprintendenza per i beni Archeologici oppure dopo aver ottenuto il nulla osta preventivo da quest'ultima devo presentare anche l'autorizzazione paesaggistica (nel mio caso semplificata)? Grazie
    rispondi al commento
    • Anonymous
      Anonymous Alberto
      Martedì 4 Dicembre 2012, alle ore 12:05
      Per Alberto: come spiegato nell'articolo, l'A.P.S. è stata introdotta per evitare lungaggini burocratiche per piccoli interventi, per cui dovrebbe bastare questa.
      Se però il comune le ha chiesto il N.O., in tal caso, visto che c'è quello, non è necessaria.
      rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Autorizzazione paesaggistica semplificata 2017 che potrebbero interessarti
Accertamento di conformità urbanistica

Accertamento di conformità urbanistica

Anche se si riscontrano delle difformità, rispetto al progetto autorizzato, vi possono essere le condizioni per un eventuale condono.
Nulla osta paesaggistico impianto fotovoltaico

Nulla osta paesaggistico impianto fotovoltaico

Una recente sentenza del Tar Veneto stabilisce che la Soprintendenza, per negare l'installazione di un impianto FV, deve motivarne l'incompatibilità con il paesaggio.
Eco-luogo: abitare sostenibile

Eco-luogo: abitare sostenibile

Il Ministero dell'Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare ha promosso un consulto informale tra ingegneri e architetti per l'ideazione di ECO_LUOGHI...
Pratiche edilizie

Pratiche edilizie

In questo articolo illustriamo quali sono le pratiche necessarie a seconda degli interventi edilizi, rimandandovi a ciascun articolo specifico per maggiori dettagli.
Fotovoltaico  e paesaggio

Fotovoltaico e paesaggio

L'installazione di impianti fotovoltaici, in diversi comuni italiani, richiede un confronto diretto con le norme del Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio.
Registrati come Utente
272155 UTENTI REGISTRATI
Registrati come Azienda
20941 AZIENDE REGISTRATE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
    • Yamaha yht-1910 5.1 600w compatibilità 3d nero sistema home cinema
      Yamaha yht-1910 5.1 600w...
      299.00
    • Bahco bahco troncarami bypass sistema a leva
      Bahco bahco troncarami bypass...
      67.73
    • Ssd sandisk ssd x400 128gb sata iii 6.0 gb-s (sd8sb8u-128g-1122)
      Ssd sandisk ssd x400 128gb sata...
      73.50
    • Settimino maxi cm.76x41x127h olmo.
      Settimino maxi cm.76x41x127h olmo.
      169.00
    • Hoover lavasciuga slim wdxoc4465ac capacità lav - asc 6-5 kg classe b velocità 1400 giri
      Hoover lavasciuga slim wdxoc4465ac...
      399.99
    • Kenwood km242 prospero kitchen machine impastatrice planetaria, coperchio con sistema interlock, ciotola 4.3 l
      Kenwood km242 prospero kitchen...
      160.00
    • Termocamino klover
      Termocamino klover...
      2810.00
    • Finestra pvc isol 70c
      Finestra pvc isol 70c...
      200.00
    • Presa bivalente Gewiss
      Presa bivalente gewiss...
      5.80
    • Progetto d'arredamento per ristrutturazione
      Progetto d'arredamento per...
      150.00
    • Irrigatore a picchetto SPIKE-JET Claber
      Irrigatore a picchetto spike-jet...
      6.20
    • Mitsubishi climatizzatore inverter trial split 9+9+9 btu
      Mitsubishi climatizzatore inverter...
      2110.00
    • Moulinex friggitrice elettrica capacità olio 1,8 litri - af1231
      Moulinex friggitrice elettrica...
      36.10
    • Smeg lbw610cit bianco
      Smeg lbw610cit bianco...
      289.00
    • Didiesse frog didiesse + porta accessori+50 cialde caffettiamo
      Didiesse frog didiesse + porta...
      129.00
    • Sangiorgio congelatore a pozzo pozzetto orizzontale capacità 205 litri classe energetica a+ capacità di congelamento 15 kg-24h raffredda
      Sangiorgio congelatore a pozzo...
      177.96
    • Candy lavatrice slim a carica frontale capacità 5kg velocità 1000 giri classe energetica a++ profondità 33cm colore bianco - gcy1
      Candy lavatrice slim a carica...
      267.44
    • Bonsaii 4s30
      Bonsaii 4s30...
      506.30
    • Mitsubishi climatizzatore inverter trial split 9+9+12 btu
      Mitsubishi climatizzatore inverter...
      2140.00
    • Ombrellone quadrato
      Ombrellone quadrato...
      950.00
    • Haier climatizzatore inverter classe a+++ gas r32
      Haier climatizzatore inverter...
      731.00
    • Mitsubishi climatizzatore inverter trial split 9+9+12 zen
      Mitsubishi climatizzatore inverter...
      2600.00
    • Samsung climatizzatore inverter dual 9+9 classe a++
      Samsung climatizzatore inverter...
      1015.00
    • Samsung climatizzatore inverter trial split 9+9+12 maldives
      Samsung climatizzatore inverter...
      1510.00
    • Cameretta bambini ragazzi hurrà 01 lampone
      Cameretta bambini ragazzi...
      547.90
    • Ssd sandisk ssd x400 256gb sata iii 6.0 gb-s (sd8sb8u-256g-1122)
      Ssd sandisk ssd x400 256gb sata...
      103.50
    • Ariete forno fornetto elettrico capacità 10 litri potenza 800 watt timer colore nero - grangusto 100 - 980
      Ariete forno fornetto elettrico...
      25.34
    • Riello ups gruppo di continuità iplug 600 va potenza 360 watt multipresa ups
      Riello ups gruppo di...
      91.99
    • Electrolux lavatrice slim carica frontale capacità di carico 6 kg classe energetica a+++ profondità 43 cm centrifuga 1000 giri - rws1061
      Electrolux lavatrice slim carica...
      239.00
    • Asus dsl-ac55u ac1200 modem router adsl-vdsl dual-band wi-fi gigabit, usb, 4 antenne esterne, 5 porte gigabit, dual wan, supporto 3g-4g per dongle usb
      Asus dsl-ac55u ac1200 modem router...
      89.99
    • Samsung climatizzatore inverter trial split 9+9+9 maldives
      Samsung climatizzatore inverter...
      1488.00
    • Samsung climatizzatore inverter dual btu 12000+18000 a++
      Samsung climatizzatore inverter...
      1680.00
    • Mitsubishi climatizzatore inverter 9000 btu msz sf25ve
      Mitsubishi climatizzatore inverter...
      730.00
    • Mitsubishi climatizzatore inverter trial split 9+9+12 serie
      Mitsubishi climatizzatore inverter...
      2435.00
    • Hitachi climatizzatore monosplit inverter 9000 btu classe
      Hitachi climatizzatore monosplit...
      860.00
    • Mitsubishi climatizzatore inverter trial split 9+9+9 serie
      Mitsubishi climatizzatore inverter...
      2415.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Tapparelle
  • Onlywood
  • Vimec
  • Officine Locati
  • Mansarda.it
  • Weber
  • Immobiliare.it
  • Black & Decker
  • Faidatebook
  • Ceramica Rondine
MERCATINO DELL'USATO
€ 850.00
foto 2 Napoli
Scade il 14 Luglio 2017
€ 4 500.00
foto 4 Milano
Scade il 31 Dicembre 2017
€ 150.00
foto 6 Parma
Scade il 31 Dicembre 2017
€ 110 000.00
foto 0 Forli Cesena
Scade il 31 Maggio 2017
€ 900.00
foto 4 Parma
Scade il 31 Dicembre 2017
€ 800 000.00
foto 6 Parma
Scade il 31 Dicembre 2017
VENDI SUBITO IL TUO USATO DI CASA
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
91375

Utilizzo dei Cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, navigando ne accetti l'utilizzo. Leggi l'informativa.